Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

Martedì, 19 Novembre 2019 22:20

Bitonto (BA) - 4^ Run Bit One

17 Novembre - Bella e positiva la Bitonto… Sportiva: ottima quarta edizione della Run Bit One, con la cittadinanza locale che si è mostrata educata e rispettosa nei confronti dei corridori, assecondando gli inviti delle Autorità locali e degli organizzatori.
Solo il forte vento di scirocco ha cercato di rovinare la festa, ma alla fine ha dovuto arrendersi anche lui…

Ad organizzare la Bitonto Sportiva, guidata dal nuovo presidente, Filomeno Moretti, uomo in… corsa, che ha indotto tutti i soci a pensare, da atleti, a cosa chiedono gli atleti ad una gara, dando vita ad una pregevole manifestazione, valevole come 18^ prova del Corripuglia 2019, la massima rassegna regionale master a tappe su strada.

Zona parcheggio predisposta in un vasto spazio libero non troppo distante dal punto di partenza/arrivo, a risolvere il primo urgente problema; bagni chimici posizionati in un angolo più nascosto della villa comunale che si aggiungono alle due strutture fisse; rapido disbrigo delle pratiche burocratiche nell’atrio del Palazzo Comunale, con conseguente ritiro di ricco pacco gara contenente prodotti alimentari ed integratori, ai quali si è aggiunge la bella e morbida maglia tecnica; iscrizione fissata a 7 euro, come da tariffa Corripuglia.  

Presenta la manifestazione il dinamico Damiano De Palma, consigliere ed atleta della società organizzatrice, che si avventura in questo nuovo ruolo, cavandosela in maniera egregia; ed egregiamente si comporta anche il clima, che ci regala una giornata soleggiata, né fredda né calda, senza la prevista pioggia; peccato per il fastidioso scirocco che mette talvolta in volo transenne, archi, antenne, carte, cartoni…

931 gli iscritti Fidal, a loro si aggiungono circa 200 liberi, un numero decisamente positivo considerando le tante, troppe concomitanze in regione e nell’Italia intera.  

Partenza prevista sull’ampio Corso Vittorio Emanuele II nei pressi dell’ingresso del palazzo Comunale; l’arrivo sarà un po’ più avanti, entrambi contraddistinti dagli archi forniti dallo sponsor del Corripuglia, la Depur System di Statte del brillante Antonello Cancellieri, storico podista tesserato per la Taranto Sportiva.

Gli atleti provvedono, intanto, a riscaldare i muscoli cercando zone franche dal vento; sono secondo me i momenti più belli, quando ci si incontra, si corricchia insieme, si scherza, ci scappa la foto, la battuta, la dose di vita.
Ma con il passare degli attimi bisogna schierarsi, nella griglia iniziale è autorizzata la sola presenza degli atleti più rapidi, con il pettorale segnato da uno speciale bollino distintivo, in precedenza selezionati dalla Commissione Master della Fidal Puglia, per permettere un rapido deflusso, senza spinte e cadute.
A far da cordone umano gli atleti della società organizzatrice: qualche attimo di pressione per portare la massa atletica sul punto esatto di via, il locale Sindaco - Michele Abbaticchio - a ringraziare tutti  i presenti, l’inno di Mameli a ricordarci che siamo italiani,  e finalmente ecco partire lo sparo dalla longeva pistola del Giudice Luigi De Lillo che decreta l’avvio.

Partenza velocissima, gli atleti si lanciano nel periplo della Villa Comunale, per passare su Via Giuseppe Verdi (1° km) e proseguire nel centro della città con vista sulla Basilica dei Santi Medici e giù su strada Larovere (3° km), per avviarsi poi in periferia. Giro unico, di circa 9700 metri, interamente pianeggiante, veloce, blindato al traffico, con ristoro a metà distanza con bottigliette di acqua.

Man mano il rientro in città, il centro, Piazza Aldo Moro, il lungo Corso Vittorio Emanuele da percorrere in piena velocità con la possibilità di effettuare sprint vincenti o… perdenti.  
Zona arrivo ben architettata con arrivo diversificato tra liberi e Fidal; da transennare meglio i marciapiedi per evitare l’invasione degli spettatori sulla sede stradale, che crea problemi a fotografi e giudici e diviene pericolosa per gli stessi atleti.

Le previsioni della vigilia indicavano due favoriti su tutti, entrambi nativi di Palo del Colle e tesserati per la Montedoro Noci: Giuliano Gaeta, già dieci successi in stagione, e Francesco Minerva, 14 anni in più e un ricchissimo palmares; in campo femminile, ferma purtroppo la star locale Francesca Labianca, il pronostico è tutto per Viola Giustino, che è però al rientro dopo mesi di stop: crescono così le quotazioni della 21enne Miriana Parisi.

E, in effetti, Gaeta si pone subito in testa, seguito da Minerva, con poco più dietro Natale Napoli; in campo femminile Viola Giustino è subito nettamente in testa, non ci sono discussioni.

Ma quando gli atleti appaiono in fondo su Piazza Aldo Moro, a poche centinaia di metri dal traguardo, le posizioni sono ribaltate, Minerva è in testa, segue Gaeta: tutti si chiedono se manterranno le posizioni o si assisterà ad uno splendido sprint. I metri passano, non cambia la situazione, ma quando oramai ne mancano circa solo cento, l’accelerata pazzesca di Gaeta alla quale Minerva non risponde: Giuliano Gaeta coglie l’undicesimo successo stagionale affermandosi in 32:00, soli quattro secondi in meno di Francesco Minerva, uno dei suoi maestri al quale dedicherà un messaggio di affetto, stima e ringraziamento sui social. Bravi entrambi, con la speranza di rivedere presto Francesco al massimo della forma, per assistere a duelli ancor più belli e combattuti.
E, a proposito di grinta, ecco la grande prestazione di Francesco “Ciccio” Marotti (Enterprise Giovani Atleti) che conclude in terza posizione in 33:18, lasciandosi alle spalle l’ottimo Antonio Di Giulio (Atletica Pro Canosa), quarto in 33:29.
Finisce in quinta posizione il capace Natale Napoli (Atletica Isaura Valle dell’Irno), a lungo terzo, che chiude in 33:40 davanti al sempre affidabile Michele Uva (Free Runners Molfetta), sesto in 33:44, che riesce a tener dietro il combattivo Antonio Di Nunno (Atletica Pro Canosa), settimo in 33:45. Primo bitontino è Alessandro Cazzolla (Bitonto Runners), intraprendente e sicuro, ottavo in 33:57, che precede due pari categoria, i validissimi Sebastiano Di Masi (Atletica Castellana), nono in 34:03, e Mario Greco (Atletica San Giovanni Bosco Palagianello), decimo in 34:34. Una parola per l’undicesimo, Angelo Pazienza (Dynamyk palo del Colle), bitontino doc, all’ennesima risurrezione della sua carriera, al traguardo in 34:35.

Tra le donne, vola Viola Giustino (Enterprise Giovani Atleti) e si afferma nettamente in 37:48, con la speranza che il guaio al ginocchio sia definitivamente un brutto ricordo; prestigioso secondo posto per la vivace Miriana Parisi (Amatori Atletica Acquaviva) in 39:34, dieci secondi prima della terribile Mara Lavarra (Amatori Putignano), capace di una grande progressiva rimonta fino ad ottenere il “bronzo”.
La grinta di Luana Piscopo (Dream Team Bari) nel quarto posto in 40:07, a precedere Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), quinta in 40:21, che sta ritrovando pian piano il passo della prima parte di stagione; sesta, sempre decisa, Marilena Brudaglio (Atletica Assi Trani), in 40:45, che precede la sempre concentrata Francesca Riti (Montedoro Noci), settima in 41:06, e l’efficiente Silvana Iania (Free Runners Molfetta), ottava in 41:19. Rapida e concreta, Stella Giampaolo (Atletica Monopoli) è nona in 41:25, con la prima bitontina, la 17enne Angelica Coviello (Nuova Atletica Bitonto), decima in 42:15.

862 gli arrivati Fidal, chiude la graduatoria Vincenzo Mirizzi, (appena... 86 anni!), accompagnato dalle bici del “fine corsa”, in 1:29:24; tra le donne, si gode la meritata passerella e i tanti festeggiamenti l’atleta di casa Serafina Speranza (Bitonto Sportiva) in 1h22:38.

In villa, il ricco ristoro con focaccia, birra, mela, acqua, attende gli atleti e permette di ritrovare immediatamente le forze; a disposizione degli atleti anche il rigenerante servizio massaggi.

Intanto, con le classifiche già pronte e redatte, nell’originale palco ricavato su di un camion aperto, ecco cominciare la cerimonia di premiazione: alla presenza dei locali assessori Domenico Nacci (allo sport) - che ha corso da libero, e Rino Mangini (al patrimonio), che ha corso da tesserato della società organizzatrice, si parte dai due vincitori, Gaeta e Giustino. 
Per loro la consegna di un ricco cesto di prodotti alimentari, un tris di bottiglie di olio, un capo tecnico e dei pasticcini; a seguire i primi cinque (fino alla categoria 60, poi i primi tre) delle varie categorie per fascia di età, tutti premiati con ricco cesto di prodotti alimentari (al primo/a un po’ più grande) ed altri gadget.

Ultimo atto ufficiale, il riconoscimento per le prime cinque società per numero complessivo di arrivati: ospitalmente, si esclude la Bitonto Sportiva (terza con 49), dunque la classifica aggiornata vede la vittoria della Amatori Putignano con (58), su Atletica Tommaso Assi Trani (50), Montedoro Noci (43), Atletica Pro Canosa (41) e Amici Strada del Tesoro Bari (40).

Targhe anche per tutti gli enti ed associazioni collaboratori, la giusta importanza al progetto “O-21” di mister Gaetano Salierno, che, per il terzo anno consecutivo porta numerose persone dal divano alla mezzamaratona (il 1° dicembre a Monopoli) e, infine, la sempre bella, significativa, foto di gruppo.

La manifestazione è davvero conclusa, negli occhi del presidente Filomeno, più volte vicino alla commozione durante le varie fasi, leggo la soddisfazione di avercela fatta e di averlo fatto in maniera del tutto positiva.
E, per quanto mi riguarda, la giudico una ripartenza: questo gruppo, attivo e coeso, con l’appoggio della locale istituzione comunale, può fare ancora meglio. Da dove cominciare? Dall’omologazione del percorso, a 10 km esatti, per una Run Bit One sempre più esplosiva e accattivante.   

Lunedì, 18 Novembre 2019 22:40

Caserta - 6^ Mezza Maratona Reggia Reggia

17 Novembre - 1122 sono stati i finisher della sesta edizione della Mezza Maratona di Caserta "Reggia Reggia", corsa per tutta la prima parte sotto la pioggia battente, con tratti scivolosi ed acquitrini da guadare. 

Successo per il magrebino Youssef Aich (Mondragone in corsa) in 1h07:11 che precede il rwandese Jean Baptiste Simukeka (GS Orecchiella Garfagnana), secondo in 1h08:10, e il connazionale Ismail Adim (Caivano Runners), terzo in 1h08:19. Hajjaj El Jeblki (International Security), sesto, è il primo italiano in 1h11:45. Quattordicesimo Giorgio Calcaterra in 1h18:53.  

Tra le donne s’impone Aurora Ermini (Acsi Italia Atletica) in 1h19:19 su Paola Salvatori (US Roma), seconda in 1h22:42, e Paola Bernardo (Amatori Corigliano), terza in 1h25:48.

Numerosi i podisti provenienti dalle regioni limitrofe, soprattutto dalla Puglia; organizzazione positiva, considerando le pessime condizioni ambientali.

 

17 Novembre - La 18^ edizione della Verona Marathon è stata ampiamente condizionata dal forte vento che ha frenato gli atleti sullo scorrevole percorso cittadino, con partenza e arrivo in Piazza Bra. E, per fortuna, la forte pioggia si è fermata poco prima del via, rendendo però scivolosi alcuni tratti sull’antica pavimentazione.

2014 i finisher sulla distanza regina, e vittoria che è andata al keniano Luka Kimutai Lagat in 2h18:53, all’esordio sulla distanza, che ha preceduto il connazionale e altro esordiente Jonathan Cheruiyot Kipkoche, secondo in 2h24:20. Terzo posto per l’ultramaratoneta bresciano Marco Ferrari (Atl. Paratico), in 2h27:42.  

Terzo successo, il secondo consecutivo, per la croata - campionessa mondiale di ultramaratona 100km -  Nikolina Sustic in 2h41:05; molto staccata è giunta la svedese Anna Jonsson, seconda in 2h49:12, e l’ungherese Tunde Szabo, terza in 2h52:30. Quarto posto per l’incredibile milanese Claudia Gelsomino (Cardatletica) in 2h53:25, nuovo primato italiano F50.   

2544 i finisher nella Cangrande Half Marathon, con vittoria del keniano Moses Kipngetich Kemei in 1h03:11, a bissare il successo del 2018;  secondo il connazionale Solomon Koech in 1h04:31, terzo lo svedese Jonas Leandersson (IF Gota) in 1h05:40. Primo italiano Diego Avon (Tornado), sesto in 1h11:55.

Tra le donne successo per la svizzera Andrea Meier (LC Uster), che vince in 1h18:56, sulla croata Laura Guzelj Blatnik (AD Kronos), seconda in 1h20:44, e su Marta Fabris (ASD Team KM Sport), terza in 1h24:26.

396 i finisher nella 10km competitiva, con successo di Giovanni Gualdi (Cus Bergamo) in 31:29 e di Linda Menigni (Atl. Empoli) in 37’34”.

2304, infine, i partecipanti alla 10km non competitiva, con finalità benefiche-sociali.                                

La città di Torino ospiterà la 28^ edizione degli Europei di cross del 2021, esattamente nel Parco La Mandria di Venaria Reale: la decisione è stata presa dal consiglio della European Athletics a Istanbul, riunito martedì 12 novembre.

Gli Europei di cross tornano in Italia per la quarta volta, a distanza di cinque anni dall’ultima volta, quando fu Chia (Sardegna), nel 2016, ad ospitare la rassegna continentale (precedenti Ferrara nel 1998 e San Giorgio su Legnano nel 2006).

Da sottolineare che Torino aveva anche ospitato i Mondiali di cross nel 1997 al Parco del Valentino.

“Tornare a organizzare un campionato europeo di cross a pochi anni da un’edizione straordinaria come quella di Chia è motivo di soddisfazione: ancora una volta l’evento si svolgerà in una location particolare e affascinante come il Parco della Mandria, che rappresenta un motivo di interesse per tutti. Per noi è fondamentale il supporto della Regione Piemonte che è stata accanto al comitato organizzatore. Inoltre stiamo studiando una partnership con le Atp Finals che Torino ospiterà proprio dal 2021. Il lavoro inizia subito, nell’ottica di un percorso che vuole portarci agli Europei di Roma 2024”., le parole del presidente della Fidal, Alfio Giomi.

Da ricordare che gli Europei di cross 2019 si sbovolgeranno il prossimo 8 dicembre a Lisbona.

L’AIMS, Association of Marathons and Distance Races, ha designato maratoneti dell’anno 2019 Lelisa Desisa e Ruth Chepngetich.

I due maratoneti, entrambi campioni del mondo a Doha, sono stati premiati ad Atene in una speciale cerimonia, alla vigilia della maratona della capitale ellenica.

L’etiope, nato il 14 gennaio del 1990, vincitore della maratona di New York nel 2018 in 2h05:59, si è classificato secondo a Boston ad aprile in 2h07:59 (a due secondi dal vincitore, il keniano Lawrence Cherono), per poi vincere il titolo mondiale a Doha in 2h10:40.
“La Maratona olimpica di Tokyo 2020 è il mio sogno. Voglio seguire l’esempio del mio connazionale Abebe Bikila e vincere l’oro ispirando una nuova generazione di giovani atleti”, ha dichiarato l’iridato dopo la premiazione.  

La keniana Ruth Chepngetich, nata l’8 agosto del 1994, dopo aver vinto un anno fa la maratona di Istanbul in 2h18:35, si è poi imposta a Dubai in 2h17:08 (allora terza miglior prestazione di sempre), per poi vincere il titolo mondiale a Doha in 2h32:43.
“E’ un grande onore ricevere questo premio ad Atene, dove è nata la maratona. E’ un grande traguardo nella mia carriera. Credo che sia possibile battere il record del mondo in maratona di Brigid Kosgei”, le parole della campionessa keniana.

Nell’ambito della stessa cerimonia sono stati anche premiati Stefano Baldini, campione olimpico di Atene 2004, e Ron Hill, campione europeo di Atene 1969, che hanno ricevuto uno speciale riconoscimento alla carriera.

 

14 Novembre - Domenica scorsa il trentenne britannico Nick Butter ha corso la maratona di Atene: fin qui, tutto normale, se non fosse che con la Grecia, Butter è la prima persona al mondo ad aver corso una maratona in tutti i 196 Paesi del mondo riconosciuti dall'Onu, il tutto in 674 giorni, meno di due anni.  

Questo record nasce in realtà per beneficenza, per raccogliere fondi per il tumore alla prostata: in totale, con le sue maratone, il britannico ha raccolto 65mila sterline (circa 75.000 euro) per Prostate Cancer Uk (l'organizzazione che nel Regno Unito si occupa appunto di lotta contro il tumore alla prostata).    

L'idea nacque durante una gara nel deserto del Sahara, quando Butter incontrò Kevin Webber, un uomo malato terminale per un tumore alla prostata.

Per il maratoneta non è stato certamente facile, perché tra visti e timbri vari ha dovuto riempire dieci passaporti, costretto spesso a rientrare a casa per sole 24 ore per ritirare i nuovi visti.

Butter che ha corso dappertutto, ha raccontato di essere stato morso da un cane, di essere stato rapinato, di essere stato derubato con un coltello, di essere finito in cella, di aver corso con un migliaio di persone in El Salvador e intorno ai vulcani in eruzione, nelle isole incontaminate del Pacifico e perfino su e giù su di una  pista di un aeroporto. 

Nato a Dorset (UK) nell’agosto del 1989, maratoneta dall’età di 11 anni, ha completato nelle sua carriera 592 maratone, abbandonando il lavoro in banca per vivere solo di corsa, di passione: “Spero di ispirare qualcuno a vivere libero, inseguire i propri sogni e imparare dal meraviglioso mondo che abbiamo, sotto i nostri piedi. La maggior parte delle azioni cattive compiute dagli uomini derivano da una carenza di comprensione rispetto e mancanza di cultura sul modo in cui le altre persone vivono. Viaggiare e correre mi ha permesso di vedere il mondo con occhi diversi. E ora lo amo molto di più. Ora mi riposerò qualche giorno, ma poi ho intenzione di tornare a correre, è il mio mondo”.

NdD. Chapeau, come si suol dire. Però si sa che ogni totale può sempre essere aumentato di uno... insomma, c'è sempre qualcosa che manca all'appello. Ad esempio - ci fa notare un amico italiano giramondo - Butter ha corso la maratona a San Marino? Difficile, dato che le ultime edizioni si sono svolte una ventina d'anni fa. Eppure San Marino è Stato riconosciuto... Dunque: primato sì, ma parlare di "tutti i paesi del mondo" è rischioso... [F.M.]

E' stata ufficializzata dalla European Athletics la sede dei campionati Europei di atletica nel 2022: sarà Monaco di Baviera, a cinquant’anni dai Giochi olimpici ospitati nel 1972.

Gli Europei si svolgeranno nell’ambito della seconda edizione dei campionati “multisport”, all’Olympiapark dall’11 al 21 agosto, che oltre all’atletica leggera hanno registrato le adesioni di ciclismo, golf, ginnastica, canottaggio e triathlon.

L’evento torna in Germania a distanza di quattro anni da Berlino 2018, e a Monaco vent’anni dopo il 2002.

 

Mercoledì, 13 Novembre 2019 13:42

Altamura (BA) - 7° Trofeo Correndo tra le Mura

10 Novembre - La tradizione positiva di Altamura continua negli anni: ciascuna manifestazione organizzata da questi parti, pur da differenti società, brilla per efficienza ed ospitalità.
La settima edizione del Trofeo “Correndo tra le Mura” non si è sottratta a questo trend positivo, onorando al meglio la qualifica di prova – la diciassettesima – del Campionato Corripuglia 2019, la massima rassegna regionale a tappe master di corsa su strada.
Ad organizzare la Happy Runners, sodalizio presieduto dal dinamico Antonio Forte, che è tornata a disporre del salotto buono della città, Piazza Zanardelli, dopo un anno in… periferia.

Risolto con facilità il problema del parcheggio (tante le strade e stradine a disposizione degli ospiti), in rapidità si definiscono le tradizionali operazioni di iscrizione e di ritiro del ricco pacco gara, prettamente alimentare. 7 euro il costo dell’iscrizione, solita tariffa Corripuglia, con adesione di 909 atleti Fidal. Si aggiungono i cosiddetti liberi, circa duecento, a colorare ulteriormente le strade del centro dell’Alta Murgia.

Giornata ideale per correre, dal clima in apparenza freddino, ma con gli atleti poi riscaldati dai raggi dell’opportuno sole.
Presentatore dell’evento è Claudio Lorusso, altamurano doc e speaker abitualmente in pista: per una domenica, per il proprio paese, si può tornare alla strada e ai master, lasciando anche il ruolo di ottimo tecnico.
A disposizione degli atleti una serie di bagni chimici, mimetizzati in fondo alla Villa, che si aggiungono alla solita struttura fissa.

Ma l’apertura della manifestazione è riservata alla gara ANFFAS, alle 8.15, rivolta ai valorosi atleti diversamente abili, che corrono la loro distanza con tanto vigore ed impegno, meritando la medaglia consegnata a ciascuno dei partecipanti, più che lodevoli per dedizione e forza di reazione (un grande ringraziamento va chiaramente anche ai loro accompagnatori!).

Intanto, mentre si svolgono le solite operazioni di risveglio muscolare, i partecipanti alla competitiva sono oramai pronti ad inaugurare il nuovo tracciato prettamente cittadino, allungato per necessità nelle ultime ore a quasi 11 chilometri, per un serio problema di lavori al manto stradale in una via cittadina.
Partenza intelligentemente fissata alle ore 9.00, con la possibilità di liberare in anticipo la città; ottima la creazione della zona partenza con accesso possibile solo dalle retrovie, con i soli possessori di bollino distintivo sul pettorale, precedentemente selezionati dalla Commissione Master della Fidal in base ai tempi di percorrenza, fatti entrare dal pertugio ricavato tra le alte reti metalliche, garantendo un avvio ordinato e meritocratico.

Prima del via, la parola del Signore raccontata dal bravo parroco, l’inno di Mameli e soprattutto il ricordo di Salvatore Ostuni, validissimo podista altamurano, a settembre troppo presto scomparso dopo la lunga malattia: per lui tantissimi applausi, dopo il minuto di raccoglimento.   

Il terzo sparo libera gli atleti sino ad allora ordinatamente dietro la linea di via: il plotone si allunga presto, sempre affascinante guardare il Viale interamente occupato e colorato dalle divise sociali, la città prende vita, la corsa è vita e salute.
Un chilometro e qualcosa, forse due, ed ecco gli atleti ripassare sul punto di via ma in senso contrario, tutti sono vitalissimi e sorridono e salutano, il percorso tecnico ed allenante toglierà qualche energia all’arrivo ma non certamente l’entusiasmo.
Tracciato blindato al traffico veicolare, ben sorvegliato, mai banale, con ristoro con bottigliette d’acqua a metà distanza, con numerosi cambi di pendenza e notevole dispendio di sudore.

Un favorito nel pre-gara, Gaeta, rispetta il suo ruolo e si pone da subito in testa; al femminile, riscontriamo la presenza di rilievo di Soumiya Labani, olimpica marocchina alcuni anni fa, oramai materana d’azione e tesserata per l’Atletica Amatori Acquaviva, che la pone in cima alle pretendenti alla vittoria finale; ma le condizioni non sono ancora le migliori e il ritiro diviene ben presto quasi d’obbligo (per ironia della sorte si ferma anche per il marito, lo storico El Houcine Zaid).

E, come previsto, Giuliano Gaeta (Montedoro Noci) va a bissare il successo di un anno fa imponendosi in 36:40, dando l’impressione di possedere maggiore calma interiore e maggior sagacia tecnica, doti che gli valgono il decimo successo del 2019.  
Non tradisce mai il suo spirito altamente sportivo confermato dai suoi arrivi con il sorriso sul volto: Michele Uva (Free Runners Molfetta) è secondo in 37:53, incalzato dal primo dei “gemelli diversi” dell’Atletica Pro Canosa, Antonio Di Nunno, terzo in 37:54, che sfiora davvero l’impresa di conquistare l’argento.
Quarto posto per il secondo gemello canosino, Antonio Di Giulio in 38:20, che precede quella scheggia impazzita che risponde al nome di Simone Colasuonno (Amatori Atletica Acquaviva), ragazzo genuino e sincero, quinto in 38:26, che riesce a resistere allo sprint di Lamin Cessay, il gambiano tesserato per la Polisportiva Rocco Scotellaro Matera, sesto in 38:27. Poche parole tanti fatti, Alessandro Cazzolla (Bitonto Runners) è settimo in 38:39, davanti al 16enne Giovanni Vittorio (Aden Exprivia Molfetta), ottavo in 39:17. Nono il sempre abile Giuseppe Dedonato (Atletica Sprint Barletta) in 39:40, davanti (indovinate chi?) all’immancabile Giuseppe Mele (Dynamyk Fitness Palo del Colle), decimo in 39:50.

Tra le donne, migliorando il secondo posto di un anno fa, s’impone Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva) in 43:48, per la gioia anche di mister Cuoco; seguono Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), che continua a risalire, seconda in 45:05, e Mara Lavarra (Amatori Putignano), estremamente concreta, terza in 45:38.
Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano) conclude quarta la sua ottima gara in 45:49, incalzata dalla combattiva Milena Casaluce (Nuova Atletica Bitonto), quinta in 45;53, e dalla tenace Silvana Iania (Free Runners Molfetta), sesta in 45:53. Francesca Riti (Montedoro Noci), che non molla mai, è settima in 46:08, a precedere le altrettanto terribili: Rosita Rella (N.E.S.T. Lecce), ottava in 46:30, Maddalena Carella (La Fenice Casamassima), nona in 46:31, e Stella Giampaolo (Atletica Monopoli), decima in 47:09.

862 gli arrivati: Vita Antonia Del Giudice (Team Pianeta Sport Massafra) chiude la lista femminile in 1:29:20, al termine della sua gara walking; al maschile sembra chiudere Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto), 86 anni e tanta forza in 1:42:49.  Ma, mentre mi allontano un attimo, vedo giungere Pierangelo Di Maio (Atl. San Giovanni Bosco Palagianello), fisico da corazziere e qualche problema da ultimo, che sportivamente si prende la maglia nera, come si diceva una volta, in 1:43:14.

Ottimo il ristoro finale: gelato, yogurt, biscotti, acqua, crostatina artigianale, oltre alla tradizionale forma di pane da un chilo, il pane doc di Altamura: un ristoro che vale quasi un secondo pacco gara!
Bella la giornata, è piacevole dialogare e ritrovare vecchi amici, come quel Nicola Mele (fratello di Giuseppe) che ha vinto tante gare e oggi è un po’ appesantito: gli ho strappato la promessa di un possibile ritorno se solo riuscirà a trovare il coraggio di operarsi al menisco!

In chiave altamurana, lasciatemi citare Pasqua Loviglio, splendida SF70 dalla spirito giovanile, da anni un esempio di correttezza, forza, sportività e senso della famiglia, sempre unita con il suo altrettanto splendido marito Giovanni Ragone, la coppia più bella del Corripuglia!

Ma è il momento delle premiazioni, sul palco già pronto, ricavato sull’ingresso e sulle scale del Liceo Classico “Cagnazzi” comincia la cerimonia, alla presenza del locale assessore allo sport, il giovanissimo Michele Cornacchia (al quale ribadiamo anche da parte nostra la necessità di dotare di una pista di atletica questa città sportivissima, oramai fucina continua di talenti).
Ancora un toccante ricordo di Salvatore Ostuni (io posso dire di aver corso insieme a lui…) con la consegna di una speciale targa alla Signora e figli, per passare poi alla premiazione vera e propria.

Si comincia con due vincitori, Gaeta e Monfreda (per loro trofeo e doppia confezione di prodotti locali); a seguire i primi cinque di ciascuna categoria per fascia di età (fino alla SM55 e SF50, i primi tre per le restanti) tutti premiati con ricca confezione di prodotti locali.  
Davvero caratteristica la presenza di gran parte dei soci della Happy Runners ai bordi del palco, posizionati sulle scale, a rendere omaggio ai meritevoli!
E, a proposito di meritevoli, consegnato il trofeo ai primi tre liberi (sempre nella speranza di vederli regolarmente tesserati per la prossima stagione), l’ultimo atto ufficiale riguarda la premiazione delle prime cinque società per numero complessivo di arrivati: vince la Amatori Putignano con 72, su – nell’ordine – Nadir on the road Putignano (50), Amici del Tesoro Bari (38), Montedoro Noci (36) e Atletic Club Altamura (36).

La foto di gruppo dei soci organizzatori chiude definitivamente la manifestazione.
Un plauso all’intera Happy Runners per la loro… felice manifestazione: noi a nostra volta andiamo via felici, felici di esserci stati ancora una volta.   

Martedì, 12 Novembre 2019 19:53

Maggiola in piedi… in attesa di correre?

12 Novembre - Ogni tanto le belle notizie arrivano: l‘ultramaratoneta Enrico Maggiola, primatista italiano delle 12 ore – investito lo scorso 24 settembre in un grave incidente di cui avevamo riferito (https://www.podisti.net/index.php/notizie/item/4905-pordenone-investito-sulle-strisce-l-ultramaratoneta-enrico-maggiola.html), dopo essere uscito dal coma lo scorso 2 ottobre, è stato ripreso in piedi due giorni fa, in occasione del suo compleanno, a camminare e salutare nella Clinica Gervasutta a Udine, dove è ricoverato da alcuni giorni: il tutto pubblicato dalla sorella Giulia sulla pagina Facebook. 

La cosa più confortante è  che le prime diagnosi sembravano infauste: Enrico, invece, dopo essere stato operato alla testa, ha reagito splendidamente, aiutato dal suo fisico da maratoneta e dall’affetto dei suoi cari. 

Ecco il link per poter vedere Enrico di nuovo in piedi: https://www.facebook.com/Giuliettaa/videos/10221062078001856/

 


In data 5 novembre, l’AIU (Athletics Integrity Unit), l’agenzia antidoping della IAAF, ha pubblicato la notizia della squalifica di quattro anni, a partire dal 26 aprile (data della sospensione temporanea), del keniano Abraham Kiptum.

Il 30enne Kiptum, per pochi mesi detentore del record mondiale della mezza maratona col 58'18 a Valencia nel 2018 (migliorato poi a settembre da Geoffrey Kamworor a Copenaghen con 58.01), era stato sospeso per  irregolarità nel "passaporto biologico" nell’aprile scorso, tanto che gli fu impedito di partecipare alla Maratona di Londra a poche ore dal via.

L’attuale sentenza parla di “Use of a Prohibited Substance or Prohibited Method (Article 2.2) “, senza specificare meglio: l’atleta potrà presentare appello.

I personal best di Kiptum:

10,000 Metres

29:18.0h

 

Mumias (KEN)

15 APR 2017

10 Kilometres

27:44 *

 

Ziwa (KEN)

09 DEC 2017  not legal

Half Marathon

58:18

 

Valencia (ESP)

28 OCT 2018

Marathon

2:05:26

 

Amsterdam (NED)

15 OCT 2017

 

 

 

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina