Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

21 Luglio - In uno dei migliori e più spettacolari 5000 metri donne di sempre, nella Diamond League di Londra, il successo va alla campionessa mondiale, la keniana Hellen Obiri in 14:20.36, migliore prestazione mondiale stagionale, sesto crono assoluto di sempre e record del meeting, che precede la connazionale Agnes Tirop, seconda in 1:20.68, primato personale e settimo tempo di sempre. Terzo posto per l’olandese naturalizzata  Sifan Hassan, che in 14:22.12, migliora il proprio record europeo di 22 centesimi  (14:22.34 a Rabat nel 2018).

La gara, dopo il passaggio ai 1000m in 2:53.90 (in testa Natalie Rule), ai 2000m in 5:48.44 (Winnie Nanyondo), ai 3000m in 8:46.22 (Gloriah Kite), è stata velocizzata proprio dall’olandese Hassan che ha preso l’iniziativa ed è passata ai 4000m in 11:39.06. Rimaste in tre a 300 metri dal traguardo, Obiri ha superato Hassan, trascinandosi Tirop, che superato a sua volta l’olandese, ha chiuso seconda.

Da segnalare che ben quindici atlete hanno chiuso sotto i 15 minuti, tanti i primati personali migliorati.

La classifica:   

  1. Hellen Obiri (KEN) 14:20.36 WL MR
  2. Agnes Jebet Tirop (KEN) 14:20.68 PB
  3. Sifan Hassan (NED) 14:22.12 AR PB
  4. Margaret Chelimo Kipkemboi (KEN) 14:31.69 PB
  5. Caroline Chepkoech Kipkirui (KEN) 14.36.10 SB
  6. Eva Cherono (KEN) 14:40.25 PB
  7. Beatriche Chebet (KEN) 14:46.12 PB
  8. Lilian Kasait Rengeruk (KEN) 14:48.69 SB
  9. Gloriah Kite (KEN) 14:49.22 PB
  10. Letesenbet Gidey (ETH) 14:51.46 SB
  11. Karoline Bjerkeli Grovdal (NOR) 14:51.66 PB
  12. Laura Weightman (GBR) 14:51.78 PB
  13. Eilish McColgan (GBR) 14:51.89
  14. Lonah Chemtai Salpeter (ISR) 14:59.02 NR PB
  15. Dominique Scott (RSA) 14:59.08 PB
  16. Andrea Seccafien (CAN) 15:12.93
  17. Jessica Judd (GBR) 15:16.47 PB
  18. Rosie Clarke (GBR) 15:19.75 SB
  19. Jessica O’Connell (CAN) 15:28.80
  20. Amy-Eloise Neale (GBR) 15:35.02
Martedì, 23 Luglio 2019 22:33

Adelfia (BA) - 14^ Correndo tra i Vigneti

21 Luglio - Non c’è nulla da fare, la Correndo tra i Vigneti è sinonimo di gran caldo e di positiva organizzazione e anche la quattordicesima edizione ha confermato la tradizione.

Valevole come 5^ tappa del Trofeo Provinciale Terra di Bari, ha registrato l’iscrizione di ben 724 atleti (compresi i cosiddetti iberi) pronti a lasciare mare, fresco e comodità per correre nelle calde campagne di Adelfia.

La novità di questa edizione è l’omologazione del percorso portato ad effettivi 10 chilometri, per il resto il quartiere generale è come sempre in Piazza Roma, dove si ritirano agevolmente pettorali, chip e ricchi pacchi gara (l’iscrizione prevedeva, infatti, due opzioni, 5 euro senza premio di partecipazione e 7 con: tutti hanno scelto la seconda possibilità).

Bagni chimici e pubblici risolvono eventuali problemi; anche i bar sono sensibilizzati per accogliere i podisti.

In piazza, alcuni stand di integratori e di abbigliamento sportivo danno colore; spicca anche Vivi e Sorridi di Vito Viterbo, l’agenzia che regala anche oggi a sorteggio un pacchetto per una maratona autunnale.   

Tutti al lavoro i soci della locale associazione Atletica: a cominciare dal presidente Giuseppe Angiuli non si vuole lasciare nulla al caso e ci si attiva perché tutto si svolga al meglio.

Gli altoparlanti diffondono musica, il palco-podio per il post gara è già pronto, sono alzati anche i due archi gonfiabili che segnano partenza e arrivo, ci si preoccupa ora di sistemare e gestire al meglio il percorso, per evitare ogni spiacevole inconveniente, affiancando la Polizia locale e i Carabinieri.

Fa sempre caldo, all’ombra però onestamente “si respira”, con il passare dei minuti tutti gli atleti provvedono a definire l’iscrizione e ad avviarsi verso i propri mezzi per abbigliarsi per correre.

Frattanto il microfono è oramai nelle mani di Paolo Liuzzi, lo speaker, la sua voce completa la manifestazione, per giunta è oggi affiancato della grazia di Francesca Labianca, qui per cinque volte vincitrice, ma non al meglio della condizione e quindi presente nelle vesti di madrina.

Si avvicinano le ore 19.00, l’orario di partenza, gli atleti sospendono le solite operazioni di riscaldamento e si vanno a posizionare dietro la linea di via, non è stata creata la prevista griglia riservata ai più veloci, ma comunque i più forti sono tutti nelle prime fila.

Gara che si annuncia appassionante, abbiamo Ricatti e Di Cecco, poi Milella, Gaeta, Di Donna sono cavalli di razza… Al femminile due le favorite, Giustino e Parisi, non me ne vogliano le altre, ma la differenza è netta.

Altro campione in corsa, ma fuori gara, il buon Cosimo Girolamo, una gamba e due stampelle per percorrere tutta la distanza.

Finalmente tutto è pronto per la partenza, un piccolo passo indietro degli atleti per essere dietro la linea, le parole di santità del Parroco, volano in cielo i palloncini giallo-blu, i colori dell’Atletica Adelfia, e tutto è pronto per l’avvio.  

Lo sparo del Giudice capo Luigi De Lillo e gli atleti partono veloci, costeggiando quell’antipatica pista ciclabile che oramai da anni delimita il viale.

Breve giro iniziale e riecco i protagonisti sul punto di via in senso contrario, la citazione e l’incitamento da parte di Paolo e di Francesca, gli atleti si avviano nelle strade del paese che lasceranno quanto prima per intraprendere le polverose e assolate strade di campagna, costeggiando i vigneti.

Il percorso di Adelfia non è facile, diverse sono le variazioni di pendenza, il caldo poi non aiuta (diversi saranno gli svenimenti nel post gara, con il sollecito intervento di medici e paramedici)…

Per fortuna ci sono i freschi ristori, per fortuna c’è l’incoraggiamento degli addetti, per fortuna c’è la compagnia dei ciclisti accompagnatori, gli atleti non restano comunque mai soli, al ritorno in città le strade sono piene di pubblico, c’è chi incita, chi denigra, chi applaude, ma fa tutto parte del gioco.   

Da segnalare anche il servizio pacer del Gruppo RunningZen, per la prima volta in questa manifestazione, sempre gioiosi e precisi, che ha permesso di giungere al traguardo nei tempi desiderati, compresi fra i 4’ e i 6’ al km.   

Radio corsa descrive inizialmente un duello a due tra Di Cecco e Milella, segue Ricatti, appesantito successivamente anche da una caduta. Nel finale, Milella si dimostra in gran forma, saluta il forte e storico atleta abruzzese e si avvia solitario verso il traguardo.  

Applausi e soli applausi, la canotta verde della Pedone Riccardi Bisceglie spicca, fiero la porta al successo Francesco Milella, peccato che per lavoro sia quasi sempre al nord, in Trentino, quando torna si mette in evidenza.

Francesco taglia il traguardo in 33:16, comprensibile la sua soddisfazione e la dedica alla moglie che lo segue dappertutto. Secondo posto per Alberico Di Cecco (Vini Fantini Pescara), una lunga storia di maratone, di maglie azzurre, di ultramaratone, di difficoltà vinte, che chiude in 33:37. Mimmo Ricatti (Terra dello Sport Asd Pompei), brillante atleta e showman, purtroppo spesso nella sua carriera bloccato da infortuni, conclude terzo in 34:05.

Ottima gara e vivo compiacimento per Michele La Vista (Free Runners Molfetta), quarto in 34:17, a precedere il siepista Angelo Didonna (Amatori Atletica Acquaviva), quinto in 34:57, un solo secondo prima del capacissimo Sebastiano Di Masi (Atletica Castellana), sesto in 34:58. Prossimo dottore e sempre forte, ecco Raffaele Nanula (Atletica Trinitapoli), giungere al traguardo settimo in 35:23, davanti a Giuliano Gaeta (Montedoro Noci), tornato oggi a correre dopo un riposo di 20 giorni, che partito “piano” si è divertito nella rimonta finale, chiudendo ottavo in 35:32, davanti a top Francesco Marotti (US Giovani Atleti Bari), nono in 35:38,  al mitico Giuseppe Mele (Dynamyk Palo del Colle), decimo in 35:46, e al primo adelfiese, Domenico Squicciarini (Atletica Adelfia), undicesimo in 35:50, molto soddisfatto.

Splendida prestazione per Viola Giustino (US Giovani Atleti Bari) che giunge 19^ assoluta e chiaramente felicissima prima donna in 37:06, avendo ricevuto positive risposte da se stessa.  Bravissima anche Miriana Parisi (Amatori Atletica Acquaviva), seconda in 39:59, con Milena Casaluce Nuova atletica Bitonto), sempre combattiva, terza in 42:05.

Brilla anche Luana Piscopo (Dream Team Bari), che chiude quarta in 43:19, tre secondi prima della grintosa Maddalena Carella (Asd La Fenice Casamassima), quinta; sesto posto per la decisa Stefania Antonaci (Bio Ambra New Age Capurso), sesta in 44:56, che precede le forti Pasqua Chimenti (Runners del Levante), settima in 44:56, e Filomena D’Adamo (Bitonto Runners), ottava in 44:58. Sempre determinata Lavinia Orlando (DOF Turi), è nona in 45:02, a precedere Sandra Barbieri (Manzari Casamassima), mai doma,  decima in 45:17.

584 i classificati (da aggiungere gli 88 liberi), chiudono le liste il nonno 86enne Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto) in 1:36:43, preceduto da un’altra ragazzina la SF70, Maria Legrottaglie (Runners del Levante), in 1:29:51.

Ricco il ristoro finale, ben posizionato nella piazzetta parallela con entrata e uscita che non importuna gli atleti che arrivano: focaccia, dolci, yogurt, birra, gelato, anguria e non ricordo cos’altro, per tornare meglio di prima.

Sollecito anche l’inizio della cerimonia di premiazione: si parte dai due podi, maschile e femminile, con i magici 6 premiati congiuntamente con trofei e premi di buona natura. Presenti il sindaco di Adelfia, Giuseppe Cosola, e l’assessore regionale all’ambiente, Giovanni Stea.

Passati ai miglior di ciascuna categoria, i primi tre, recepisco qualche mugugno da parte di alcuni premiati che lamentano la “pochezza” dei premi (coppa, una bottiglia di vino, un portascarpe o buoni sconto; per essere più precisi le categorie dei più grandi non ricevono neanche la coppa e il portascarpe, sostituti da cassettine di albicocche, neanche colme).

Il premio per le prime tre società che hanno portato il maggior numero complessivo di atleti al traguardo (vince la Dof Turi con 45 su Avis in Corsa Conversano – 26 - e La Pietra Modugno - 23), chiudono la cerimonia di premiazione che ha visto premiati anche i primi atleti liberi, i primi adelfiesi Fidal e i primi adelfiesi liberi.

Il sorteggio del viaggio –maratona offerta da Vivi e sorridi è vinto da Alessio Lanave (La Pietra Modugno), che potrà e dovrà necessariamente preparare la prima maratona della carriera.

I saluti di Paolo, la foto di gruppo della società organizzatrice e la manifestazione è definitivamente conclusa.

Giudizio positivo, la gara si è svolta in maniera positiva, non facendo mancare nulla agli atleti. Per attrarre altri iscritti per le prossime edizioni, da migliorare ed arricchire un tantino i premi di categoria, per il resto la manifestazione continua nel buon solco tracciato dall’ideatore, il buon Antonio Torres, anche oggi presente a guardare la sua creatura.

Martedì, 23 Luglio 2019 13:46

Palagiano (TA) - 1^ 6 Ore e 22km dello Jonio

20 Luglio - Positivo debutto per la Sei Ore dello Jonio, che si è corsa sulle strade di Palagiano, in provincia di Taranto, dalle 17 alle 23 di un sabato caldo, con 30° gradi alla partenza, ma per fortuna non umido, con il picco sul viale principale totalmente esposto al sole.

Ad organizzare l’Athletic Team del presidente Raffaele Iacobino, che dopo anni di organizzazione di gare brevi, ha voluto provare l’ebbrezza di dar vita ad un’ultramaratona.

Percorso a circuito di km 1,070, con partenza da Piazza Vittorio Veneto, articolato nel centro del paese, pianeggiante ma non certamente semplice con diverse curve e a tratti sull’antica pavimentazione, da ripetere ovviamente quante più volte possibile.  

Con partenza alle ore 20.00 si è disputata anche la 22km, a giro sullo stesso tracciato, a dare una spinta in più agli ultramaratoneti che già correvano da tre ore.

131 gli iscritti complessivi della vigilia, al termine della 6 Ore sono stati 90 i finisher (15 le donne), viceversa 31 atleti hanno completato la gara più breve (9 le donne).

Iscrizione fissata a 35.00 euro per la 6 Ore (30 per iscritti IUTA e Club Supermaratoneti) e 20 per la mezza, con consegna di ricco pacco gara, doppio chip e pettorale.

A disposizione degli atleti due locali adibiti a spogliatoio, bagni chimici e pubblici; sul tracciato, blindato alle automobili, ecco due ristori dove bagnarsi e rinfrescarsi ed uno sulla piazza di avvio con bibite, acqua, the, frutta, crostata, tutti beni per riprendere e ritrovare forze.

La presenza di pubblico sulle strada è andata crescendo con la scomparsa del sole che ha permesso di stare in giro al fresco, in tanti erano davvero incuriositi da questi “uomini-criceto” costretti a girare di continuo.

Ottima la conduzione dell’evento di Salvatore Pulimeno, storico atleta, consigliere comunale e speaker di numerosi avvenimenti cittadini, che ha davvero citato tutti gli atleti ad ogni passaggio, aiutato dal bravo deejay che ha proposto tutti i generi musicali, non scontentando alcuno.  

La gara maschile è vissuta nei primi giri sul duello tra Nicolangelo D’Avanzo e Cosimo Manigrassi, fin quando D’Avanzo ha guadagnato metri sul rivale, conservandoli sino alla fine.

Al femminile, passo spedito e testa della gara da subito nei… piedi e nelle gambe della salentina Pamela Greco che ha dominato sino alla vittoria.

Quindi, vittoria per Nicolangelo D’Avanzo (Bisceglie Running) che si è imposto con 69655metri su Cosimo Manigrasssi (Marathon Massafra), secondo con 68710, e Pierino Stincone (Cavalli di razza Spongano) con 67373.

Quarto posto per Giuseppe Mangione (Barletta Sportiva) con 65395 su Gioele Conserva (3^ Regione Aerea Bari), quinto con 65261, e Andrea Morrone (N.E.S.T. Lecce), sesto con 63093. Settimo Vito Morricella (Martina Franca Running) con 61064, seguito da Giampiero Lenoci (RHbike Palagiano), ottavo con 57929, Antonio Fontò (Fitness Podistica San Giorgio Jonico), nono con 57780, e Vincenzo Netti (Nadir on the road Putignano), decimo con 56880.

Al femminile, come accennato, dominio di Pamela Greco (Saracenatletica Collepasso) con 63089metri, davanti a due atlete della società organizzatrice, Marianna Nardelli, seconda con 58959, e Maria De Carlo, terza con 53505.

Quarta Cosima Caramia (Olimpia Grottaglie) con 50246; a seguire Rita Meleleo (Amatori Corigliano), quinta con 50175; Grazia D’Angela (Team Francavilla), sesta con 49135; Antonia Caprioli (Athletic Team Palagiano), settima con 48503; Lucrezia Marsella (Amatori Corigliano), ottava con 47147; Lucia Ninivaggi (Happy Runners Altamura), nona con 47053, e Anna Maria Ruggiero (Team Francavilla), decima con 44940.

Da segnalare la presenza attiva di autentici mostri sacri delle lunghe, come i coniugi Rizzitelli-Gargano, Vito Piero Ancora e Massimo Faleo.

La 22 chilometri, un po’ come la lunga, ha visto da subito il dominio di un atleta sia in campo maschile che in quello femminile: Roberto La Grasta e Marina Rotolo.

La Grasta (Free Runners Molfetta) ha dominato chiudendo in 1h34:22, sul compagno di squadra Cosmo Gadaleta, secondo in 1h37:53, che nel finale ha avuto la meglio sull’organizzatore Giuseppe Mucavero, terzo in 1h39:21. Quarto il leone biondo Carmelo Ventimiglia (Gioia Running) in 1h41:52, davanti ad altri due atleti della società di casa, Domenico D’Auria (1h44:36) e Vito Nardelli (1h50:17).

Tra le donne vittoria per la locale dottoressa Marina Rotolo, prima in 1h53:17, che ha preceduto le compagne di squadra Anna Natilla, seconda in 2h04:36, e Anna Carmignano, terza in 2h06:08.

Allo scoccare delle sesta ora, il colpo di pistola del Giudice ha segnato la fine della gara, con il tradizionale stop degli atleti sul posto con posa del tagliando adesivo con il numero di pettorale, la misurazione dei Giudici delle frazioni di percorso e via alla premiazione finale con consegna di trofei, medaglie, coppe e bottiglie di vino.

Piacevole il pasta party finale con i “tagliolini” conditi con il tradizionale sugo piccante, accompagnati da buon vino, che hanno ulteriormente accentuato il clima di totale sportività ed amicizia che forse solo le lunghe sono capaci di far emergere.

In conclusione, manifestazione apprezzata e da apprezzare, da ripetere anche per l’anno prossimo, sicuramente con più partecipanti ma la stessa voglia di correre, divertirsi e stare insieme.  

 

 

ÖRicordate la sospensione per positività al betametasone dell’atleta siciliana Tania Caldarella, classe 1987, tesserata per l’Atletica Palombella, al termine del 6° Trofeo Avis Rosolini, in provincia di Siracusa?

La notizia fece scalpore perché si tratta di una autentica atleta amatoriale, con un personale di 1h00:39 sulla 10km (da sito FIDAL), che aveva concluso i 4,4 km della gara in questione in 22:05, 21^ donna, 4^ SF, 69^ nella classifica generale donne + uomini over SM55.

Ebbene, come da sentenza che segue, l’atleta è stata squalificata per quattro anni:

"La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico della sig.ra Tania Caldarella  (tesserata FIDAL) visti gli artt 2.1, 4.2.1, 4.2.3, 4.11.2 delle NSA, afferma la responsabilità della stessa in ordine all’addebito ascrittole e le infligge la squalifica di 4 anni, a decorrere dal 17 marzo 2019 e con scadenza al 16 marzo 2023. Condanna la sig.ra Caldarella al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00."

Ricordiamo, infine, che il betametasone è definito su internet un corticosteroide, molto usato, che agisce riducendo l'infiammazione e modificando la risposta immunitaria dell'organismo, che nella pratica sportiva senza necessità terapeutica costituisce doping.

20 Luglio - Ennesima, grande prestazione di Yeman Crippa sui 5000 metri a Londra, nella decima tappa della IAAF Diamond League.

Il  22enne trentino delle Fiamme Oro (allenato da Massimo Pegoretti) ottiene infatti il nuovo primato personale in 13:07.84, migliorando il recentissimo 13:09.52 ottenuto a Roma in giugno al Golden Gala, avvicinandosi notevolmente al record italiano di Salvatore Antibo (13:05.59 nel 1990).

Yeman  è sempre rimasto nel gruppo di testa formato da otto atleti, riuscendo a classificarsi settimo all’arrivo.

Vittoria per l’etiope Hagos Gebrhiwet in 13:01.86, che ha superato nel finale vinto il 18enne campione europeo Jakob Ingebrigtsen, secondo con il record nazionale di 13:02.03, ottavo crono europeo all-time e primato continentale U20 migliorato di circa quindici secondi. Terzo il keniano Nicholas Kimeli in 13:05.48.

Solo sesto Rhonex Kipruto in 13:07.40.

I parziali di Crippa: 1° km 2:38.55; 2° 5:14.88, 3° 7:55.91; 4° 10:36.02

13 Luglio - Per la seconda volta nella ventennale storia del Giro del Lago di Resia, come già avvenuto per la decima edizione, la gara si è svolta by night, con partenza alle 21.30, proprio per festeggiare la cifra tonda.

Curon, in Val Venosta, è stata così illuminata dalle 2000 fiaccole che guidavano i quattromila runner, a loro volta provvisti di lampade frontali che hanno rischiarato il buio serale sul Lago.

Insolito anche il punto di partenza, per motivi di sicurezza: la Galleria della SS40, nei pressi del famoso Campanile, per poi riprendere il tradizionale giro intorno al lago per i complessivi km 13.5.

2146 i finisher della gara competitiva dove si è affermato il  25enne tedesco Konstantin Wedel (Bäckerei Angerer/ Lg Telis Finaz Regensburg) in 47:23, nuovo record del tracciato che migliora il precedente di 48:17 stabilito dal ceko Milan Kocourek nel 2013.

Il gambiano Jaiteh Ousman (Trentino Running Team) è giunto secondo in 49:23, con Emanuele Repetto (Team Km Sport), terzo in 49:30. Quarto Khalid Jbari (Athletic Club 96 Alperia) in 50:17, su Alberto Mosca (Atl. Potenza Picena), quinto in 50:27, e Gianmarco Bazzoni (Athletic Club 96 Alperia), sesto in 51:09. Settimo Emanuele Franceschini (US Quercia Trentingrana) in 51:18, ottavo il pugliese Francesco Milella (Pedone Riccardi Bisceglie), in 51:25, con l’altoatesino Hermann Achmuller (Laufclub Pustertal), alla 20^ presenza con sei vittorie e quattro secondi posti,, nono in 51:28. Decimo Georg Premstaller (ASC LF Sarntal Raiffeisen) in 51:57.

Successo tedesco anche tra le donne, con Simone Raatz che si afferma in 56:08 sulla sudtirolese Kathrin Hanspeter (ASC LF Sarntal Raiffeisen) – già vincitrice nel 2014 e nel 2015 – seconda in 56:34, e sulla tedesca Anne Kasselring, terza in 57:48. Quarta l’italiana Sarah Giomi (ASD Dribbling) in 58:04 sulla britannica Mara Yamauchi, quinta in 59:16.   

La manifestazione, cominciata nel pomeriggio con la Corsa delle Mele, riservata a bambini e ragazzi, proseguita con le gare riservate alle handbike, ai nordic walker, ai non competitivi (Just for Fun), si è conclusa con lo spettacolo dei fuochi d’artificio che hanno illuminato il Lago di Resia e la Val Venosta.

13 Luglio - Giornata di mezza maratona alla 30^ edizione delle Universiadi, a Napoli, molto calda nonostante la partenza alle oro 7.00: trionfo del Giappone che si aggiudica le otto medaglie disponibili, sei individuali e le due d'oro delle competizioni a squadre.

In campo maschile si impone Akira Aizawa in 1h05:15, precedendo i connazionali Taisei Nakamura, secondo in 1h05:27, e Tatsuhiko Ito, terzo in 1h05:48. Terzo era, in realtà, giunto il cinese Bujie Duo, al personale in 1h05:45, ma poi squalificato per aver ricevuto un ristoro al di fuori delle zone ufficiali, violando la regola IAAF, come anche l’altro cinese Jianhua Peng, giunto quinto in 1h05:50.

Alla luce delle squalifiche, per l’Italia, due azzurri tra i primi dieci: Iliass Aouani è quinto in 1h06:52, Alessandro Giacobazzi è ottavo in 1h07:56.

Nella classifica a squadre, dietro il Giappone, argento per la Turchia, bronzo alla Danimarca.

Tra le donne vince Yuka Suzuki in 1h14:10, davanti alle connazionali Kaseda, seconda in 1h14:32, e Tahawa, terza in 1h14:36.

Nella classifica per nazioni, dietro il Giappone, argento per la Cina e bronzo ad Sudafrica.

Dominio giapponese, quindi, anche senza grosse imprese cronometriche, ma che “apre” già alle Olimpiadi di Tokyo del prossimo anno.

 

Nel corso del Meeting Herculis di Montecarlo, nona tappa della IAAF Diamond League, nel miglio in onore di Gabe Grunewald, la popolare mezzofondista statunitense scomparsa prematuramente pochi giorni fa per un tumore, l’olandese Sifan Hassan realizza il nuovo primato del mondo in 4.12.33 abbassando il precedente (4.12.56) stabilito della russa Svetlana Masterkova il 14 agosto 1996, a Zurigo, 23 anni fa.

Secondo posto per la britannica Laura Weightman in 4.17.60, terza la canadese Gabriela Debues-Stafford con il record nazionale di 4.17.87, quarta l’etiope Gudaf Tsegay con 4.18.31, quinta con il record nazionale la marocchina Rababe Arafi in 4.18.42.

L'olandese di origine etiope aveva già stabilito il record europeo sui 3000 metri al Prefontaine Classic di Stanford, in California, il 1° luglio, in 8:18.49 (quarto miglior risultato di sempre). 

 

Continuano ad emergere casi di doping nel panorama internazionale, con un atleta marocchino e altri due keniani sospesi, come riporta il sito della AIU, Athletics Integrity Unit, l’agenzia antidoping mondiale.

In particolare, il 26enne marocchino Abderrahmane Kachir (pb sui 10 km a Casablanca nel 2018, pb di 1h00:21 sulla mezza a Casablanca nell’ottobre 2017) è stato sospeso per essere risultato positivo all’ibutamoren, farmaco secretore dell’ormone della crescita.

La 31enne keniana Joyce Chepkirui (pb di 2h24:11 sulla Maratona ad Amsterdam nel 2014 e di 1h06:18 sulla mezza a Praga nel 2014), campionessa d’Africa nel 2014 e con tanti altri titoli in carriera, è stata sospesa per discrepanze nel suo passaporto biologico (ABP).

Il keniano John Jacob Kibet Kendagor, quinto nell’ultima maratona di Istanbul a novembre, è stato sospeso per non essersi reso disponibile ai controlli antidoping.

Il presidente della federazione keniana, Jackson Tuwei, ha dichiarato che da giugno tutti gli atleti implicati nel doping non vestiranno più la maglia della nazionale del Kenia.

Staremo a vedere, intanto la lista si allunga sempre più…

 

 

 

I fatti sono questi: il 70enne Franck Meza, medico statunitense di origine messicane in pensione, aveva concluso la Los Angeles Marathon 2019 in 2h53:10, miglior prestazione mondiale per un uomo della sua categoria.

Tre mesi dopo, la squalifica per Meza, accusato di taglio, con l’aggravante di alcuni filmati dove si vedeva il 70enne abbandonare la corsa per riapparire successivamente, confermate da dichiarazioni di testimoni oculari.

L’atleta aveva risposto di essere uscito dal percorso in cerca di un bagno, per poi riprendere regolarmente la gara…

In più l’aggravante dell’accusa da parte dei giudici di aver spillato il pettorale lateralmente e di averlo passato poi ad un altro maratoneta per una buona parte del tracciato.

Meza, dichiarando di non sapere come avesse realizzato quel tempo monstre, si era detto pronto a correre nuovamente la L.A. per dimostrare di aver corso onestamente senza barare.  

Ma qualche giorno dopo, giovedì 4 luglio, l’incredibile notizia: Frank Meza è stato trovato morto nel Los Angeles River, nel quale si sarebbe buttato dal ponte, suicidandosi.

La famiglia non crede a questa ipotesi, dichiarando che l’uomo soffriva di problemi cardiaci: sono le pietose bugie di circostanza o la incapacità fino all'ultimo di credere a una tremenda realtà?  

In attesa dell’autopsia, si resta addolorati: dolore, vergogna o cos’altro alla base di questo decesso?

Si poteva evitare, senza il rilievo mediatico, o è stato giusto dare risalto alla squalifica?

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina