Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Stefano Morselli

Stefano Morselli

Nel 1996 inizia per primo a scrivere sul web di podismo reggiano, nel 1999 fonda con Tommaso Minerva e Fabio Marri www.podisti.net.

Domenica, 28 Gennaio 2018 15:13

Ladri scatenati alla "Maialata" di Gattatico

Ladri scatenati questa mattina alla corsa che si è svolta alle porte di Sant'Ilario ma in comune di Gattatico, presso l'antica Corte Ortalli.
Subito dopo il via sono stati rotti i vetri a 4 macchine della 150 presenti nel parcheggio, sono stati rubati i portafogli dei podisti, in un caso i ladri sono anche riusciti ad usare la carta di credito di uno dei derubati.
Probabilmente i ladri erano già sul posto prima della partenza della manifestazione avvenuta alle 09.30, magari vestiti da podisti per non essere notati, e subito dopo il via sono entrati in azione.
I ladri oggi hanno rischiato parecchio mostrandosi per nulla intimoriti da una location dagli spazi contenuti e da un'unica strada d'accesso ben presidiata dai volontari e da un videomaker.
Era presente, infatti, Nerino Carri che con la sua telecamera ha fatto riprese a poche decine di metri dal parcheggio, potrebbe involontariamente aver ripreso qualche dettaglio interessante.

31/01/2018: abbiamo verificato foto e video trovando qualche indizio interessante sull'auto Mercedes immortalata nelle immagini seguenti.
Per prima cosa quest'auto risultava parcheggiata proprio vicino alla zona in cui sono state danneggiate le altre auto, inoltre la si nota mentre se ne va molto presto, circa alle 10.15 mentre stanno arrivando i primi del percorso lungo.
Solo indizi naturalmente, magari si tratta di un podista che aveva solo fretta di andarsene, in questo caso potrebbe aver visto qualcosa nel parcheggio, quindi lo cerchiamo.

Gattatico - Maialata


A parte questo spiacevole accadimento, la 1^ edizione della "Maialata" ha avuto un buon successo partecipativo con circa 400 podisti che si sono misurati sulle distanze di 6 e 12 km. assolutamente non competitive.
Bellissima l'idea di organizzare un evento free con quota d'iscrizione libera, nessun premio né per singoli né per gruppi, una sorta di allenamento in compagnia al di fuori dei circuito ufficiale Uisp che oggi non aveva nulla in programma.
Gli amici della Pod. Taneto, coadiuvati dai volontari della Protezione Civile, hanno garatito un'ottima copertura dei percorsi, e ben 2 ristori sul percorso oltre a quello finale.
Nel complesso è stata un'ottima manifestazione, peccato per i furti ma l'organizzatore non ha certo delle responsabilità.


Domenica, 21 Gennaio 2018 17:53

Corri con Gianni - 41a Classica Madonnina

Non poteva risultare migliore la prima edizione di “Corri con Gianni - 41” Classica della Madonnina” organizzata in ricordo di Gianni Vaccari scomparso lo scorso 30 dicembre. Nuova location a Ponte Alto presso gli spazi della Festa Prov.le del PD, ampi spazi per tutto, nessun disturbo alla città, organizzazione perfetta: che dire, bravissimi gli amici della Pod. Madonnina, Gianni sarebbe stato molto contento del loro lavoro. Ludico motoria alle 9.00, ma la maggioranza dei camminatori erano già partiti, me compreso... ma avevo la deroga, dovevo fare le foto alla competitiva con partenza alle 10.00 dallo stradello Anesino sulla distanza di 9800 metri.
La partecipazione è stata sorprendente, 496 classificati per un gara organizzata in meno di 30 giorni sono veramente un risultato eccezionale; ma anche la gara non è stata male, anzi, bello il percorso fuori dal traffico, due giri da circa 4 chilometri piu' tratto di partenza ed arrivo, quasi nessuna macchina sul percorso, strade strette con asfalto in buone condizioni.

 

Subito dopo il via prendono la testa le due stelle dell'MDS, il triatleta azzurro Davide Uccellari ed Omar Choukri, sarà una sfida spalla a spalla sino al tratto finale dove Uccellari è riuscito a staccare Choukri di 8 secondi, andando a vincere in 30'59", terzo Omar Stefani (La Fratellanza 1874) in 31'43", quarto il promettente diciassettenne Nicolo' Barbieri in 32'02", quindi Antonio Santi in 32'12".
Tra le donne, dopo un primo giro di studio con Laura Ricci (Calcestruzzi Corradini Excelsior) e Veronica Paterlini (CUS Parma) appaiate in testa, la modenese della Corradini ha attaccato il turbo staccando la reggiana del team parmense che è stata anche superata dall'altra reggiana Rosa Alfieri (Circolo Minerva PR); per la Ricci un interessante 36'29", Alfieri 36'47", Paterlini 37'01", quarta la bolognese Francesca Ravelli (Pontelungo) in 37'59", quinta Linda Pojani (Atl. Reggio) 38'10".
Nel dopo gara personale visita al Cimitero di Freto dove riposa Gianni Vaccari.

Ordine d'arrivo maschile:
1 30:59,6 UCCELLARI Davide MO ATLETICA MDS PANARIAGROUP M A 1991
2 31:07,4 CHOUKRI Omar MO ATLETICA MDS PANARIAGROUP M A 1982
3 31:43,6 STEFANI Omar MO A.S. LA FRATELLANZA 1874 M A 1996
4 32:02,3 BARBIERI Nicolo' MO ATL. FRIGNANO - POL. PAVUL M A 2000
5 32:12,2 SANTI Antonio MO A.S. LA FRATELLANZA 1874 M B 1973
6 32:12,7 ACCARDO Gianmarco MO A.S. LA FRATELLANZA 1 874 M A 1997
7 32:33,7 ROSSI Davide MO ATL. FRIGNANO - POL. PAVUL M A 2000
8 32:37,2 MORO Mohamed MO A.S. LA FRATELLANZA 1874 M A 1984
9 33:06,3 MANFREDINI Tommaso MO ATLETICA MDS PANARIAGROUP M A 1980
10 33:12,6 BERGIANTI Andrea RE CALCESTRUZZI CORRADINI EXC M A 1986

Ordine d'arrivo femminile:
1 43 138 36:29,3 RICCI Laura MO CALCESTRUZZI CORRADINI EXC F E 1979
2 50 147 36:47,5 ALFIERI Rosa RE CIRCOLO MINERVA ASD F F 1970
3 58 603 37:01,3 PATERLINI Veronica IT C.U.S. PARMA F E 1985
4 77 441 37:59,3 RAVELLI Francesca BO A.S.D. POD. PONTELUNGO BOL F E 1979
5 81 87 38:10,6 POJANI Linda IT ATL. REGGIO ASD F E 1984
6 89 148 38:32,8 MALVERTI Raffaella MO CIRCOLO MINERVA ASD F F 1972
7 90 88 38:37,6 NERI Elena RE ATLETICA 85 FAENZA F F 1975
8 105 177 39:21,5 GUALTIERI Lara MO G.P. LA GUGLIA F F 1972
9 115 86 39:29,2 COMERO Elisabetta IT ATL. REGGIO ASD F G 1968
10 125 496 39:56,6 RICCHI Lucia MO MODENA RUNNERS CLUB ASD F E 1982

 

Modena Madonnina 2018


 

Giovedì, 18 Gennaio 2018 00:04

Maratona di Roma con bando pubblico dal 2019

La mozione Cinque Stelle, approvata dal consiglio comunale, cambia le regole per l’organizzazione dell'evento. Il comunicato dell'assessore allo sport Frongia.
Dal prossimo anno l'organizzazione della Maratona di Roma, la più partecipata maratona italiana, sarà messo a bando.
Il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza, lo scorso 11 gennaio 2018, una mozione che impegna la sindaca Virginia Raggi e l’intera giunta “ad adottare ogni iniziativa ed atto al fine di predisporre l’avvio della procedura ad evidenza pubblica per l’assegnazione degli eventi sportivi con le caratteristiche di unicità individuate della federazione nazionale di riferimento a decorrere dalla Maratona di Roma Capitale del 2019”.
Il tutto “previa verifica dell’insussistenza di eventuali diritti vantati da alcuno nell’organizzazione del predetto evento, garantendo un servizio sempre più qualificato e contribuendo alla valorizzazione del territorio e delle realtà sportive locali.
Il consigliere capitolino del Pd Marco Palumbo lamenta una grave ingerenza politico-istituzionale nell’evento sportivo dichiarando “La mozione M5S approvata ieri sera 11 gennaio 2018 che prevede di attivare procedure ad evidenza pubblica per tutti gli eventi sportivi della città di Roma è stata presentata in aula dal presidente Diario come una iniziativa a carattere generale  riguardante centinaia di attività agonistiche su strada che si svolgono nella capitale. Nelle dichiarazione successive all’approvazione lo stesso consigliere M5S Diario invece ha poi fatto esclusivo riferimento alla Maratona di Roma che è l’unico grande evento sportivo internazionale che si svolge nella capitale ed è calendarizzato dalla federazione di Atletica leggera. Si tratta di un subdolo tentativo di ingerenza politica del M5S in un evento sportivo straordinario per Roma e la sua immagine.  Una sorta di scippo politico – istituzionale a danno della città per  favorire  interessi  diversi da quelli dello sport. Da oltre 20 anni la corsa è un evento internazionale che offre il volto migliore della nostra città al mondo  e che coinvolge migliaia di cittadini romani  e sportivi provenienti da tutti i continenti ed è organizzata senza spese per il comune. L’operazione messa in atto dal M5S, anziché valorizzare l’iniziativa, punta invece a mortificare l’impegno di chi a questo evento lavora da decenni con successo. Si rischia in questo modo di distruggere l’unico grande evento sportivo su strada ospitato dalla capitale. Ne deriverebbe un indubbio danno allo sport con ripercussioni economiche negative di svariati milioni di euro nel settore dell’ospitalità, della ristorazione e dello svago”.
Durissima la presa di posizione di Enzo Foschi: “i grillini con un colpo di mano in consiglio comunale hanno ucciso la “maratona di Roma”. L’idea di mettere a bando un evento privato a costo zero per il Comune, evento che porta circa 15000 sportivi e relativi accompagnatori dall’Italia e dal mondo a Roma, evento che produce un indotto di 30 milioni di euro per la città il cui marchio è registrato. Non è incompetenza, è solo voglia di distruggere ciò che di bello è sopravvissuto nella nostra città”.
Angelo Diario, consigliere Cinque stelle e presidente della commissione Personale, Statuto e Sport nell’illustrare il provvedimento, ha fatto riferimento a “eventuali diritti nell’organizzazione” chiamando in causa l’Italia Marathon Club, che, con la gestione tecnica e commerciale di Atielle Roma, cura da anni una manifestazione capace di attirare nella capitale decine di migliaia di campioni e podisti da tutto il mondo.


Comunicato stampa del Campidoglio
Il bando Maratona di Roma a evidenza pubblica ripristina trasparenza e dà ulteriore valore all’evento sportivo

Circolano informazioni errate sull’evento Maratona di Roma. È bene chiarire che Roma Capitale con deliberazione della Giunta Capitolina istituì nel 1994 il Comitato Promotore della Maratona di Roma composto dal Sindaco, l’Assessore allo Sport di Roma, il Presidente e il Segretario Generale della FIDAL. Nel corso degli anni e sino al 2004 il soggetto organizzatore della Maratona è stato individuato da FIDAL e quindi affidato dal Comune. Dal 2004 in poi nessun affidamento è stato effettuato. Si deve precisare che nel corso degli anni ingenti sono state le spese sostenute da Roma Capitale per garantire i servizi sottesi all’evento, nonché, in alcune occasioni, sovvenzioni dirette da parte sia del Comune che di Acea, azienda al 51% proprietà di Roma Capitale. Dal 2005 in poi nessuna delibera è stata emessa. Nel 2017 la Sindaca Raggi ha deciso di riunire nuovamente il Comitato Promotore insieme a FIDAL per programmare insieme le edizioni a partire da quella del 2019. L’indizione di un bando è coerente con l’attuale normativa europea e con l’indirizzo espresso dalle precedenti Amministrazioni che appunto istituirono il Comitato Promotore.

Il bando della Maratona di Roma ripristina trasparenza e dà ulteriore valore alla corsa. Dopo anni di assoluta latitanza dell’Amministrazione, la Maratona di Roma potrà avere la valenza che merita. Se per il PD affidare la corsa al soggetto più meritevole attraverso criteri oggettivi e far risparmiare ai cittadini romani decine di migliaia di euro rappresenta un “colpo di mano”, siamo ben orgogliosi di averlo fatto. Di certo riconosciamo i meriti degli organizzatori di questi anni; ciò non può prescindere però dall’importanza, ben maggiore, di agire nell’interesse di Roma e nella corretta applicazione di quanto stabilito dal Comitato Promotore. L’apertura delle porte a più soggetti aumenta la possibilità di migliorarla. I dati delle precedenti edizioni confermano che Roma, con una media di 13.000 partecipanti, è ancora ben lontana dai numeri di altre capitali europee. Dal 2019 l’obiettivo è quello di far crescere la Maratona così da essere competitiva con quelle delle principali Capitali Europee e consolidare ulteriormente l’immagine di Roma come centro dei grandi eventi sportivi internazionali”, ha dichiarato l’Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Daniele Frongia.

“Vogliamo mettere a bando gli eventi sportivi di grande rilevanza come la Maratona di Roma. Un’inversione di rotta che risponde all’esigenza di una maggiore trasparenza negli affidamenti e che darà la possibilità a più soggetti qualificati di partecipare alle procedure ad evidenza pubblica indette dalla pubblica amministrazione. Una fattispecie, è bene ricordarlo alla “smemorata” opposizione del Pd, che risponde a un ben preciso dettato legislativo e che premierà il progetto più qualificato e meritevole. Dal 2016, anno di insediamento della Giunta Raggi, Roma ha dimostrato di sapersi adeguare rapidamente all’evoluzione normativa nazionale e di saper fornire servizi efficienti come mai accaduto in passato. Non a caso la nostra città ospiterà, per la prima volta, eventi quali il Gran Premio di Formula E e l’ultima tappa del Giro d’Italia. Segno evidente di come l’attuale Amministrazione stia lavorando bene nella valorizzazione dello sport capitolino in Italia e nel mondo” ha dichiarato l'assessore, nonché Presidente della X Commissione Capitolina, Angelo Diario.

(Ampi stralci sono tratti dall'articolo pubblicato
da IL MESSAGGERO del 12 Gennaio 2018).

NdR:
Per ora si tratta solo di una "mozione che impegna", bla bla bla. Niente di tassativo. Fake news e dintorni.
Della questione ci eravamo già occupati col pezzo di Sebastiano Scuderi del 30 dicembre: http://www.podisti.net/index.php/commenti/item/394-maratona-di-roma-e-dilettanti-allo-sbaraglio.html
Vedremo se la nuova organizzazione sarà assegnata col criterio del "massimo ribasso", come solitamente accade nei bandi pubblici: ci aspettiamo di vedere se qualche candidato proporrà di azzerare i costi dei pettorali, o di offrire il viaggio gratis a Roma, e simili amenità.

Per un paragone con ingerenze pubbliche nell'organizzazione di gare importanti, ricordiamo come la regione Valle d'Aosta contrappose un suo evento al "Tor des Géants", che stava riscuotendo un successo incredibile: l'esperienza durò un anno solo, poi si è tornati come prima.

Perché il Comune di Roma non organizza un'altra maratona, assegnandola come gli pare, ma lasciando stare la libera iniziativa di chi già la gestisce? Chi ha detto che non si può organizzare più di una maratona nella stessa sede? Già ora ci sono maratone a Ostia-Castelfusano (comune di Roma).

Dal 15 Gennaio e sino al 15 febbraio 2018, i podisti possono richiedere l’iscrizione diretta alla 48^ edizione della Maratona di New York in programma il prossimo 4 novembre.
Le iscrizioni rimarranno aperte sino al 15 febbraio sul sito www.tcsnycmarathon.org .

Le richieste d’iscrizione sono di 2 tipi, iscrizione a sorteggio (lotteria) e iscrizione con i requisiti prestazionali, con la novità delle limitazione dei posti a disposizione per chi non avesse ottenuto la prestazione in gare NYRR.

Per il sorteggio basta iscriversi sul sito sino al 15 Febbraio ed attendere l'estrazione del 28 febbraio 2018, nel 2017 sono stati premiati con l'iscrizione il 17% degli iscritti al sorteggio, il numero è proporzionale al numero degli iscritti.

Per l'iscrizione garantita, i criteri sono stringenti, occorre avere una delle seguenti caratteristiche:

-   aver completato 15 edizioni della maratona di NY;

-   aver trasferito l’iscrizione 2017 già perfezionata, all’edizione 2018;

-   aver ottenuto le seguenti prestazioni (in uno degli eventi NYRR sotto elencati) nell’anno 2017:

Standard maschili:

Age*

Marathon

Half-Marathon

18-34

2:53:00

1:21:00

35-39

2:55:00

1:23:00

40-44

2:58:00

1:25:00

45-49

3:05:00

1:28:00

50-54

3:14:00

1:32:00

55-59

3:23:00

1:36:00

60-64

3:34:00

1:41:00

65-69

3:45:00

 

 

Standard femminili:

Age**

Marathon

Half-Marathon

18-34

3:13:00

1:32:00

35-39

3:15:00

1:34:00

40-44

3:26:00

1:37:00

45-49

3:38:00

1:42:00

50-54

3:51:00

1:49:00

55-59

4:10:00

1:54:00

60-64

4:27:00

2:02:00

65-69

4:50:00

2:12:00

70-74

5:30:00

2:27:00

75-79

6:00:00

2:40:00

80+

6:35:00

2:50:00

Saranno automaticamente accettate le iscrizioni solo di coloro che hanno ottenuto i tempi descritti nella tabella, in una delle seguenti gare NYRR:

NYRR Fred Lebow Manhattan Half 2017;
2017 United Airlines NYC Half;
2017 Half-Marathon femminile SHAPE;
2017 Airbnb Brooklyn Half;
2017 NYRR Staten Island Half;
2017 TCS New York City Marathon. 

Tutti coloro che hanno ottenuto i tempi di qualificazione in gare diverse da quelle sopra elencate, non avranno la certezza di poter correre la NYCM, il comitato organizzatore, infatti, si riserva la facoltà di accettare solo una parte dei richiedenti, i posti verranno distribuiti in base al principio "chi prima arriva, prima alloggia".
Il Comitato organizzatore si prenderà sino a due settimane (dal 15/2 al 28/2) per verificare la veridicità delle prestazioni dichiarate nella scheda dai singolo candidati.

Coloro che si candidano con un tempo di qualificazione in gare non NYRR, dopo aver raggiunto il numero massimo di posti disponibili, rimarranno nell’elenco degli atleti con iscrizione non garantita.
Verrà preso in considerazione il tempo netto (da chip) e non il tempo dalla sparo.

Durante la finestra mensile 15/01 – 15/02, L’iscrizione alla procedure “non garantita” è gratuita, si pagherà il pettorale quando verrà perfezionata l’iscrizione.
I corridori che riceveranno la notifica che comunicherà loro la presenza dei requisiti, dovranno reclamare il loro posto perfezionando l'iscrizione. 

Per tutti gli altri, quindi per tuti coloro che non hanno i requisiti sopra esposti, non rimarrà che iscriversi attraverso le agenzie accreditate, non dimenticando, però, di valutare anche l'offerta Podisti.Net, un'offerta che mai come quest'anno presenta un rapporto qualità/prezzo così favorevole, con volo diretto con Emirates (già fissati gli operativi dei voli) ed hotel a 700 metri dall'arrivo della maratona.
Per ricevere informazioni compilare la scheda che apparirà dopo aver cliccato sull'immagine seguente:




Si è corsa questa mattina l'edizione 2018 della Terni Half Marathon che ha visto tagliare il traguardo a 423 atleti di cui 95 donne.
Bella sfida tra le donne tra Laura Biagetti (I Love Run Athletic Terni) e Silvia Tamburi (Atl. Avis Perugia) con la prima che ha avuto la meglio in 1h19'30" staccando di soli 7 secondi la Tamburi, terza la keniana Clementine Mukandanga in 1h20'18".
Gara maschile con finale incandescente dall'epilogo inatteso: nella volata a due il ruandese Primien Manirafasha (Dolomiti Belluno) taglia per primo il traguardo davanti al keniano Pontien Ntawuyirushintege (I Love Run Athletic Terni) ma viene squalificato per condotta antisportiva;vittoria a tavolino per il portacolori del team organizzatore in 1h05'31", staccata di oltre 4 minuti la coppia formata dall'altro keniano Erastus Kiprorir Chirchir e dall'italiano Youssef Aich (Asd Il Laghetto).
Abbiamo contattato il comitato organizzatore per avere delucidazioni sulle cause della sqaulifica del ruandese: la giuria lo ha rimosso dalla classifica perché lo stesso ha cambiato direzione almeno due volte spingendo il connazionale, inizialmente anche fuori del tappeto d'arrivo, allargando anche il braccio.



Terni Half Marathon 2018


Odine d'arrivo femminile:

1 BIAGETTI LAURA ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:19:30
2 TAMBURI SILVIA ATLETICA AVIS PERUGIA 01:19:37
3 MUKANDANGA CLEMENTINE RUNNER TEAM 99 SBV 01:20:18
4 POESINI FEDERICA PIETRALUNGA RUNNERS ASD 01:27:18
5 ULIVIERI CASSANDRA CDP CIRCDIPPERUGINA 01:27:42
6 BAZZONI ELEONORA GS LAMMARI 01:29:19
7 GISMONDI ROSANGELA TERNANA MARATHON CLUB ASD 01:29:29
8 OSTILI PAOLA ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:29:41
9 PALOZZI TANIA ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:31:35
10 PIASTRA LORENA TX FITNESS SSD ARL 01:32:23

 Odine d'arrivo maschile:

1 NTAWUYIRUSHINTEGE PONTIEN ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:05:31
2 CHIRCHIR ERASTUS KIPKORIR KENIA 01:09:46
3 AICH YOUSSEF ASD POD IL LAGHETTO 01:09:48
4 ROQTI ABDERRAFII ASD POD IL LAGHETTO 01:11:14
5 LEPORE SILVIO POL CIOCIARA ANTONIO FAVA 01:11:30
6 MONTORIO ALBERTO ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:11:35
7 PETRINI DANIELE ILOVERUN ATHLETIC TERNI 01:11:51
8 DI GREGORIO ROBERTO TIVOLI MARATHON 01:12:58
9 RAITI ALESSANDRO EDERA ATL FORLI 01:13:37
10 TOPPI IGOR LBM SPORT TEAM 01:13:52
Domenica, 07 Gennaio 2018 20:16

Casalgrande (RE) - 8^ Chocolate Run

Si è corsa nel giorno della Befana, l’8^ edizione della “Chocolate Run” di Casalgrande organizzata dalla Virtus Casalgrande e dall’Amministrazione Comunale.
A vincere la gara sulla distanza di 9 chilometri competitivi è stato il neo acquisto della Corradini Rubiera, il 29enne Andrea Bergianti che ha tagliato il traguardo in 31’37”.
Al secondo posto in 31’50” l’eterno Emanuele Piacentini che a 50 anni suonati continua a “pettinare” fior di avversari ben più giovani. Terzo Claudio Costi in 32’20”.
Tra le donne netta vittoria per la maestra Laura Ricci in 35’14”, seconda ad oltre quattro minuti Sara Ligabue in 39’47”, terza Erika Losi in 39’54”.
Grande successo partecipativo con 2400 iscritti tra competitiva e non competitiva a conferma del grande lavoro fatto sul territorio locale e nelle scuole dal comitato organizzatore. Le presenze sono state ben 500 in più della passata edizione.

 

Ordine d’arrivo Maschile (km. 9)
1 31:37 Bergianti Andrea M Calcestruzzi Corradini
2 31:50 Piacentini Emanuele M Sportinsieme Castellarano
3 32:20 Costi Claudio M GP La Guglia
4 32:25 Spadoni Andrea M MDS
5 32:47 Marazzi Giuseppe M Individuale
6 33:05 Gaspari Patric M Individuale
7 33:14 Cecere Simone M Running team CSU
8 33:17 Fornasari Andrea M MDS
9 33:19 Gelosini Claudio M Jogging Team Paterlini
10 33:27 Rondoni Federico M Calcestruzzi Corradini

Ordine d’arrivo Femminile (km. 9)
1 35:14 Ricci Laura F Calcestruzzi Corradini
2 39:47 Ligabue Sara F Atl. Castelnuovo Monti
3 39:54 Losi Erika F Calcestruzzi Corradini
4 40:25 Prodi Francesca F Tricolore Sport Marathona
5 41:39 Vandelli Vittoria F 3.30 Running Team

Casalgrande_chocolat_2018


Successo partecipativo per la "San Donnino Ten" con ben 305 atleti classificat nella competitiva, vittorie per Mahamed Moro e Francesca Cocchi che bissa il successo 2016.
La manifestazione che nel suo complesso portava il nome di "Christmas Run", ha visto lo svolgimento di tre manifestazioni in una, alle 09.00 è partita la Family Run sull distanza di 5 km. che in molti hanno allungato a 10 ripercorrendo il percoso della sucessiva competitiva, poi è stata la volta del 41° Campaz Mudnes, camminata per "Nordic Wolking" di 8 km., alle 10.00 l'evento cloud con la "San Donnino Ten" competitiva sui 10.000 mentri.
Mohamed Moro (Run & Fun) ha vinto allo sprint in 33'33" davanti al vincitore uscente Omar Stefani (Fratellanza Modena) in 32'34", terzo il diciassettene dell'Atletica Frignano Nicolo' Barbieri in 32'45".
Tra le donne dicevamo del bis di Francesca Cocchi (Corradini Rubiera) in 36'37", al secondo posto Francesca Giacobazzi (Atl. Frignano) in 37'12", terza Isabella Morlini (Atl. Reggio) in 37'44".
Nelle varie Categoria femminili vittorie per Chiara Bazzano (AF), Rita Bartoli (F35), Paola Poletti (F40), Simiona Prunea (F45), Carmen Pigoni (F50), Eugenia Ricchetti (F55), Marinella Bortolani (F60).
Nelle categorie maschili vittoria Eros Baldini (AM),Giuseppe Casula (M35), Roberto Bianchi (M40), Fabrizio Gentile (M45), Mohamed Errami (M50), Claudio Gelosini (M55), Antonello Satta (M60), Leandro Gualansri (M65 e prec.).

VIDEO DI NERINO CARRI

Ordine d'arrivo maschile:
1 1 1 32:33,1 MORO Mohamed RUN & FUN 1984 AM M
2 2 316 32:34,0 STEFANI Omar LA FRATELLANZA 1996 AM M
3 3 260 32:45,8 BARBIERI Nicolo' ATL. FRIGNANO 2000 AM M
4 4 33 33:01,0 ERRAMI Mohamed ATL. CASTENASO 1967 M50 M
5 5 75 33:04,0 BALDINI Eros CORRADINI RUBIERA 1994 AM M
6 6 259 33:18,5 ROSSI Davide ATL. FRIGNANO 2000 AM M
7 7 10 33:33,3 DE SANTIS Pietro A.S.D. FRANCESCO FRANCIA 1997 AM M
8 8 256 33:48,9 VERDI Gianmarco ATL. FRIGNANO 2000 AM M
9 9 79 34:15,6 VITALI Stefano EDERA ATL. FORLI 1984 AM M
10 10 279 34:17,5 BIANCHI Roberto PICO RUNNER 1973 M40 M

Ordine d'arrivo femminile:

1 29 2 36:37,4 COCCHI Francesca CORRADINI RUBIERA 1993 AF F
2 41 285 37:12,6 GIACOBAZZI Francesca ATL. FRIGNANO 1992 AF F
3 47 254 37:44,2 MORLINI Isabella ATLETICA REGGIO 1971 F45 F
4 57 295 38:14,8 BAZZANI Chiara ATL. FRIGNANO 1999 AF F
5 61 97 38:22,9 PRUNEA Simona G.S. ORECCHIELLA GARFAGNANA 1970 F45 F
6 65 57 38:46,7 BARTOLI Rita ATLETICA IMPRESA PO A.S.D. 1978 F35 F
7 73 324 39:24,2 THOMPSON Bethany Jane ATL. REGGIO 1980 F35 F
8 92 284 40:28,2 SERAFINI Giada ATL. FRIGNANO 1989 AF F
9 98 161 40:46,3 RICCHI Lucia MODENA RUNNERS CLUB ASD 1982 F35 F
10 103 180
41:08,7 DE GIOVANNI Chiara POLISPORTIVA PAVULLESE ASD 2001 AF F

SERVIZIO FOTOGRAFICO (in lavorazione) - CLASSIFICA GENERALE - Due prime volte e due record per la 22esima edizione della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore: vincono il ruandese Simukeka e l’etiope Tsehai. Iscritti: 2650 alla maratona- Vito Intini firma il record mondiale di 24 ore su un tapis roulant.

E alla fine ci scappano due prime volte e due primati nell’edizione numero 22 della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore, griffata Tricolore Sport Marathon.
Prima volta di un vincitore ruandese (Jean Baptiste Simukeka, 2h16’30), prima volta di una vincitrice etiope (Maru Alemu Tsehai, 2h33’41, nuovo primato del percorso).
Il secondo primato invece lo firma Vito Intini a due passi dal traguardo, su un tapis roulant, nel Centro Maratona PalaBigi, ed è addirittura un record del mondo.

Alle ore 9, preceduta dall’inno nazionale eseguito dalla Fanfara dei Bersaglieri di Scandiano, la partenza da Corso Garibaldi; starter Danilo Morini, assessore allo sport di Quattro Castella, Comune che ospita il giro di boa del tracciato. Iscritti 2650, partenti 2400, gi arrivati entro le 6h19 sono stati 2302.

Sulla linea di partenza il pacer di lusso Michele Palamini e pure il campione olimpico Gelindo Bordin, ormai di casa alla Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore, per una sgambata e per le immancabili foto ricordo.

Speaker Roberto Brighenti accompagnato da Michele Marescalchi dalle battute finali della gara maschile in poi.

Alle 11 l’ “arrivo” di Vito Intini, dopo 24 ore su un tapis roulant: assistito dal dottor Roberto Citarella e dallo staff medico del CTR, l’ultramaratoneta dell’Amatori Putignano percorre 253,83 chilometri, sgretolando il record italiano (234,20 km sempre dello stesso Intini) e pure quello mondiale, detenuto dall’australiano Luca Turrini (248,12 km).

Poco dopo le 11.15 fari puntati di nuovo su Corso Garibaldi per il gran finale: vince il ruandese Jean Baptiste Simukeka – ritoccando di un paio di secondi il personale in 2h16'30" dopo due apparizioni e due secondi posti a Reggio Emilia. Alle sue spalle il marocchino  Youness Zitouni in 2h17'06, terzo lo sloveno Puhar Rok in 2h17'49, quarto e primo degli italiani Yassine El Fathaoui del Casone Noceto in 2h19'18, quinto Ahmed Nasef dell'Atletica Desio in 2h21'32.
Alla prima volta in Italia lo imita l’etiope Maru Alemu Tsehai, che come detto firma il nuovo primato della gara femminile in 2h33'41", migliorando il personale di oltre tre minuti, ottima prova per Laura Gotti della Runners Capriolese che ha chiuso in 2h38'22, terza la croata Nikolina Sustic in 2h46'28", quarta Silvia Tamburi dell'Avis Perugia in 2h27'23.

Temperatura di poco sopra gli zero gradi ma precipitazioni assenti, ancora una volta il meteo ha fatto la sua parte, così come l’esercito dei volontari, mai troppo celebrato per l’imprescindibile apporto.

Classifica maschile

1 Jean Baptiste Simukeka (Ruanda) - Vini Fantini 2h16’30

2 Youness Zitouni (Marocco) - Il Laghetto 2h17’06

3 Puhar Rok (Slovenia) 2h17’49

4 Yassine El Fathaoui - Casone Noceto 2h19’18

5 Ahmed Nasef - Atl. Desio 2h21’32

6 Giovanni Grano - Atl. Isernia 2h21’58

7 Tariq Bamaarouf (Marocco) - Team Marathon SSD 2h22’04

8 Lahcen Mokraji (Marocco) - Atl. Desio 2h25’57

9 Giuseppe Molteni - Carate Brianza 2h27’13

10 Luca De Francesco - MDS Panariagroup 2h28’01

Classifica femminile

1 Maru Alemu Tsehai (Etiopia) 2h33’41

2 Laura Gotti - Runners Capriolese 2h38’22

3 Nikolina Sustic (Croazia) 2h46’28

4 Silvia Tamburi - Avis Perugia 2h47’23

5 Marija Vrajic (Croazia) 2h52’15

6 Mina El Kannoussi (Marocco) - Atl. Saluzzo 2h53’22

7 Sarah Martinelli - Quadrifoglio 2h54’22

8 Laura Ricci - Corradini Rubiera 2h54’44

9 Manuela Marcolini - 3,30 km 2h57’17

10 Ilaria Aicardi - Atl. Reggio 2h58’22

Migliori prestazioni di sempre

Maschile:
1 Lahcen Mokraji (Marocco) 2h12’29 nel 2011

2 Teklu Geto Metaferia (Etiopia) 2h13’46 nel 2010

3 Denis Curzi 2h13’49 nel 2010

Femminile:
1
Maru Alemu Tsehai 2h33’41 nel 2017

2 Catherine Bertone 2h34’54 nel 2015

2 Stefania Benedetti 2h35’28 nel 2007

 

Albo d’oro

Nell’albo d’oro maschile della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore comandano gli atleti marocchini con 9 vittorie, seguiti da Italia (7), Kenia (3), Etiopia, Slovenia e Ruanda (1): 1996 Walter Merlo, 1997 Nicola Ciavarella, 1998 Nicola Ciavarella, 1999 Sergio Chiesa, 2000 Emanuele Zenucchi, 2001 Farid El Marrafe, 2002 Roman Kejzar, 2003 Philemon Kipkering, 2004 Paul Lokira, 2005 Mohamed Hajjy, 2006 Philemon Kipkering, 2007 Slimani Benazzouz, 2008 Hamed Nasef, 2009 Teklu Geto Metaferia, 2010 Taoufike El Barhoumi, 2011 Lahcen Mokraji, 2012 Jaouad Zain, 2013 Michele Palamini, 2014 Lahcen Mokraji, 2015 Jaouad Zain, 2016 Francesco Bona, 2017 Jean Baptiste Simukeka.

Nell’albo d’oro femminile dominio italiano assoluto con 17 vittorie; solo briciole per Russia (2), Ungheria (2) ed Etiopia (1): 1996 Daniela Spilotti, 1997 Daniela Spilotti, 1998 Vera Soukhova, 1999 Ludmilla Smirnova, 2000 Ida Kovacs, 2001 Ida Kovacs, 2002, Marcella Mancini, 2003 Francesca Zanusso, 2004 Ivana Iozzia, 2005 Silvia Sommaggio, 2006 Gloria Marconi, 2007 Stefania Benedetti, 2008 Giustina Menna, 2009 Ivana Iozzia, 2010 Ilaria Bianchi, 2011 Eliana Patelli, 2012 Elisa Stefani, 2013 Eliana Patelli, 2014 Laura Giordano, 2015 Catherine Bertone, 2016 Catherine Bertone, 2017 Maru Alemu Tsehai.

 
Venerdì, 08 Dicembre 2017 20:13

Maratona di Reggio Emilia, 2600 partecipanti

Sono 2600 gli iscritti alla 22esima Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore, con un atteso ritocco al rialzo visto che i conteggi sono ancora in corso e che sabato 9 dicembre verrà aperta una “finestra” per i ritardatari, presso l’Expo-Centro Maratona.

La mission possible è raggiungere i 2700 iscritti del 2016, cifra di valore assoluto tenendo conto di un ponte festivo che può aver giocato a favore...ma anche contro, e di un calendario sempre molto fitto, che quest’anno ha incluso anche con il campionato italiano di maratona nelle vicinanze (Verona, 19 novembre).

Dati alla mano Reggio Emilia si conferma ampiamente nella Top Ten delle Maratone italiane, con la concreta possibilità di piazzarsi al quinto posto. Nella classifica di Marathon World (per numero di arrivati e non di iscritti, nota bene), nel 2017 comanda Roma (13.318), seguita da Firenze (8.391), Venezia (5.961), Milano (5.303) e Verona (2.235). Tutte sotto quota 2mila le altre 44 maratone classificate.

 
Anteprima maschile:

Storicamente la Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore, versione maschile, è un affare Marocco-Italia; nell’albo d’oro comandano infatti gli atleti marocchini con 9 vittorie, seguiti da italiani (7), keniani (3), etiopi e sloveni (1). Sarà una partita a due anche quest’anno?

La sentenza ai top runner, in rigoroso ordine sparso: al via il campione italiano in carica Ahmed Nasef, un personale di 2h10’59 e già vincitore a Reggio Emilia nel 2008, il keniano Paul Tiongik, esordiente a Reggio Emilia, specialista della mezza distanza e recordman della Cortina-Dobbiaco, il ruandese Jean Baptiste Simukeka (due partecipazioni e due secondi posti, quest’anno primo a Lucca e all’Abetone), i marocchini Younnes Zitouni (vincitore quest’anno al Mugello), Tarik Marhnaoui (a caccia del riscatto dopo il ritiro di un anno fa), Tariq Bamaarouf (nel 2017 primo alla Collemarathon, alla Terre Verdiane, a Bressanone, a Salsomaggiore, alla 50 km di Romagna), gli sloveni Rok Puhar (nazionale per i mondiali 2016) e Denis Sketako (nel 2016 campione europeo di triathlon long distance), Luca De Francesco, campione italiano Master di categoria, Yassine El Fathaoui (campione italiano M35 sui 10 km), Silvio Trivelloni, Giovanni Grano (all’esordio reggiano ma col biglietto da visita di un personale di 2h17’24), Alexander Stuffer, Alessandro Donati.

Uno sguardo anche ai pacer di lusso: l’azzurro Marco Najibe Salami, campione italiano sui 5mila e di casa sulle strade reggiane (vive a Reggiolo), e Michele Palamini, primo a Reggio Emilia nel 2013 all’esordio assoluto in maratona.


Record e albo d’oro

Così un anno fa: 1 Francesco Bona-Aeronautica 2h14’59, 2 Jean Baptiste Simukeka-Roma Sud (Ruanda) 2h16’32, 3 Said Douirmi-LBM Sport Team (Marocco) 2h17’04.

Queste le migliori prestazioni fatte registrare nelle 21 edizioni della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore:
1 Lahcen Mokraji (Marocco) 2h12’29 nel 2011;
2 Teklu Geto Metaferia (Etiopia) 2h13’46 nel 2010;
3 Denis Curzi 2h13’49 nel 2010.

Albo d’oro: 1996 Walter Merlo, 1997 Nicola Ciavarella, 1998 Nicola Ciavarella, 1999 Sergio Chiesa, 2000 Emanuele Zenucchi, 2001 Farid El Marrafe, 2002 Roman Kejzar, 2003 Philemon Kipkering, 2004 Paul Lokira, 2005 Mohamed Hajjy, 2006 Philemon Kipkering, 2007 Slimani Benazzouz, 2008 Hamed Nasef, 2009 Teklu Geto Metaferia, 2010 Taoufike El Barhoumi, 2011 Lahcen Mokraji, 2012 Jaouad Zain, 2013 Michele Palamini, 2014 Lahcen Mokraji, 2015 Jaouad Zain, 2016 Francesco Bona.

 

Anteprima femminile 

Chi sarà a succedere nell’albo d’oro femminile della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore alla vincitrice del 2015 e 2016, Catherine Bertone, quest’anno assente?

In ordine sparso si accettano scommesse su: Mina El Kannoussi (ottimo esordio un anno fa con un quinto posto), la padrona di casa Laura Ricci (Corradini Rubiera), per la quinta volta al via e da 4 anni campionessa d’Italia di corsa su strada a squadre, la quasi padrona di casa Manuela Marcolini (Sportinsieme Castellarano, 7 trail vinti nel 2017, campionessa italiana Uisp trail), Mirella Bergamo (terza partecipazione), Laura Gotti, esordiente a Reggio Emilia ma con un biglietto da visita su cui ci sono un personale di 2h39’20, le vittorie quest’anno a Russi e alla 50 km di Romagna e il secondo posto alla 100 km del Passatore, Anna Zilio (prima volta a Reggio Emilia, vinta quest’anno la 30 km delle Piccole Dolomiti), Silvia Tamburi (prima partecipazione, quest’anno ha vinto le maratone di Terni e Livorno, e la 58 km del Trasimeno), l’etiope classe ‘94 Maru Tsehay Alemu, alla prima assoluta in Italia (personale di 2h37’02), le croate Marija Vrajic (olimpionica, personale di 2h40’41, decima volta a Reggio Emilia, quattro volte sul podio ma mai sul gradino più alto, quest’anno prima a Ravenna) e Nikolina Sustic, terza volta a Reggio Emilia, quest’anno vincitrice per la terza volta consecutiva della 100 km del Passatore con record del percorso.

Record e albo d’oro

Podio 2016: 1 Catherine Bertone-Atletica Calvesi 2h37’10

2 Sara Galimberti-Bracco Atletica 2h39’16

3 Maija Vrajic-Maksimir (Corazia) 2h52’30

I migliori tempi della gara: 1 Catherine Bertone 2h34’54 nel 2015

2 Stefania Benedetti 2h35’28 nel 2007

3 Gloria Marconi 2h35’31 nel 2006

Nell’albo d’oro femminile dominio italiano assoluto con 17 vittorie; solo briciole per Russia (2) e Ungheria (2). Le vincitrici. 1996: Daniela Spilotti. 1997: Daniela Spilotti. 1998: Vera Soukhova. 1999: Ludmilla Smirnova. 2000: Ida Kovacs. 2001: Ida Kovacs. 2002: Marcella Mancini. 2003: Francesca Zanusso. 2004: Ivana Iozzia. 2005: Silvia Sommaggio. 2006: Gloria Marconi. 2007: Stefania Benedetti. 2008: Giustina Menna. 2009: Ivana Iozzia. 2010: Ilaria Bianchi. 2011: Eliana Patelli. 2012: Elisa Stefani. 2013: Eliana Patelli. 2014: Laura Giordano. 2015: Catherine Bertone. 2016: Catherine Bertone.

La 22esima edizione della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore è in programma domenica 10 dicembre con partenza alle ore 9 da Corso Garibaldi. Confermato in toto il percorso 2016, con giro di boa a Montecavolo e arrivo di nuovo in Corso Garibaldi.

Per iscriversi una “finestra” per i ritardatari verrà aperta sabato 9 dicembre (a prezzo maggiorato e salvo esaurimento pettorali), presso l’EXPO-Centro Maratona, allestito presso il PalaBigi di Via Guasco.


Parcheggi e navette

In occasione della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore, saranno predisposti i seguenti servizi navetta:

dalla stazione medio-padana: ore 7.10; ore 7.30;

dalla stazione centrale: ore 7.05; ore 7.25; ore 7.55.

Per chi arriva con la propria automobile, invece, i parcheggi che potranno essere utilizzati nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 dicembre per raggiungere l’EXPO-Centro Maratona (PalaBigi di via Guasco) saranno:

parcheggio via Cecati;

parcheggio ex Foro Boario (via Fratelli Manfredi), attrezzato per la sosta camper.

Nella giornata di domenica, inoltre, i parcheggi negli stalli blu dei controviali interni alla circonvallazione saranno gratuiti, mentre quelli del parcheggio Zucchi a pagamento.

Info e approfondimenti: http://www.maratonadireggioemilia.it


PODISTI.NET sarà presente con i propri fotografi alla partenza, al 3° km. al 16 km. ed al 32° km.

SERVIZIO FOTOGRAFICO 

Sono quasi 900 le foto di Teida Seghedoni (un cui curioso autoritratto è nella foto 10) dedicate alla prima delle quattro “Camminate di Quartiere” a Modena, svoltasi domenica 3 con partenza dalla stazione ferroviaria e senza mai uscire dal centro. Le immagini documentano l’attraversamento dell’area recentemente risanata dell’ex Manifattura tabacchi, il passaggio per la via Farini e la via Emila centro ricalcando le orme della fu-maratona d’Italia; poi, dopo che i podisti sono stati mandati all’ex autodromo e, nelle sue vicinanze, in una delle zone urbanisticamente più squallide della città, e rientrando in centro hanno ritrovato le strade della Corrida di S. Geminiano, documentano l’ingresso e il passaggio nel Giardino Ducale, attorno alla mirabile palazzina del Vigarani che, nelle immagini ufficiali dell’ente turismo, viene “ripulita” dall’orrido grattacielo che la deturpa nella realtà (foto 273-274 e 805). Alla camminata pare abbiano preso parte circa 1500 tra podisti e camminatori, teoricamente in due scaglioni distanziati di mezz’ora, il che ha limitato ma non impedito del tutto il fenomeno delle partenze anticipate visibili nelle foto dalla 118 alla 160. Diventa anche un’eccezione l’esibire il pettorale, sebbene questa volta la partecipazione fosse gratuita e il tagliando costituisse la prima tappa verso l’ottenimento di una medaglia al termine delle 4 gare previste.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina