Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 25, 2018 Ufficio Stampa Evento 821volte

Pistoia - 43^ Pistoia-Abetone

L'arrivo del vincitore Rono L'arrivo del vincitore Rono Foto Ufficio Stampa

Esordienti al successo alla Pistoia-Abetone Ultramarathon: il keniota Julius Rono Kipngetich e la croata Nikolina Sustic trionfano al primo tentativo aggiudicandosi la 43esima edizione della classica delle ultra in montagna. 

L'africano ha messo in riga tutti gli avversari fermando il cronometro a 3h19'16'', secondo tempo di sempre della manifestazione. Una gara impressionante la sua, condotta a ritmi indiavolati fin dai primi chilometri spalla a spalla con il ruandese Jean Baptiste Simukeka - vincitore dell'edizione 2017 - che ha chiuso al secondo posto con il tempo di 3h24'45''. Terza posizione per l'abruzzese Alberico Di Cecco, grande specialista sulle lunghe distanze e vecchia conoscenza della Pistoia-Abetone con numerose prestazioni da podio. 

Prestazione da incorniciare anche per la Sustic, favorita della vigilia con un curriculum recente di tutto rispetto (notevole il terzo posto assoluto al Passatore 2017 con annesso record femminile) e un posto nella storia della corsa con il quinto tempo di sempre (4h07'22''). Al secondo posto si è piazzata la rumena naturalizzata ungherese Simona Staicu (4h11'21''), trionfatrice delle ultime tre edizioni e detentrice del record femminile (stabilito nel 2015). Terzo posto per la slovena Neza Mravlje, altra esperta di tornanti abetonesi (4h19'18'' il suo tempo).

 I ritmi di gara sono apparsi subito alti, complice anche la temperatura non troppo elevata che ha creato le condizioni ideali per una corsa massacrante come la ultra della montagna pistoiese. Fin dai primi chilometri si sono messi subito in luce Rono e Simukeka, per metà distanza ben fronteggiati da Di Cecco e Matteo Lucchese, al ritorno in gara dopo due vittorie e uno stop per infortunio nel 2017. I quattro hanno subito fatto il vuoto, tagliando praticamente insieme il traguardo volante dei 16 chilometri Le Piastre, prima dura salita del tracciato. A San Marcello Pistoiese i due italiani hanno iniziato a perdere terreno ed è scattato il duello tra i due africani. Ma Rono Kipngetich ha dimostrato di essere in giornata di grazia, staccando Simukeka sulla salita finale tanto da precederlo all'arrivo di ben 5 minuti. 

Tutti in solitaria i cinquanta chilometri di Nikolina Sustic, subito all'attacco fin dallo start di via Cavour a Pistoia. Mai in difficoltà nonostante l'inesperienza del percorso, la Sustic ha vanificato gli sforzi delle dirette avversarie, costringendo Simona Staicu a cederle lo scettro dopo tre anni di predominio. 

Erano oltre 1700 gli iscritti a quella che ormai è diventata una irrinunciabile festa di sport, socialità e solidarietà: oltre alle due competitive, il boom di iscritti si è registrato anche per la camminata libera Free Walking San Marcello Abetone e per il Quarto Traguardo, la passeggiata dedicata ai disabili psichici e motori. Una festa che si ripeterà, per la 44esima volta, il 30 giugno 2019.  

 

3 commenti

  • Link al commento Maurizio Lorenzini Domenica, 01 Luglio 2018 23:18 inviato da Maurizio Lorenzini

    La Pistoia-Abetone non verrà mai chiusa al traffico, l'ho corsa parecchie volte e, a prescindere da comunicati ufficiali , e pie intenzioni, gli organizzatori hanno sempre ritenuto impossibile la chiusura totale. Non so adesso, ma al tempo c'erano delle limitazioni al traffico veicolare fino alle 10.00, fatto che consentiva di ultimare praticamente a tutti i partecipanti le altre due corse, con arrivo alle Piastre ( adesso non si fa più) e a San Marcello Pistoiese. I 7-800 della Pistoia-Abetone devono accontentarsi, tenendo presente che arrivano in ordine molto sparso, e che la gara si fa sulla statale

    Rapporto
  • Link al commento Fabio Marri Domenica, 01 Luglio 2018 11:56 inviato da Fabio Marri

    Vogliamo scommettere se sarà chiusa al traffico prima la Pistoia-Abetone o il Passatore? La quota per "nessuna delle due, mai" è data a 1,01. La Pistoia-Abetone fu la mia prima ultramaratona (allora quotata 53 km); viste e soprattutto annusate le moto che ad ogni tornante rischiavano di investirti (come se non bastassero le bici), decisi che non ci sarei più andato. E così fu.

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Giugno 2018 11:13 inviato da ENRICO BERTELLI

    La corsa è bella e dura ma arrivare fno in cima ti ripaga dello sforzo; però vorrei chiedere agli organizzatori di cercare di ridurre se non annullare il traffico di veicoli e moto; vi assicuro che non è il massimo correre tra i tornanti con la paura di essere investiti, per non parlare dei polmoni che già provati dallo sforzo che stanno producendo debbono subire anche il danno dei gas di scarico.
    Mi sembra impossibile che per un giorno all'anno non si riesca a chiudere la strada!
    Vi ringrazio per l'ospitalità.
    Enrico Bertelli

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina