Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 22, 2022 810volte

St.Moritz Running Festival (CH) – Cambiato il nome, non la bellezza delle gare

Foto varie, da sinistra un tratto sul lago della Sommerlauf; passaggio del Free Fall Vertical; Fabio Caldiroli in azione alla Pontresina Run Foto varie, da sinistra un tratto sul lago della Sommerlauf; passaggio del Free Fall Vertical; Fabio Caldiroli in azione alla Pontresina Run Foto MBasile-Czadilek

SERVIZIO FOTOGRAFICO

22 agosto 2022. In realtà la denominazione non è cambiata solo da quest’anno, una volta era semplicemente “Engadiner Sommerlauf”, invece il menù offerto ai podisti è sempre più ampio. Gare che partivano già venerdì 19 agosto con la Crossing Engiadina, corsa a tre tappe, poi il giorno successivo con la Free Fall Vertical e chiusura domenica 21 con la Pontresina Run e il tradizionale Sommerlauf, “la corsa d’estate”, Nel mezzo è successo altro, ad esempio la Race for the Cure, che ricorda una grande amica e collaboratrice di questa manifestazione, Cristina Cavalli. 

Nelle gare alcune certezze ma anche diverse sorprese: non hanno vinto gli africani, come tradizionalmente avvenuto in molte edizioni, invece doppietta svizzera sulla distanza più lunga ( Sommerlauf, km 25),  Julie Derron e Max Studer, entrambi triathleti della nazionale elvetica. Seconda classificata un’infinita Ivana Iozzia, il doppio degli anni di chi l’ha battuta. 

QUI IL COMUNICATO STAMPA DELLA MANIFESTAZIONE

Così e così gli italiani, i più forti sulla carta, Nadir Cavagna e Andrea Soffientini, hanno alzata bandiera bianca lungo il percorso causa problemi muscolari, invece molto bravo il bergamasco Andrea Sonzogni, che con il sesto posto e il tempo di 1h26’13 migliora nettamente il risultato del 2021 (nono posto, 1h29’02). Sempre nella classifica dei migliori Loris Mandelli, 14esimo in 1h33’31, e Roberto Patuzzo, 15esimo in 1h34’37.


Nella Pontresina Run ha vinto il forte Morgan Le Guen, invece tra le donne la classifica dice Italia, con Ilaria Sabbatini al primo posto.

Scorrendo la classifica il primo italiano è Fabio Caldiroli (17esimo in 44’21), vincitore della sua categoria. Un atleta con un importante passato da raccontare, 29’18 sui 10.000 metri, 1h04’02 sulla mezza maratona e 2h15'32 sui 42195 metri. Oggi corre ancora (forte) ma soprattutto si dedica a seguire gli altri atleti e, quando si rompono, lui … li aggiusta. 

Buone notizie sul fronte della Free Fall Vertical, mille metri di dislivello da superare in poco più di 6 chilometri: Valentina Belotti si aggiudica il primo posto col notevole tempo di 59’31. Ha mollato parecchio sul fronte agonistico ma per batterla bisogna faticare parecchio (e se poi la corsa sale molto e scende poco è ancora più complicato). Ne sa qualche la sua amica Elisa Compagnoni, seconda in 1h02’59, atleta che un giorno (forse) convincerò a misurarsi in qualche gara su strada. 


I numeri: lieve calo complessivo generale se si guarda agli atleti classificati, con la Pontresina Run che fa addirittura meglio, perché ha visto al traguardo 357 atleti ( + 55 rispetto al 2021). Curiosità: il “peso numerico” delle donne alla Pontresina Run è stato del 44% sul totale (153 atlete). Tra queste Mara Comi, del mitico Monza Marathon Team: le ho corso dietro per 12 chilometri, niente da fare. In gara anche il team leader di questo gruppo sportivo, Andrea Galbiati, che se l’è passeggiata. 

In generale gli italiani sono stati un centinaio, gli stessi del 2021. I costi per noi italiani sono elevati, quantomeno in base alle nostre abitudini (le gare in Italia sono tra le meno costose in assoluto, anche perché l'euro ha perso oltre il 30% in rapporto al franco svizzero), tuttavia da valutare bene il prodotto offerto da questa manifestazione; se poi gli organizzatori per favorire la nostra partecipazione si … inventassero qualcosa, non sarebbe male. 

Per chi vorrà essere della partita arrivederci al 2023: 11,12 e 13 agosto.


 Credito foto interno articolo: @[email protected]

 

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Monica Basile

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina