Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 10, 2019 464volte

Modena, 24^ Camminata New Holland

Allegria di finisher Allegria di finisher Italo Spina

7 aprile – Non competitiva per i modenesi meno agonisti, oggi non impegnati nelle due maratone nazionali o nei campionati di cross, sia locale sia nazionale CSI a Monza, o non abbastanza stanchi per aver corso il giorno prima un impegnativo trail sulle colline della provincia. Insomma, un ritrovo non stressante, su percorsi che andavano dai 3,5 ai 17 km a nord di Modena, includente – quest’ultimo – circa 3 km sull’argine sinistro del Secchia e un paio sulla ex ferrovia Modena-Carpi, compreso ponte metallico sul fiume.

Il tempo è stato clemente, la temperatura ideale, l’atmosfera umana come al solito calorosa; il percorso era ben guardato da vigili nel tratto urbano e da volontari nelle zone esterne alla città. Un po’ di nostalgia nel percorrere un paio di km in zona Madonnina/Ponte Alto che fino a poco fa erano calpestati dai maratoneti “d’Italia”, lì dove ci fu il ristoro di Macchitelli e dell’arbitro nazionale Pedretti.

Molto revival abbiamo fatto, correndo ad andatura di tutto riposo (media finale 6:15), con Angelo Mastrolia, supermaratoneta da 250 maratone ultimate: lanciando più di un pensiero alla Betty (che Mastrolia assicura non bombata in nessuna delle sue numerose risorse, e certamente perseguitata da una Giustizia che somiglia al Var quando gioca la Juventus), e dichiarando che in mancanza sua per la delizia degli occhi rimane la fantomatica Rossella O’Hara (sì, ma la Eleonora Rachele l’hai mai vista?).

Dopo l’argine, si fa un lungo periplo intorno alle nuove carceri di Modena, dal cui interno un altoparlante scandisce chissà cosa (magari corressero anche loro la Vivicittà… ma a Modena questa competizione è sempre stata organizzata di malavoglia ed è sparita prestissimo, soffocata dal roncaratismo secondo cui le classifiche sono il male dello sport); si lambisce il centro ortopedico-fisioterapico più famoso della città, dove visita il mago delle ginocchia; si arriva infine al traguardo, in uno dei quartieri più brutti di Modena, la Sacca, una sfilza di casermoni anni Cinquanta-Sessanta, zona dormitorio per gli operai delle fabbriche di un tempo.

Non resta che il mezzo giro sulla fatiscente pista in catrame, un tempo della Fiat; salvo che qualche addetto un po’ addormentato, quando arriviamo noi, ci manda subito a sinistra cioè nella zona ristori, in pratica al traguardo ma dal senso opposto (oltre al sottoscritto, anche Paolino Malavasi, oggi a riposo tra una 'Minor' e l'altra, cade volentieri nella trappola che ci risparmia 300 metri). Ma tanto, in un regime podistico dove si parte quando si vuole, ci si ritaglia il percorso che si vuole (leggermente patetica la signora che marchiava l’asfalto con la punta metallica dei suoi bastoncini da walking), oppure non si parte affatto con la scusa di presidiare la tenda, e la cosa più importante sono il ristoro finale e le sei tigelle del premio in cambio di due miseri euro, non sarà un gran reato farne 16,700 anziché 17.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina