Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 08, 2022 Sebastiano Scuderi 1158volte

“Run project” e regole Fidal come le “gride” manzoniane

Cometa Press Cometa Press Roberto Mandelli

Domenica scorsa si è disputata la Maratona del Lago di Garda (anzi, ufficialmente Lake Garda 42/21), con 657 classificati, e la Mezza 756; tempi modesti (la vincitrice, se avesse corso a Milano sarebbe arrivata dopo il 30° posto, mentre nell’assai più modesta Russi arrivava quinta; il vincitore uomo finiva dopo il 15° a Milano, e sarebbe stato secondo a Russi dove pure si è corso in versione amatoriale); ma numeri di partecipazione senza dubbio positivi, con quote d’iscrizione non certo contenute, dai 45 e 35 per le due distanze versando il 20 giugno 2021, ai 73 e 63 del 20 marzo 2022.

La domanda che è venuta agli esperti e un po’ anche agli ignari della materia: “Ma come è possibile che la FIDAL abbia consentito la presenza di una maratona e mezza maratona a 150 km da Milano dove si disputava la 20^ Gold Marathon?” (si veda anche il commento di "Tommaso" su queste colonne).

In base alla Convenzione appena firmata FIDAL – EPS l’allegato 1 al capitolo 3 “Attività sportiva” riporta quanto segue:

3.1 Maratona e Mezza Maratona, nonché tutte le distanze standard (5- 10- 15 – 20 – 25 – 30 – 100 km) individuate da World Athletics per le quali la FIDAL è l’unico ente a certificare e omologare il percorso e le prestazioni..

3.3 Nel caso di manifestazioni FIDAL non stadia inserite nel calendario da EPS i tesserati FIDAL, Runcard ed EPS potranno partecipare reciprocamente alle rispettive manifestazioni in forza del proprio tesseramento, a condizione che le manifestazioni EPS vengano comunicate e concordate limitatamente  e concordate limitatamente ai casi di concomitanza, al Comitato territoriale FIDAL di riferimento secondo le seguenti tempistiche: entro il 31 dicembre – primo quadrimestre, 30 aprile – secondo, 31 agosto terzo.

Non era possibile che la Lombardia avesse concesso una concomitanza, oltre a tutto irregolare in base al comma 3.1. Cosa era successo?

Accertato per quanto possibile che la Lake Garda non fosse FIDAL né EPS, la domanda era: chi è l’organizzatore? Sul sito della manifestazione si legge COMMUNICO GmbH, Prof-Max–Lange Platz 15 - 83646 Bad Toelz – GERMANIA (dunque, una cittadina termale a 50 km da Monaco di Baviera, e gemellata con San Giuliano Terme, Pisa).

Dunque si tratta di una Società tedesca specializzata in avvenimenti, che organizza in Italia una manifestazione INTERNAZIONALE senza chiedere permesso a nessuno; perfettamente regolare, la globalizzazione, oltre a tutto all’interno della Comunità europea, consente la libera concorrenza.

La pretesa esclusiva FIDAL sulle maratone e mezze maratone è una “grida” non sostenibile; l’omologazione del percorso e dei risultati sì, in base al Regolamento Internazionale; il calendario condiviso, sì, in base ad una Convenzione, che poi mostra falle da tutte le parti: in molti dispositivi EPS si legge tranquillamente km 21,097 o 42,195 omologati - giudici EPS (?!).

D’altra parte al podista medio poco importa il risultato quanto invece l’organizzazione e l’amenità del percorso (è più gratificante correre lungo le rive di un lago o nelle strade soffocanti di una città inquinata?).

E’ ora che la FIDAL riveda i criteri su cui ha impostato la sua politica non stadia: stop a regole e regolette, che nessuno o quasi rispetta; anche i Comitati territoriali si vedono costretti a scendere a patti con gli organizzatori e accettare manifestazioni su 21 o 42 km con nomi fantasiosi, purché non parlino di Maratona o Mezza Maratona (come nei primi tempi della peste di Milano, non si poteva parlare di peste; idem poi ai tempi del colera di Napoli secondo i tg Rai), in una commedia da “Io so che tu sai che io so” dove Alberto Sordi e Monica Vitti sanno tutto del coniuge ma preferiscono tirar diritto guadagnandoci entrambi.

 

1 commento

  • Link al commento Sabato, 09 Aprile 2022 16:21 inviato da Poli Sandro

    ben venga quanto auspicato in articolo, ovvero al bando regole e regolette che nessuno o quasi rispetta. Del resto credo che chiunque possa organizzare una manifestazione su distanze olimpiche e no. Le autorizzazioni ad organizzare una manifestazione che mira essenzialmente a far correre il turista sportivo sono rilasciate da Questura, Prefettura, Comuni etc etc. Non vige obbligo che questa debba giocoforza essere FIDAL oppure EPS . Al "podista medio poco importa il risultato quanto invece l’organizzazione e l’amenità del percorso". Ovunque si vedono non competitive organizzate sulla stessa distanza della gara competitiva FIDAL seppur vietate senza che nessuno dica qualcosa, ed allora speriamo arrivino meno regole e regolette. Ma credo che i tempi saranno lunghi . Ed intanto ognuno fa meglio che puo'. Buone corse. Poli Sandro

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina