Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 01, 2024 297volte

Modena, 36^ Camminata della Solidarietà: non sparate sulla Croce Blu!

Vincoli e sparpagliati Vincoli e sparpagliati Roberto Mandelli

1° aprile – Troppo facile dire che in questo giorno bisogna aspettarsi gli scherzi, e dunque alla Pasquetta sportiva dei modenesi non poteva filare tutto liscio. D’altronde, quando una corsa non si appoggia su una società sportiva, ma su una istituzione (ancorché benemerita) come i volontari della Pubblica Assistenza, è quasi normale che lo sbandieratore del km 5, a un bivio con due frecce che indicavano direzioni opposte, dicesse che non sapeva quale fosse il percorso lungo e il corto; e i vigili a quello che per me era diventato il km 7 dicessero di non avere la minima idea di dove dovessimo andare.

E’ successo che, dopo i primi 5 km nei quali siamo stati più o meno un gruppetto compatto (sì e no 200 eravamo alla partenza regolare, forse altrettanti erano partiti prima), attraverso i parchi Londrina e Ferrari alias “Modena Park”, pensando ad Alfredo che ci ha fatto sfuggire l’occasione con quella t* che è andata con il n*, da quel punto è stato tutto un incrociarsi tra podisti in direzioni opposte, ed era inutile domandare che giro stavano facendo perché non lo sapevano nemmeno loro.

Nei lontani ricordi di Paolino Malavasi e della signora Cecilia Gandolfi in Italo (vederli nella fotina di copertina, con Simona Malavasi e Margherita-cognata: tranne una, quel gruppetto ha in saccoccia almeno mille maratone) ci stava che si andava da lì a Cognento e ritorno, una specie di Corrida accorciata che veniva a fare appunto 12 km, mentre per i camminatori o i pigri c’erano i 3 e i 6 km; ma l’unico che ha ammesso di averne fatti 12 è stato Lord Colombini da Castelnuovo (partito prima). Il sottoscritto a un certo punto ci ha dato a mucchio (come si dice qui), e dopo il succitato colloquio coi vigili, avendo ritrovato delle frecce, le ha seguite finendo sul cavalcavia pedonale del Direzionale 70, dove svariati anni fa – sempre in questa camminata – ci fecero sbagliare strada mandandoci al Jolly Club tennis; ma stavolta i gruppetti si erano ricomposti e siamo finiti tutti nella sede della Protezione Civile, non lontani dal negozio (chiuso) di Lupo Sport, accolti dai volontari contro i quali era inutile prendersela: in fondo, per due infinitesimi euro, oltretutto devoluti a fini solidali, c’era un ristoro di tè, arance, limoni (cui le società aggiungevano scaglie di cioccolata - magari ricavate dall’uovo di Pasqua da 160 grammi ricevuto sabato a Modena Est - e fettone di colomba), e un pacco gara a base dei due prodotti più tipici del podismo modenese: pasta e aceto balsamico.

Ci aspettava Italo abbastanza imbacuccato, che ha ritratto me e Margherita al cospetto di Giorgio Reginato e Simona Neri che annotavano chissà cosa su un registro (che tempi, quando in questi traguardi c’era Rispoli che chiedeva i nomi dei primi arrivati e il giorno dopo pubblicava i “vincitori”; e se mancava Rispoli, lo suppliva Peppino Valentini): breve dibattito su quale sia la gara peggio organizzata dell’anno modenese (- ce n’è di peggio.. – quale, il miglio di Formigine…? – togliti il berretto che ti sputo in un occhio…), e simili amenità, mentre la pioggerellina ha smesso e sembra addirittura di vedere, sopra la cappa padana, un raggio di sole che tenta di trafiggerci.

Arriva di corsa (forse l’unica) Sonia Del Carlo, ma nemmeno lei sorride; arriva Paolino, separato in casa dopo il km 5, e confessa che ne ha fatti 8,5 cioè pochi metri più del sottoscritto: merita la foto grande, combinata dal grande Roberto Mandelli. Da domenica si comincia a fare sul serio: Russi, Tuscany, Curtatone, Chianti classico, Delicius Trail. Oggi,  non ci si lamenta e non si spara sulla Croce Blu: in questa giornata e con questi climi, per dirla con Mina, “È violento il respiro - Io non so se restare o rifarlo morire - L'importante è smaltire”.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Italo Spina - Fabio Marri

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina