Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 15, 2024 padre Pasquale Castrilli 583volte

Papa Francesco sui valori dello sport

Il costante appoggio del Papa ai "suoi" atleti Il costante appoggio del Papa ai "suoi" atleti Athletica Vaticana

Mattinata di sport in Vaticano. Sabato 13 scorso papa Francesco ha ricevuto nella sala Clementina il ministro dello Sport, Andrea Abodi, il responsabile del comitato olimpico francese David Lappartient ed il presidente FIDAL Stefano Mei. Quest’ultimo ha donato al papa una maglietta degli Europei di Atletica Leggera che si svolgeranno a Roma dal 7 al 12 giugno. Mei ha anche rivolto un invito a Francesco allo Stadio Olimpico. L’occasione dell’incontro erano i cinque anni di Athletica Vaticana, la società sportiva della santa Sede della quale avevamo parlato su queste pagine proprio nei giorni della sua nascita.

https://www.podisti.net/index.php/notizie/item/3179-athletica-vaticana-appena-battezzata-e-gia-in-corsa-con-miguel-il-20.html

Nell’occasione papa Francesco ha rivolto un discorso sui valori dello sport di cui vorremmo sottolineare alcuni passaggi.

Il Santo Padre cita anzitutto la pericope nella quale si parla per la prima volta dello sport in un documento ufficiale della Santa Sede. Si tratta del numero 154 della Costituzione Apostolica Praedicate Evangelium, del 2022, nella quale si afferma che gli uomini e le donne di sport “si sappiano e si sentano riconosciuti dalla Chiesa come persone a servizio della ricerca sincera del vero, del buono e del bello”.

Nel suo discoro il papa ha sottolineato due volte l’importanza di preservare la dimensione “amatoriale” dello sport. Il “grande mondo dello sport, oggi rappresenta la più diffusa espressione culturale, a patto che si mantenga sempre quella amatorialità che custodisce lo sport”. Il dilettantismo, diremmo, aiuta a conservare i valori veri dello sport, “è come il succo che dà vita all’attività sportiva”.

Francesco affronta tre tematiche interessanti anche per il mondo del podismo: la fraternità, il rispetto delle regole, il contatto con i propri limiti.

“Lo sport è un mezzo per… costruire la società. Lo sport, infatti, ci insegna il valore della fraternità. Non siamo isole… non importa la provenienza, la lingua o la cultura di una persona. Ciò che conta è l’impegno e l’obiettivo comune. Questa unione nello sport è una metafora potente per la nostra vita. Ci ricorda che, nonostante le nostre differenze, siamo tutti membri della stessa famiglia umana. Lo sport ha il potere di unire le persone, al di là dalle loro abilità fisiche, economiche o sociali. È uno strumento di inclusione che rompe le barriere e celebra la diversità”.

Il rispetto delle regole è una dimensione essenziale della pratica sportiva. “Il gioco poi è fatto di regole da rispettare. Vincere con umiltà e accettare la sconfitta con dignità sono valori che lo sport insegna e che devono essere vissuti nella vita di ogni giorno per costruire una società più giusta e fraterna”, afferma il Papa.

Ogni disciplina sportiva è basata sull’impegno e sulla dedizione del singolo atleta nel rispetto dei limiti del proprio corpo e della propria mente. “Lo sport ci mostra pure che possiamo affrontare con pazienza e determinazione i nostri limiti. Ogni atleta, attraverso la disciplina e l’impegno, ci insegna che con la fede e la perseveranza possiamo raggiungere traguardi che mai avremmo pensato possibili. Questo messaggio di speranza e coraggio è cruciale, specialmente per i giovani”.

Nel suo messaggio, ascoltato da tutti con grande attenzione, Francesco ha fatto riferimento anche alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi della prossima estate e alle tensioni internazionali in corso. “È significativo che questo nostro incontro avvenga nei primi giorni del 2024, che è Anno Olimpico e Paralimpico. Ripensando al valore della ‘tregua olimpica’, la mia speranza è che, nel momento storico particolarmente buio che stiamo vivendo, lo sport possa gettare ponti, abbattere barriere, favorire relazioni di pace”.

Infine papa Francesco ha voluto richiamare alcuni valori cristiani che si possono vivere tramite lo sport: “lealtà, sacrificio, spirito di gruppo, impegno, inclusione, ascesi, riscatto”.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina