Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

3 marzo - Sono Birhanu Legese e Ruti Aga i vincitori della 13^ Tokyo Marathon, per la seconda doppietta etiope nella storia di questa maratona, IAAF Gold Label road race e prima Major del 2019.

Il 24enne Legese, 55° nel ranking mondiale di maratona, si è imposto in 2:04:48, secondo crono più veloce nella storia di questa manifestazione; la 25enne Ruti Aga, 10^ nel ranking mondiale femminile della distanza, ha vinto in 2:20:40, terzo tempo più veloce realizzato in questa gara da una donna.

Purtroppo le cattive condizioni meteorologiche, con temperatura bassa e pioggia, hanno penalizzato gli atleti: Legese ha infatti dichiarato che in condizioni migliori avrebbe potuto chiudere in 2:03. 

Comunque entrambi i vincitori hanno ottenuto la prima vittoria della carriera sulla distanza, pur non realizzando i primati personali.

Assente, purtroppo, Kenenisa Bekele, bloccato da una frattura da stress.

La gara maschile, sotto la guida dai pacemakers, ha visto il passaggio al 5° km in 14:37, al 10° in 29:09 e al 15° in 43:56. Il gruppo di testa, composto da dieci ottimi atleti (Legese, Bedan Karoki, Dickson Chumba, Seifu Tura, Simon Kariuki, Yuki Sato, Shogo Nakamura e Suguru Osako e i due pacer) è passato alla mezza in 1:02:01.

Ma ben presto le cattive condizioni climatiche e il ritmo troppo forte hanno fatto sentire il loro peso, con Osako, Nakamura, Tura, Kariuki e Sato che progressivamente si sono staccati dal gruppo al comando,  e invece Karoki, Chumba, Legese e i due pacer rimasti a condurre. Al 29° km, Osako, il recordman giapponese, si è addirittura ritirato.
Al 30° km, passaggio in 1:28:16, il campione uscente Chumba ha perso contatto dai fuggitivi Legese e Karoki, che abbandonati come da programma anche dai pacer, hanno cominciato il duello per la vittoria.

Intorno al 35° km (passaggio in 1:42:57), l’azione decisa di Legese, che ha cominciato a distanziare Karoki, fino ad affermarsi come detto in 2:04:48, a soli 33 secondi dal pb stabilito al suo debutto sulla distanza a Dubai nel 2018. Karoki, ha chiuso in seconda posizione in 2:06:48 (pb), con Chumba, due volte vincitore della gara, terzo in 2:08:44, la sua peggior prestazione a Tokyo.
Quarto Kariuki in 2:09:41, seguito dai giapponesi Kensuke Horio, Masato Imai, Takuya Fujikawa e Daichi Kamino, tutti qualificati per i trials giapponesi di maratona. Deludenti viceversa Nakamura e Sato, partiti troppo forte, e poi finiti rispettivamente 15° e 16°.

Anche la gara femminile ha registrato passaggi molto veloci al 5° km in 16:34, al 10° in 33:04 e al 15° in 49:25. Il gruppo di testa composto da sette atlete (Ababel Yeshaneh, Ruti Aga, Florence Kiplagat, Helen Tola, Shure Demisse, Yebrgual Melese e Bedatu Hirpa), ha superato la mezza in 1:09:44, in vantaggio sul record della corsa.
Al 25° km Melese ha perso contatto dalle compagne di fuga, rimaste in sei al comando fino al 35° quando Aga ha alzato il ritmo affermandosi in 2:20:40, lontano dal suo pb di 2:18:34, ottenuto a Berlino l’anno scorso: anche qui hanno pesantemente influito le condizioni meteo.
Secondo posto per la connazionale Tola in 2:21:01 (pb), davanti all’altra etiope Demisse, terza in 2:21:05, a soli sei secondi dal suo pb (2:20:59 al debutto), E’ il primo podio interamente etiope nella storia di questa maratona.
La keniana Kiplagat è quarta in 2:21:50 (il suo miglior tempo da Chicago 2016), davanti alle etiopi  Hirpa, quinta in 2:23:43, e Yeshaneh, sesta in 2:24:02. Settima la prima giapponese, Mao Ichiyama, in 2:24:33, al debutto sulla distanza; ottava la keniana Joan Chelimo Melly, quarto tempo all-time sulla mezza, ma al debutto in maratona, in 2:26:24; nona Rose Chelimo, campionessa mondiale nel 2017 a Londra e vincitrice dei Giochi Asiatici nel 2018 a Giacarta, in 2:30:35.

Classifiche

Uomini
1 Birhanu Legese (ETH) 2:04:48
2 Bedan Karoki (KEN) 2:06:48
3 Dickson Chumba (KEN) 2:08:44
4 Simon Kariuki (KEN) 2:09:41
5 Kensuke Horio (JPN) 2:10:21
6 Masato Imai (JPN) 2:10:30
7 Takuya Fujikawa (JPN) 2:10:35
8 Daichi Kamino (JPN) 2:11:05
9 Ryu Takaku (JPN) 2:11:49
10 Tadashi Isshiki (JPN) 2:12:21

Donne
1 Ruti Aga (ETH) 2:20:40
2 Helen Tola (ETH) 2:21:01
3 Shure Demise (ETH) 2:21:05
4 Florence Kiplagat (KEN) 2:21:50
5 Bedatu Hirpa (ETH) 2:23:43
6 Ababel Yeshaneh (ETH) 2:24:02
7 Mao Ichiyama (JPN) 2:24:33
8 Joan Chelimo Melly (KEN) 2:26:24
9 Rose Chelimo (BRN) 2:30:35
10 Ruth Chebitok (KEN) 2:31:19

3 marzo - San Sperate, 24 km da Cagliari ma assegnata amministrativamente al Sud Sardegna (provincia di recente istituzione), ha ospitato l’edizione 2019 dei Campionati Italiani Master di corsa campestre: sui prati del parco di Pixinortu sono stati assegnati gli scudetti di società più i titoli individuali per le categorie over 35. 

In una bella giornata di sole, con clima quasi di primavera, per la seconda volta consecutiva è la fortissima Atletica Paratico (provincia di Brescia) ad aggiudicarsi entrambi i titoli, maschile e femminile. 

Tra gli uomini, è seconda la Dynamyk Fitness Palo del Colle che precede gli emiliani dell’Atletica Avis Castel San Pietro; quarta ancora una formazione pugliese, la Montedoro Noci, quinta Cagliari Atletica Leggera.

Tra le donne è seconda, dietro Paratico, l’Atletica 85 Faenza che precede il Circolo Minerva Parma, terzo; quarto posto per Cagliari Atletica Leggera su Atletica di Lumezzane, quinta.

Diciannove i titoli individuali assegnati (10 maschili e 9 femminili), ecco l’elenco dei neo campioni italiani:

UOMINI
SM35 (6 km): Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva Parma)
SM40 (6 km): Gianluca Borghesi (Atl. Avis Castel San Pietro)
SM45 (6 km): Graziano Zugnoni (Gp Santi Nuova Olonio)
SM50 (6 km): Said Boudalia (Cagliari Marathon Club)
SM55 (6 km): Domenico Caporale (Daunia Running)
SM60 (4 km): Claudio Faraoni (Atl. Di Marco Sport)
SM65 (4 km): Celestino Usai (Atl. Valeria)
SM70 (4 km): Luciano Faraguna (Atl. Paratico)
SM75 (4 km): Franco Melas (Pod. San Gavino)
SM80 (4 km): Giuseppe Addis (Atl. Buddusò)

DONNE
SF35 (4 km): Chiara Giachi (Atletica 2005)
SF40 (4 km): Claudia Pinna (Cus Cagliari)
SF45 (4 km): Patrizia Tisi (Atl. Paratico)
SF50 (4 km): Enrica Carrara (Atl. Lumezzane)
SF55 (4 km): Elena Fustella (Atl. Lecco Colombo Costruzioni)
SF60 (3 km): Giovanna Cavalli (Atl. Paratico)
SF65 (3 km): Silvia Bolognesi (Cambiaso Risso Running Team Genova)
SF70 (3 km): Maria Grazia De Colle (Gs Quantin Alpenplus)
SF75 (3 km): Marta Billi (Atl. 85 Faenza).

Martedì, 05 Marzo 2019 22:57

Polignano a Mare (BA) - 10^ CorsAmare

3 marzo - Bella, bellissima Polignano a Mare; bella, bellissima la CorsAmare.

L’Atletica Polignano ha celebrato la decima edizione della propria manifestazione, organizzandola ottimamente, tanto da ottenere immediati ed unanimi elogi da parte di tutti i partecipanti.

E, d’altronde, è  oramai una consuetudine venire in questa perla del nostro mare e partecipare ad una gara che soddisfa in ogni senso e lascia la voglia di tornare l’anno prossimo.

Gli organizzatori, sagacemente presieduti  da Eugenio Scagliusi, hanno dato fondo a tutte le loro risorse per offrire il meglio agli ospiti e confesso che ci sono riusciti. Altro elemento di grande intelligenza degli organizzatori è far tesoro di ogni critica, sfruttandola per migliorarsi nella successiva edizione.

Ritrovo fissato in Piazza Moro, in pieno centro: la difficoltà nel trovare parcheggio nelle strade e stradine centrali è risolta dal’indicazione di tre parcheggi: San Francesco e Madonna d’Altomare, gratuiti… sino a mezzogiorno; Stazione, completamente a costo zero.

Bagni chimici in zona partenza, più le solite strutture fisse, risolvono l’altro grande problema mattutino dei corridori.

Inizialmente ben organizzata la consegna delle buste contenenti pettorali e chip, diventa più caotica con il passare del tempo all’arrivo della “massa”, anche per colpa del riscontro di alcuni pagamenti effettuati con bonifico: per l‘anno prossimo, un doppio punto di consegna snellirebbe le operazioni.

Un po’ distante il punto di distribuzione del ricco pacco gara, contenente vari prodotti alimentari: l’iscrizione prevedeva due opzioni, 6 euro senza e 7 con pacco; tutti scelgono la seconda possibilità.

Giornata fantastica, giustamente calda e soleggiata, l’ideale per correre, anche con poco vento, un gran vantaggio quando il percorso si svolge in una città di mare.

Presenta Paolo Liuzzi, valore aggiunto per ogni manifestazione, splendido, arguto, ironico, onni…citante, neologismo per dire che ha citato tutti i partecipanti.

La convenzione con il centralissimo bar permette di prendere un caffè a soli 70 centesimi.

Punto di partenza fissato poco prima del Ponte di Lama Monachile, dove la strada è ancor più larga: gli atleti, ultimato il loro riscaldamento, si schierano dietro il punto di via, in maniera insolitamente ordinata.

Spicca la presenza della Miss CorsAmare, una fantastica fanciulla vestita di nero con tanto di fascia, a dare l’incoraggiamento ai partecipanti.

Tutto pronto, ecco l’ok dal percorso e lo sparo che dà il via alla corsa e libera i podisti. 1144 gli iscritti Fidal, si aggiungono oltre 200 cosiddetti liberi: lungo il fiume dei podisti, con le facce che denotano impegno, voglia di correre, di divertirsi, di esserci. In corsa anche Cosimo Girolamo, campione di volontà, corre sulle due stampelle e su una gamba, ma il sorriso non gli manca mai.

Il tracciato si avvia in direzione sud, il primo giro di boa e l’imbocco sulla restaurata Via Roma, per attraversare Polignano vecchia e uscire dall’Arco Marchesale sul Ponte di Lama Monachile e proseguire in direzione nord, verso San Vito. Nuovo giro di boa, comincia ora il tratto più bello e caratteristico, si scende a livello del mare sul tratto di sterrato e sabbia; ecco la fantastica Cala Paura, si corre sul cordolo di roccia sul mare, autentico spettacolo. Una serie di gradini riporta in alto, riecco la strada, si costeggia la statua di Mimmo Modugno, la svolta e via verso il traguardo in leggera salita sul lungo rettilineo che permette unici sprint. Tracciato spettacolare, ma non facile, continui i cambi di pendenza, si fatica ma… con piacere. Percorso blindato al traffico, continuamente sorvegliato, con ristoro a metà distanza, distanza di circa 10  chilometri.

Favorito della vigilia ed effettivo  vincitore: Giovanni Auciello, palese tesserato per l’Atletica Casone Noceto, un lungo palmares di successi, campione europeo master di categoria di mezza maratona, al rientro dopo tre mesi 'sabbatici', si afferma in solitaria in 31:49. Serio e deciso, Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra) è  secondo in 33:02 a precedere Rodolfo Guastamacchia (Atleticamente Modugno), plurivincitore della Maratona di Bari, insegnante di sport, terzo in 33:17.  Ecco la bella gioventù,  lo splendido duo Angelo Didonna (Amatori Atletica Acquaviva) e Giuliano Gaeta (Montedoro Noci), dopo una lunga corsa insieme chiudono rispettivamente quarto e quinto, entrambi in 33:32; segue il combattivo Gianni Rizzi (Atl. Leone san Marco Pordenone), sesto in 33:47.
Sempre generoso, Nicola Mastrodonato (Pedone Riccardi Bisceglie) è settimo in 34:25, davanti al solare Michele Uva (Free Runners Molfetta), ottavo in 34:43, e a chef Nicola Conte (Atl. Cisternino Ecolservizi), nono in 34:52. Decimo posto per il caro Fabio Gervasi, siciliano tesserato per la Castelnuovo Monti, in 35:01, all’ultima gara in Puglia al momento: torna presto Fabio! E, a proposito, di graditi ospiti, undicesimo  Simone Trussardi (G. S. Alpi Sovere) in 35:26.

Come tra gli uomini, anche la gara femminile vede vincere la favorita: il sorriso dolce, ma grintoso di Daniela Tropiano (Atletica Monopoli) conquista il successo in 40:18, buon viatico per la Roma-Ostia di domenica prossima. Infiniti applausi per Anna Rita Cazzolla (Bitonto Runners), che s’impegna e migliora, ottima seconda in 41:39. E ancora Bitonto, questa volta la Nuova Atletica, è sul podio con la determinata Milena Casaluce, terza in 42:21.
La bravissima Francesca Riti (Montedoro Noci) è quarta in 43:13, sulla caparbia Maddalena Carella (La Fenice), quinta in 43:31, e sulla mai doma Stella Giampaolo (Atletica Monopoli), sesta in 44:01. Altra emergente, Lavinia Orlando (Dof Turi) è settima in 44:15, inseguita da Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano), in rodaggio, ottava in 44:30. Sempre positiva, Adriana Dammicco (Atletica Bitritto) è nona in 44:38, davanti all’irriducibile Rosita Rella (N.E.S.T. Lecce), decima in 44:48.    

1076 gli arrivati, chiudono Tiziana Catella (Taras Taranto), al femminile, in 1:24:47; nonno Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto), al maschile, in 1:25:47.

Ottima le predisposizione della zona arrivo, bentransennata, blindata ai non addetti, con uscita posteriore verso la zona ristoro; esemplare anche la gestione dei liberi, cui è stato dedicato un diverso traguardo.

Ristoro con consegna di sacchetto contenente acqua, un frutto e una barretta energetica; segue il ritiro di mezzo litro di latte.

Immediato l’inizio della cerimonia di premiazione, sull’ampio palco montato nel centro della piazza, vitalizzata anche da bancarelle di vari artigiani. Alla presenza del consigliere comunale con delega allo sport, Arianna Liotino, di un alto funzionario della Banca sponsor e del presidente della Fidal Bari, Francesco De Mattia, sono chiamati subito sul palco i due vincitori Auciello e Tropiano. Per loro il cesto alimentare, un orologio e un chilo di cozze (o mitili, che dir si voglia). E, a questo punto, il presidente Scagliusi annuncia il furto di diversi chili di cozze, gesto davvero ignobile.

Si prosegue, intanto,  con i primi cinque di ciascuna categoria, maschile e femminile, tutti premiati con cesto, più l’aggiunta delle cozze per il primissimo/a.

L’estrazione del pacchetto per la Maratona di Malta, offerto dalla Vivi e sorridi di Bari, è vinto da (se ricordo bene) Maria Maringelli dell’Avis in corsa Conversano.

E l’Avis in corsa Conversano vince anche la graduatoria dei team con più atleti al traguardo, con 45 rappresentanti; seguono Amici Strada del Tesoro (43), Dof Turi (39), Atletica Monopoli (38) e Nadir on the road Putignano (37).

Ultimo atto l’estrazione dei premi della lotteria, sempre emozionante.

E così la manifestazione è davvero finita, la foto di gruppo dei soci dell’Atletica Polignano libera tutti gli addetti, già pronti a smontare e pulire. Troppa stanchezza al momento induce il presidente Scagliusi ad insinuare il dubbio che ci possa essere un’undicesima edizione; da parte mia la convinzione che, realizzato quanto di buono hanno fatto, Eugenio e collaboratori siano già al lavoro per il 2020, per farci vivere queste emozioni, per  farci tornare alla CorsAmare.

Ennesima, grande impresa di Vito Intini, che ha stabilito il nuovo record mondiale di 24 ore su tapis roulant percorrendo 265,200 chilometri e superando l’atleta norvegese Bjørn Tore Kronen Taranger, che deteneva il precedente primato sulla distanza con 264,520 chilometri. 

Il 50enne Vito ha corso nella sua Putignano, sul tapis roulant posizionato sotto il chiostro del Comune, cominciando alle ore 12 del sabato, sempre seguito dai suoi compagni di squadra, gli Amatori Putignano, e dal pubblico che non ha fatto mai mancare l’incitamento. 

Vito si  ripreso il “suo” record: il 10 dicembre 2017, durante l'Expo della Maratona di Reggio Emilia, aveva conquistato il mondiale percorrendo in 24 ore 253,830 chilometri, poi superati dal suddetto norvegese lo scorso ottobre. 

"Riuscire a superare la natura e quindi essere capaci di fare qualcosa per cui non siamo programmati è una sensazione inimitabile", le parole del felicissimo Vito. 

L’evento è rientrato nelle manifestazioni a corollario della 625^ edizione del Carnevale di Putignano, famosissimo in tutto il mondo.

 

Nuova squalifica per doping, che colpisce la ultramaratoneta piemontese Elisabetta Ferrero, seconda nello scorso ottobre alla 100 km delle Alpi in 9h58:06.

Ecco il testo del comunicato ufficiale NADO:

La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico della sig.ra Elisabetta Ferrero (tesserata FIDAL), visti gli artt. 2.3, 4.3.1 4.5.1 delle NSA, afferma la responsabilità della stessa in ordine all’addebito ascrittole e le infligge la squalifica di 1 anno, a decorrere dal 25 febbraio 2019 e con scadenza al 24 febbraio 2020. Condanna la sig.ra Ferrero al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00”.

Nel suddetto comunicato, gli articoli citati delle Norme Sportive Antidoping riguardano l’elusione del controllo, e consentono la riduzione della pena per assenza di colpa o negligenza significativa.

Ecco, di seguito, il testo degli articoli:

2.3 Eludere, rifiutarsi od omettere di sottoporsi al prelievo dei campioni biologici. Eludere il prelievo dei campioni biologici, ovvero, senza giustificato motivo, rifiutarsi di sottoporsi al prelievo dei campioni biologici previa notifica, in conformità alla normativa antidoping applicabile.

4.3.1 Per le violazioni degli articoli 2.3 (Eludere, rifiutarsi od omettere di sottoporsi al prelievo dei campioni biologici) o 2.5 (Manomissione o tentata manomissione del controllo antidoping), il periodo di squalifica sarà pari a 4 (quattro) anni. Tuttavia, nel caso di mancata presentazione alle operazioni di prelievo del campione biologico, qualora l’Atleta sia in grado di dimostrare che la violazione delle norme antidoping non è stata intenzionale (secondo quanto definito dall’articolo 4.2.3) il periodo di squalifica sarà di 2 (due) anni.

4.5 Riduzione del periodo di squalifica per assenza di colpa o negligenza significativa.

4.5.1 Riduzione delle sanzioni comminate per sostanze specificate o prodotti contaminati relative a violazioni degli articoli 2.1, 2.2 o 2.6.

4.5.1.1 Sostanze specificate. Qualora una violazione delle norme antidoping riguardi una sostanza specificata e l’Atleta o l’altra Persona siano in grado di dimostrare l’assenza di colpa o negligenza grave, il periodo di squalifica corrisponderà a un richiamo con nota di biasimo e nessun periodo di squalifica (misura minima) o 2 (due) anni di squalifica (misura massima), a seconda del grado di colpa dell’Atleta o dell’altra Persona.

24 febbraio - Doppietta etiope nella nona edizione della Maratón BP Castellón, in Spagna, con vittorie di Andualem Belay, che batte anche il record della corsa, e di Lemelem Berha.

Belay ha preso il comando della corsa a partire dal 30 km staccando gli avversari: ha tagliato il traguardo in solitaria in 2h08:16, stabilendo il personale (migliorato di 1:43) e il nuovo record della corsa battuto di 1:53, finora appartenente allo spagnolo Carlos Castillejo (2011).

Secondo posto per l’altro etiope Chalu Deso, staccato di quasi cinque minuti, in 2h13:12; terzo il keniano Stanley Bett in 2h13:38.

Il primo spagnolo a tagliare il traguardo è stato Octavio Sanchis, sesto in 2h26:05.  

Anche in campo femminile vince l’Etiopia, con Lemelem Berha che si afferma in 2h28:52, migliorando il proprio primato personale di quasi un minuto (2h29:42 a Kosice nel 2013 il precedente).

La keniana Helen Jepkurgat è seconda in 2h31:33, seguita dall’altra etiope Bashanke Imoshe, terza, staccata di tre minuti (2h34:33).

Prima spagnola è risultata Elena Ugena, sesta in 2h51:56.

Apprezzato il nuovo tracciato, più centrale e piatto.

Nella concomitante 10 km successo per l’etiope Haimanot Mateb in 28:18 (record del tracciato) sul keniano Isaac Kiprono, secondo in 29:06, e sullo spagnolo Alberto Sánchez, terzo in 29:22.

Tra le donne vittoria per la etiope Chaltu Negesse in 32:33 sulla connazionale Alemaddis Eyayu, seconda in 33:34, e sulla spagnola Isabel Checa, terza in 34:38.

3400 i partecipanti nell'insieme delle due manifestazioni.

24 febbraio - La 33^ edizione della Electrolit Guadalajara Half Marathon, in Messico, IAAF Gold Label road race, registra i successi del keniano Matthew Kisorio e della etiope Afera Godfay Berha.

Ed è proprio la 27enne etiope a guadagnarsi i titoloni grazie al suo crono, 1h08:53, che rappresenta la miglior prestazione femminile all-time sulla distanza in terra messicana, finora detenuta dalla britannica Paula Radcliffe che nel 2000 vinse in 1h09:07 la mezza di Veracruz.

Godfay, in compagnia della keniana Joyce Chemkemoi, è passata al 5° km in 15:58, con un vantaggio di 5 secondi sull’altra keniana Naomi Vaati. Il passaggio al 10° km è avvenuto in 32:06, con un vantaggio di 22”, esteso poi a 35” al passaggio al 15° km in 48:41.    

Da quel momento per Godfay, con un personale di 2h23:54 in maratona a Shanghai nel 2018, non ci sono stati più dubbi sulla vittoria, ottenuta però con 22 secondi in più rispetto al personale sulla distanza (1h08:312 a Usti nad Labem nel 2016). Godfay diviene così la seconda etiope a vincere questa manifestazione dopo Shewarge Alene Amare, che si era affermata nel 2010 e 2011.

Chemkemoi chiude seconda in 1h10:06, Vaati è terza in 1h10:17.

Quinta la prima messicana, Esmerala Rebollo, in 1:12:52 (pb).

In campo maschile Mathew Kisorio si è imposto in 1h01:48, migliorando notevolmente il precedente primato della corsa appartenente al connazionale Julius Kipyego Keter in 1h02:31 nel 2011.

La corsa ha visto passare un gruppo di nove uomini al 5° km in 14:13; gruppo di testa ridotto a quattro atleti al 10° km superato in 29:06. Da qui è cominciata l’azione decisiva di Kisorio che è partito in testa passando al 15° km in 43:42, con un vantaggio di 34 secondi sugli inseguitori, fino ad ottenere il meritato successo.

Il podio è stato completato dai connazionali Rhonzas Lokitam Kilimo, secondo (come nel 2018) in 1h02:43, e Justus Kangogo, terzo in 1h02:47.

Il primo messicano è stato Juan Luis Barrios, quinto in 1h03:06.

I due vincitori hanno ricevuto il premio di 150000 pesos messicani (7.830 dollari).

13.568 i finisher.

Mercoledì, 27 Febbraio 2019 21:32

Due titoli italiani indoor per Domenico Caporale

Quello appena trascorso è un fine settimana che Domenico Caporale difficilmente dimenticherà, per la conquista di due titoli italiani ai Campionati Indoor di Atletica Leggera ad Ancona. Sabato, con uno sprint all’ultimo giro, si prende la vittoria ed il primato SM55 dei 3000 metri in 9:35.74, sottraendolo a Mauro Pregnolato, che alla fine di gennaio, sulla pista di Padova aveva ottenuto 9:36.04. Domenica invece va a conquistare un altro titolo, questa volta nei 1500 m, affrontando una gara tattica e come suo solito, con una volata dell'ultimo giro, si conferma campione italiano.

Per Domenico Caporale, quest’anno tesserato per la Daunia Running, si tratta di altri due titoli che impreziosiscono il suo già ricco palmares. 

 

24 febbraio - Nuovi record del percorso alla Safi International Half Marathon, in Marocco, con le vittorie del keniano Bernard Kipkorir Ngeno in 1h01:06 e della tanzaniana Failuna Abdi Matanga in 1h10:50, in una giornata soleggiata che ha visto gareggiare oltre 4000 atleti su un tracciato ondulato.  

Il 22enne keniano, favorito della vigilia (personale di 59:22 a Valencia nel 2018), ha lasciato nella prima parte condurre la gara al connazionale Edwin Koech e all’etiope Gizachew Hailu Negasa, che si sono alternati in testa. Ma, al 15° km, Ngeno ha prima raggiunto e poi staccato gli avversari avviandosi verso il successo e tagliando il traguardo in 1h01:06, migliorando nettamente il 1h03:11 stabilito dall’etiope Getaneh Molla nel 2018 e aggiudicandosi il premio di 30.000 dirham marocchini (2770 euro/ 3141 dollari USA).  

L’etiope Gizachew Hailu Negasa è giunto secondo in 1h01:33, terzo il keniano Edwin Koech in  1h01:41, quarto il marocchino Othmane El Goumri in 1h01:50.

La gara femminile ha visto a lungo in testa Matanga e le etiopi Asnakesh Awoke Mengesha e Hiwot Ayalew, con la tanzaniana che solo nella lunga salita finale è riuscita ad avvantaggiarsi sulle compagne di fuga, incrementando il vantaggio nella discesa finale.  

La 26enne Matanga (pb di 1h09:36) ha vinto la gara in 1h10:30, cancellando il precedente record della corsa di 1h13:37, detenuto dalla etiope Meseret Belete Tola.

Mengesha, al debutto sulla distanza, è giunta seconda in 1h10:57; terza Ayalew, due volte campionessa olimpica sui 3000m siepi, in 1h11:01.

Classifiche:

Uomini -

1 Bernard Kipkorir Ngeno (KEN) 1:01:06

2 Gizachew Hailu Negasa (ETH) 1:01:33

3 Edwin Koech (KEN) 1:01:41

4 Othmane El Goumri (MAR) 1:01:50

5 Mustapha El Aziz (MAR) 1:01:56

6 Faraja Lazaro Damasi (TAN) 1:02:20

7 Ashenafi Moges Weldegiorgis (ETH) 1:03:21

8 Jaouad El Jazouli (MAR) 1:03:24

9 Paul Kibet (KEN) 1:04:09

10 Abderrahmane El Moujib (MAR) 1:04:14 

 

Donne - 

1 Failuna Abdi Matanga (TAN) 1:10:50

2 Asnakesh Awoke Mengesha (ETH) 1:10:57

3 Hiwot Ayalew (ETH) 1:11:01

4 Sanae Achahbar (MAR) 1:12:29

5 Salome Jepkosgei Kipruto (KEN) 1:13:15

6 Gladys Chepkurui (KEN) 1:13:31

7 Rkia El Moukim (MAR) 1:13:37

8 Neheng Melida Khatala (LES) 1:16:09

9 Shuba Aman (BRN) 1:16:33

10 Wafa El Gazouir (MAR) 1:21:08

24 febbraio - Il keniano Abraham Kiptum, attuale detentore del record mondiale sulla distanza (58:18, Valencia 2018), è il vincitore della 33^ edizione della Mitja Marató de Granollers (Spagna) in 59:58, seconda miglior prestazione nella storia della gara.  

Secondo posto per l’altro keniano Edwin Soi (bronzo sui 5000 m a Pechino 2008)  in 1h00:24, che migliora il personale di tre minuti (1h04:45 il precedente); terzo l’etiope Teshome Mekonen in 1h01:38.

Quarto il marocchino Ridouane Harrouf in 1h02:09, segue il miglior spagnolo, il 40enne Carlos Castillejo, quinto in 1h04:48.

Subito un gruppo di quattro atleti keniani ha preso il controllo della gara: i keniani Edwin Soi e Abraham Kiptum, l’etiope Teshome Mekonen e il marocchino Ridouane Harroufi, con passaggio al 5° km in 14:42. Al 10° il passaggio di Kiptum in 29:17, con 3” di vantaggio su Soi e 9” su Mekomen. Al 15° km, sempre Kiptum a guidare in 43:13 con 9” su Soi e 51” su Mekonen, ma già in ritardo rispetto al record della gara.  Al 20° km il vantaggio di Kiptum (57:04) è aumentato fino a 22” sul connazionale Soi, oramai decisivo per il successo finale: ha resistito il record della gara di Sammy Wankiru (59:26 nel 2008).   

Tra le donne s’impone la spagnola Miriam Ortiz in 1h14.14, che ha migliorato il personale di oltre un minuto (1h15:36 nel 2018). Resiste ampiamente il record della corsa, stabilito dalla etiope Gete Wami in 1h10:24, nel 2006. Completano il podio le inglesi Jennifer Spink, di stanza in Spagna, seconda in 1h15:24, e Georgina Schwening, terza in 1h15:35.

In testa al 5° km le inglesi Cally Thackery e Georgina Schwening, la spagnola Miriam Ortíz e l’altra inglese Jennifer Spink in 17:32. Al 10° km Ortiz già guida in 35:50, seguita da Schwening a 14” secondi e Spink a 24”, vantaggio che aumenterà fino a 70 secondi finali. La Spink si aggiudica la lotta per la piazza d’onore su Schwening.  

Nelle 10 km concomitante  il portoghese Johan Vaz vince in 31:49 davanti a Albert Dausa e Alberto Viera; al femminile s’impone l’ecuadoriana Alexandra Toapanta in 40:39 su Nuria Rodríguez e Katherin Sandoval. Nella 5 km vittorie per Eloi Cabezas in 17:27 e Jakeline Gómez in 21:11. 

La gara si è svolta in una mattinata soleggiata, con 12°C di temperatura , umidità al 42% e leggerissimo vento.

Circa 10000 i partecipanti totali alle tre distanze.

 

 

 

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina