Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 10, 2021 2775volte

Altri annullamenti: we shall overcome (?)

Altri annullamenti: we shall overcome (?) Roberto Mandelli

9 febbraio – Non passa giorno senza che una “lunga” programmata non salti. Tra quelle più prossime nel tempo, la settimana scorsa è stato il momento per la Lake Garda Marathon di alzare, tardivamente, bandiera bianca (annullamento peraltro già previsto dai bene informati). Ieri i telegiornali ci hanno informato della “zona rossa” proclamata (non senza polemiche) nella provincia di Perugia; e oggi appare questo comunicato sul sito della Strasimeno di Castiglione del Lago:

Visto l'aggravarsi della situazione locale e l'impossibilità di fare programmi certi, l'organizzazione della Strasimeno sospende al momento le iscrizioni per la gara prevista il 7 Marzo e quasi sicuramente si vedrà costretta a posticipare la data di svolgimento che sarà quasi sicuramente ad Aprile. Nei prossimi giorni comunicheremo nuova programmazione.

E se per il 21 febbraio restano confermate, al momento, la mezza di Trecate e l’ultratrail di Sanremo (da tempo annullate le maratone di Carrara e Salso-Busseto); e per il 14 marzo la coraggiosa Maratona sulla sabbia di San Benedetto del Tronto; per il 20 marzo l’ultratrail di Radda in Chianti e per il 21 la maratona e supermaratona del Club Supermarathon a Fano (auguri a tutte, e chi vivrà ci vedrà)... Invece è annullata la  Rimini Marathon del 28 marzo, la Maratona del Lamone di Russi (5 aprile) è spostata per ora al 2 maggio, quando non si svolgerà invece (la notizia è ufficiosa, non confermata dal sito dell’evento, peraltro fermo da mesi, ma purtroppo ufficializzata da un post su Fb del 10 febbraio, che riproduco) la Collemarathon Barchi-Fano.

Con grande dispiacere comunichiamo che anche l'edizione 2021 della Collemar-athon è ufficialmente annullata. Lo stesso discorso, purtroppo, vale anche per la Half Collemar-athon. A meno di 3 mesi da quella che dovrebbe essere la data ufficiale della manifestazione, le condizioni della pandemia ancora in corso, non ci permettono di avere garanzie sulla possibilità di svolgimento del nostro evento.
Siamo molto dispiaciuti, perchè per il secondo anno consecutivo, non potremmo avervi festosi e sorridenti ai nastri di partenza, ma purtroppo la situazione non lo consente.

Coloro che avevo già l'iscrizione, in quanto posticipata dalla scorsa edizione, potranno decidere se posticiparla di nuovo oppure avere il rimborso. Vi aggiorneremo a breve, su questa pagina, sui termini e sulle modalità per comunicare la vostra scelta.

In attesa che i vaccini veri (non quelli taroccati con protezione al 10% e vietati agli over 55, che stanno cercando di farci ingugnare perché li hanno già comprati) producano l’immunità sul gregge italico, e nella speranza (con la minuscola) che i decisori della sanità nel nuovo governo sappiano distinguere tra una via del Corso affollata di sfaccendati e una via dei Fori Imperiali o qualsiasi altro stradone su cui troneggi l’arco gonfiabile con scritto “Traguardo”, prendiamo nota, al momento manovrando purtroppo più spesso il tasto Canc del tasto Ins.
We shall overcome (?) Tradotto: ne verremo fuori?

 

2 commenti

  • Link al commento Giovedì, 11 Febbraio 2021 11:59 inviato da FabioMarri

    In risposta ai commenti ricevuti sulla pagina Facebook di Podisti.Net:

    1.C’è almeno una cosa in comune tra Fabio Marri e Mario Draghi: nessuno dei due ha account su Fb e Twitter, dunque si guardano bene dall’intervenire in quei campi, e tanto meno si curano dei like o dei pollici versi. Tanto più quando la discussione scade a rissa, spesso innescata da preliminare falsificazione dei dati. Se un articolo parte dall’elenco dettagliato delle maratone o ultra cancellate negli ultimi due giorni, e un oppositore replica che anzi, molte gare sono “in via di conferma”, ma non si degna di leggere oltre la seconda riga perché non ha tempo, che risposta si dovrebbe dare? Se uno lamenta di non aver mai avuto risposta ad una sua domanda relativa a un articolo sulla 100 km di Seregno, F.M. può replicare (a parte il fatto che nessun giornale risponde a tutte le lettere che riceve) di non ricordare di aver mai ricevuto una lettera del genere, ma esclude comunque di aver mai scritto articoli su Seregno per la semplice ragione che, DA SEMPRE, scrive solo di gare cui partecipa; a Seregno non c’è mai stato, dunque non ha articoli di cui discolparsi.

    2.Da prendere più sul serio un altro genere di obiezioni, specie se uno qualifica il pezzo come “sparata no vax così a caso, nel mucchio”: qui i lettori neutrali hanno diritto di sentirsi dire che “nel mucchio” spara semmai l’oppositore. MAI è stato scritto contro le vaccinazioni (e sfido chicchessia a estrarre dal “mucchio” una qualsiasi frase di questo tenore): anzi, F.M. si è già dichiarato (per quanto lo riguarda, come persona che si assume le responsabilità di quanto dice, senza per questo pretendere l’unanimità della testata Podisti.net) non solo a favore della vaccinazione, ma anche e soprattutto del “certificato vaccinale”, come via breve per poter accedere alle manifestazioni pubbliche, dal ristorante al cinema, dai palasport alle (sissignori!) gare podistiche. Naturalmente, bisogna che il vaccino sia efficace, e questo chi può dirlo? La scienza ci dice che i tempi ordinari per realizzare un vaccino efficace sono DIECI ANNI; i vaccini messi in giro oggi sono stati realizzati in dieci mesi, con intento lodevole ma notevoli margini di rischio e di dubbio (chi scrive è abbastanza vecchio per aver subìto da bambino l’iniezione antipolio Salk, la cui efficacia relativa era riconosciuta, poi da adolescente lo zuccherino Sabin che ha debellato la malattia; benvenuto Salk, certamente è valsa la pena di correre qualche rischio, ma quanti si sono ammalati dopo quel vaccino o anche a causa sua? E quante epidemie mortali di vaiolo si verificarono a fine Settecento, per un dosaggio errato delle somministrazioni immunitarie preventive?).
    Le informazioni e i dubbi sull’efficacia dell’ultimo vaccino proposto e quasi imposto (ad esempio, alle Forze dell’ordine italiane, il cui sindacato ha espresso ampie riserve, quasi un rifiuto) non sono stati raccolti ai bar (luoghi che, spiace per loro, F.M. non frequenta), ma dalla stampa e da siti qualificati.
    F.M. non si atteggia a virologo e deve fatalmente stare a quanto scrivono gli esperti: che poi in quest’anno di pandemia gli “esperti” ne abbiano dette di tutti i colori (dall’ “è poco più di un’influenza” a “rischio zero per l’Italia” a “le mascherine sono inutili” a “è così bello che mi farò un ciondolo”) dimostra che anche chi più sa quandoque dormitat.

    Ecco alcuni indirizzi e titoli sommari per chi volesse scendere oltre la seconda riga: riportiamo, non decidiamo noi. Dunque chi volesse contestare si rivolga ai siti e agli esperti sottoindicati, non a noi.

    https://www.la7.it/laria-che-tira/video/vaccino-anti-covid-astrazeneca-per-over-65-il-virologo-andrea-crisanti-dobbiamo-rispettare-il-trial-05-02-2021-363639
    Vaccino anti-Covid AstraZeneca per over 65, il virologo Andrea Crisanti: "Dobbiamo rispettare il trial altrimenti uno fa come je pare"
    “Il vaccino AstraZeneca è stato sperimentato su un gruppo di persone che non comprendeva in modo significativo individui che avevano un'età superiore ai 65 anni. La Svizzera non l'ha approvato, non è che si può sperimentare sulle persone".

    https://www.nursetimes.org/burioni-vaccino-astrazeneca/113570
    Secondo Burioni il vaccino di AstraZeneca non protegge dall’infezione asintomatica

    https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2021/02/08/covid-primi-dati-astrazeneca-efficace-al-10-sulla-variante-sudafricana-_e5ae1780-a66f-4f84-96fd-9bca99018c12.html
    Primi dati, AstraZeneca efficace al 10% sulla variante sudafricana. Anticipazione di studi preliminari che saranno presentati dall'Oms

    https://www.avvenire.it/mondo/pagine/covid-vaccini-astrazeneca-dubbi-su-variante-sudafrica
    L'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha convocato un gruppo indipendente di studio per valutare l'efficacia del vaccino di AstraZeneca contro la variante sudafricana del nuovo coronavirus. I dubbi sollevati da uno studio anticipato sabato scorso dal Financial Times hanno infatti spinto le autorità di Pretoria a sospendere le vaccinazioni.

    https://www.ilsole24ore.com/radiocor/nRC_03.02.2021_18.23_68910689
    La Svizzera ha deciso di rifiutare l'approvazione all'utilizzo del vaccino prodotto da Oxford e AstraZeneca ritenendo che i dati forniti dai produttori siano insufficienti e che servano ulteriori studi. La decisione viene dopo che altri paesi, fra cui Francia, Svezia e Germania, hanno deciso di non consentire la somministrazione del vaccino alle persone di eta' superiore ai 65 anni. Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che il vaccino e' "praticamente inutile" per chi appartiene a questa fascia di eta'.

    https://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?approfondimento_id=15728
    Il vaccino COVID-19 AstraZeneca può ridurre la trasmissione del virus da una persona all'altra?
    L'impatto della vaccinazione con il vaccino COVID-19 AstraZeneca sulla diffusione del virus SARS-CoV-2 nella comunità non è ancora noto. Non è ancora noto quanto le persone vaccinate possano essere ancora in grado di trasportare e diffondere il virus.
    Quanto dura la protezione dal vaccino COVID-19 AstraZeneca?
    Al momento non è noto per quanto tempo duri la protezione fornita dal vaccino COVID-19 AstraZeneca. Le persone vaccinate negli studi clinici continueranno a essere seguite per 1 anno per raccogliere maggiori informazioni sulla durata della protezione.
    I bambini possono essere vaccinati con il vaccino COVID-19 AstraZeneca?
    Il vaccino COVID-19 AstraZeneca non è attualmente raccomandato per l'uso nei bambini. L'EMA ha concordato con la società un piano per condurre studi che coinvolgono i bambini in una fase successiva

    3. Più innocua, anzi ‘accademica’, la discussione sull’ordine delle parole nella frase interrogativa inglese. Nemmeno in questo caso, Podisti.net si atteggia a rivista “scientifica” o “di fascia A” (secondo i canoni VRA o VQR, tanto per parlare difficile); e F.M. riconosce senza esitazioni che l‘ordine normale dell’interrogativa in inglese classico, oxoniano ecc., mette il soggetto dopo l’ausiliare; ma, a parte che non c’è un inglese unitario (né diatopico né diastratico, per continuare a parlare difficile: quanti dei contestatori dicono ancora “whom did you see?”, come amerebbe Queen Elizabeth?), l’intenzione è stata di presentare una frase fatta, una sequenza nota, che come tale si è cristallizzata e non può essere modificata quando è a livello di citazione. “Can che abbaia non morde”, o “questo matrimonio non s’ha da fare” si riportano così come si sono fissate, sebbene oggi in Italia nessuno parli a questo modo. Per citare altre parole o frasi di uso comune, come sponsor o campus o est modus in rebus, quanti inserendole in un discorso italiano osano “la mia società sportiva ha trovato un sponsorem” oppure “sono andato al campum di Forlì” o “conosco il tuo modum in rebus”?
    “We shall overcome” è un motto-bandiera, in un certo senso intoccabile (come, per fare un altro esempio, “coronavirus” è una parola ormai fissata così, sebbene costruita in modo aberrante per le lingue neolatine, che vorrebbero “virus-[a]-corona”). Al termine ci vorrebbe un punto esclamativo (e c’era nelle formulazioni più antiche, quando anzi suonava “I'll overcome” o “ We will overcome”): ma in questi tempi di incertezze, l’orgogliosa sicurezza del punto esclamativo si sta trasformando in interrogativo angoscioso.
    Se la cosa non vi convince, pazienza: prima dell’inglese, sarebbe tuttavia più importante imparare l’italiano, in modo da non scrivere, come per esempio fa un altro polliceverso, “però ci da dentro”, dove persino il correttore automatico di Word segnala qualcosa che non va.
    Infine, per consolarsi, F.M. rileggerà l’ultima riga dei “Promessi sposi”, rassegnandosi a veder scemare i suoi venticinque lettori, e… bonalé!

    Rapporto
  • Link al commento Mercoledì, 10 Febbraio 2021 11:37 inviato da Mario prandi

    E cosa vuoi gridargli, agli sfaccendati? " andate a correre!"? Singolare contrappasso, di chi era additato come " pirla, va a lavura'" ed ora è motore di rinascita....

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina