Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

24 Settembre – Tra i tanti annullamenti, Maratona di Ravenna Città d'Arte conferma - nell’apposita conferenza stampa di oggi - l’appuntamento per l’8 Novembre 2020: insieme alla maratona, si correrà anche la mezza maratona. Solo la Good Morning Ravenna di 10K si disputerà il 21 marzo 2021.

Il numero dei partecipanti sarà limitato a 4000 unità, con partenze ad ondate e il rispetto delle misure precauzionali anticovid previste dalle normative federali.

Ecco il comunicato ufficiale:

In tantissimi, soprattutto nelle ultime ore e in occasione delle prime manifestazioni podistiche post lockdown, si stavano chiedendo quale fosse il futuro della Maratona di Ravenna Città d’Arte, evento rimasto sempre nel calendario dei prossimi mesi in attesa di verifiche sulla situazione epidemiologica e sui protocolli da adottare.

Ora è ufficiale: la Maratona di Ravenna Città d’Arte si svolgerà, come previsto nella programmazione delle manifestazioni sportive in Emilia Romagna e nel calendario FIDAL, Domenica 8 Novembre 2020. E lo stesso giorno si correrà, oltre che sulla distanza dei 42,195 Km, anche la Ravenna Half Marathon sui 21,0975 Km.

Sarà invece posticipata al 21 Marzo, e non annullata, l’edizione 2020 della Good Morning Ravenna 10K, arricchita anche dalla terza edizione della Dogs & Run. Per consentire infatti uno svolgimento più naturale della manifestazione, che da sempre ha i connotati di un’autentica festa per tutto il territorio e dare il giusto spazio al colore e al calore di un evento che si basa sul divertimento e il piacere di stare insieme a tanti amici, si è scelto di individuare una data nella quale proporre esclusivamente questo evento in un periodo nel quale, si spera, con l’arrivo della primavera le tematiche legate al Covid-19 dovrebbero essere meno preoccupanti.

Due date e due eventi distinti: Domenica 8 Novembre Maratona e Half MarathonDomenica 21 Marzo 2021 Good Morning Ravenna 10K e Dogs & Run.

L’8 Novembre si correranno dunque, come da programma stilato in epoca pre Covid e mai modificato, la 42K e la 21K. Due gare che verranno però organizzate nel pieno e più fedele rispetto delle norme in vigore a quella data contro la diffusione del Coronavirus per divertirsi e fare sport in sicurezza.

Diverse le novità che saranno direttamente legate alla situazione sanitaria attuale e che verranno proposte seguendo alla lettera le Linee Guida ed i Protocolli stilati negli ultimi mesi per le manifestazioni sportive “no stadia”. Tra queste il numero degli iscritti che sarà limitato a quattromila unità con partenze scaglionate “a ondate”, cronometraggio con real time e runner distanziati alla partenza grazie ad apposita segnaletica. Oltre a questo, non saranno disponibili né spogliatoi né docce; il pettorale di gara avrà un chip monouso. E sempre per evitare i tanto temuti assembramenti, l’Expo verrà proposto in una modalità più snella, così come le premiazioni a fine gara.

La decisione definitiva è stata presa proprio nelle ultime ore da Ravenna Runners Club, società organizzatrice dell’evento, in accordo ed in costante contatto con il Comune di Ravenna, la Regione Emilia-Romagna e tutte le autorità competenti.

Alla Conferenza non ha potuto presenziare, a causa di altri impegni istituzionali, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il quale non ha però mancato di far pervenire un messaggio di fiducia e sostegno: “Grazie agli organizzatori di Ravenna Runners Club che hanno scelto di confermare questo appuntamento in un momento così difficile, nel massimo rispetto di tutte le norme di sicurezza. Come Regione – queste le parole di Bonaccini – siamo convinti che lo sport sia un formidabile motore di socialità, comunità e opportunità economica: tutte caratteristiche di cui abbiamo bisogno in questa fase di ripartenza”.

“Siamo soddisfatti – dice il sindaco di Ravenna Michele de Pascale – di annunciare che la Maratona si svolgerà l’8 Novembre, ma tengo a sottolineare che non è una scelta presa a cuor leggero, tutt’altro. È frutto di un lavoro attento e costante, portato avanti per mesi, fianco a fianco. Un lavoro fatto di valutazioni e confronti con tutte le autorità competenti per fare in modo che la manifestazione si possa svolgere mantenendo la qualità con la quale è sempre stata organizzata e, al contempo, il totale rispetto delle normative in vigore. Tutto ciò è possibile grazie all’impegno di Ravenna Runners Club, al sostegno dell’Amministrazione comunale e della Regione Emilia-Romagna, oltre che degli sponsor privati che hanno scelto di investire sull’evento. Tutti auspicavano una risposta positiva e siamo lieti di poterla dare oggi”.

“Abbiamo deciso di proseguire – sottolinea invece Stefano Righini, presidente di Ravenna Runners Club – nel nostro cammino verso l’8 Novembre, con la consapevolezza che saremo chiamati ad una prova difficile perché questa volta non sarà sufficiente garantire la qualità nell’evento, ma anche, e soprattutto, la massima sicurezza a tutti i partecipanti. Ci stiamo confrontando quotidianamente con le autorità competenti ed ogni nostra scelta da oggi sarà assolutamente ponderata con attenzione e scrupolo nei confronti dei protocolli e delle linee guida stabilite dalla Fidal e dagli enti preposti. La scelta di posticipare la Good Morning 10k deriva dalla consapevolezza che a novembre non avremmo potuto dare alla città l’opportunità di godere della consueta festa collettiva, fatta di divertimento e spensieratezza. Speriamo tutti che a Marzo potremo rivivere le emozioni che siamo stati abituati a provare in passato

Ulteriori dettagli verranno comunicati nelle prossime ore, sempre con un obiettivo: ripartire in sicurezza anche per quanto concerne i grandi eventi internazionali.

 

NdD. Finalmente fatti, e non chiacchiere 'virtuali'! E ci contavamo, dopo il buon esito della mezza ravennate di Casal Borsetti che abbiamo raccontato due settimane fa. Naturalmente incrociamo le dita, però ci fa piacere che il podismo non sia più la cenerentola degli sport, in una regione che per prima ha aperto agli spettatori le partite di pallacanestro, pallavolo (al chiuso!) e calcio (sebbene ancora troppo poco: 1000 presenti, quando in Ungheria si gioca la finale di Supercoppa davanti a ventimila!).  E' anche un risarcimento, alla stessa regione che, dopo aver celebrato l'ultima maratona su strada (Salso-Busseto, 23 febbraio), era stata la prima a chiudere, con l'annullamento della 42 km di Bologna del 1° marzo. E spero che questo sia solo la conferma in grande stile (dopo le maratone di ottobre che stanno al momento resistendo) di una ripresa che opportunismo, pavidità, burocrazia hanno dilazionato oltre ogni limite. [Fabio Marri]

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

23 Settembre - Due in un giorno, fa davvero male: dopo Firenze, a distanza di qualche ora, anche la Venice Marathon dichiara l’annullamento dell’edizione 2020, che lascia spazio esclusivamente alla gara virtual.

Di seguito, il comunicato ufficiale apparso sul sito della manifestazione, che ci auguriamo possa riprendere il normale svolgimento nel 2021:

“Nonostante il nostro impegno quotidiano, in stretto e continuo contatto con le amministrazioni locali, le istituzioni sanitarie e la Fidal per cercare di organizzare anche quest’anno una manifestazione in linea con le tradizioni e i contenuti della Venicemarathon, la forte preoccupazione per una situazione epidemiologica ancora in corso, soprattutto all’estero, ci ha costretti a prendere atto, con grande rammarico ma con doveroso senso di responsabilità, dell’impossibilità di gestire in sicurezza sanitaria gli eventi che lo scorso anno hanno coinvolto circa 30.000 persone tra atleti, ragazzi delle scuole, volontari, forze dell’ordine e addetti ai lavori”. Queste le parole del presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva, che riassumono l’impegno profuso dalla macchina organizzativa in un periodo così difficile.
D’altronde, bisogna considerare anche il fatto che dei quasi 5.000 iscritti, circa 1.500 sarebbero arrivati dall’estero con tutte le difficoltà del momento e i restanti dalle diverse regioni d’Italia comunque con seri problemi logistici e di trasporto.
La Città di Venezia per volontà soprattutto dell’Amministrazione Comunale ha dimostrato al mondo la capacità di realizzare, in questo periodo difficile, gli eventi tradizionalmente più importanti come la Mostra Internazionale del Cinema, la Regata Storica e molti altri. Per questo, anche gli organizzatori di Venicemarathon vogliono lanciare un messaggio di continuità ed entusiasmo.
Nasce quindi una “Venicemarathon Special Edition” che dal 24 ottobre al 1 novembre 2020 vedrà lo svolgimento di una innovativa “Venicemarathon Virtual Race 42K e 10K”, della spettacolare “Venicemarathon One for All” e di un Convegno sulle problematiche della pratica sportiva in tempo di pandemia, grazie al supporto dell’Ulss 3 Serenissima e di un Expo Village interattivo che ospiterà un intenso programma interattivo.

Venicemarathon One for All
Saranno selezionati un solo atleta per la categoria maschile e una per quella femminile, che correranno in rappresentanza di tutti gli iscritti domenica 25 ottobre sul percorso originale da Villa Pisani (Stra) a Riva Sette Martiri in Venezia, scortati dalle Forze dell’Ordine lungo tutto il percorso garantendone lo svolgimento in totale sicurezza, e da una troupe video che documenterà l’evento live per i canali web e social di Venicemarathon, dei media partner (Corriere dello Sport, Tuttosport e Il Gazzettino) e dal network internazionale PMG Sport.

Venicemarathon Virtual Race 42K e10K
Tutti gli altri atleti iscritti, sia nella maratona che nella distanza più breve di 10K, potranno partecipare correndo individualmente lungo percorsi scelti da loro stessi. La distanza dovrà essere precisa (42.195 metri o 10 km) e ricoperta in un’unica volta (non a tappe). Gli iscritti avranno però a disposizione una settimana di tempo per realizzarla: dalle ore 9 di domenica 25 ottobre fino allo scadere della mezzanotte di domenica 1 novembre. Partecipare sarà molto semplice: basterà scaricare un’applicazione che verrà fornita a tutti gli iscritti dall’organizzazione, che raccoglierà e invierà direttamente la prestazione al sistema che automaticamente stilerà una classifica. Inoltre (solo domenica 25 ottobre) gli atleti che si prenoteranno avranno la possibilità correre la “Virtual 10K” al Parco San Giuliano di Mestre sul percorso già certificato di 10 km da percorrere individualmente e con partenza a piacere dalle 9 alle 18 e dove potranno attendere il passaggio al 30^ chilometro della “Venicemarathon One for All” nel rispetto delle normative Covid. Tutti gli iscritti, oltre alla t-shirt ufficiale dell’evento, riceveranno l’esclusiva medaglia celebrativa, opera dell’americano Milton Glaser, uno dei più importanti grafici ed illustratori contemporanei, recentemente scomparso. Celeberrimo in tutto il mondo è il suo logo “I LOVE NY”. Ma Milton era anche un grande amico di Venezia e tra i suoi ultimi lavori si annovera, appunto, l’immagine e la medaglia studiata per la 35^ Venicemarathon.

Iscrizioni e posticipi al 2021 e 2022
Gli organizzatori hanno stabilito il tetto limite di partecipazione alle “Virtual Race” che sarà di 5.000 nella maratona e di 2.000 nella 10K. Ad oggi, il numero delle persone già iscritte alla 35^ Venicemarathon è rispettivamente di 3.352 nella 42K e 1.198 nella 10K. Le iscrizioni sono già aperte e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.venicemarathon.it. Tutti coloro che invece non vorranno partecipare a questa edizione speciale, avranno salvaguardata la propria iscrizione per l’edizione 2021 o addirittura quella del 2022. Maggiori dettagli verranno comunicati direttamente agli atleti e il posticipo potrà essere effettuato direttamente dall’atleta sempre tramite il sito ufficiale.

 

NdD. Vedremo se da questa morìa di maratone (annunciata il giorno dopo delle elezioni: sai mai che se lo dicevi il giorno prima scatenavi il voto di protesta dei podisti...?) si salveranno quella di San Marino (prevista domenica prossima 27: ma lì per fortuna non siamo in Italia), quella di Pescara (annunciata per il 18 ottobre), quella Eco di Alba (prevista per lo stesso 25 ottobre di Venezia). E non diciamo nulla delle maratone tuttora in calendario da novembre in poi (ma Firenze, come sappiamo, ha già mollato). E per favore, smettiamola con le Virtual: sono una buffonata, e a quanto pare anche una scusa per non restituire i soldi delle iscrizioni [Fabio Marri]

 
What do you want to do ?
New mail
Mercoledì, 23 Settembre 2020 14:13

Anche la 37^ Firenze Marathon rinviata al 2021

23 Settembre - Anche la Firenze Marathon si arrende al pericolo covid-19 e rimanda la gara al 2021, esattamente il 28 novembre.

Ecco di seguito il comunicato ufficiale, apparso oggi sul sito della manifestazione:

Amici Runners,
Firenze Marathon si è affermata negli anni come importante Maratona Internazionale, in continua crescita di partecipanti stranieri ed italiani, diventando appuntamento fisso di una piacevole vacanza sportiva familiare e non, in una fra le più belle città d’arte del mondo, Firenze.
La manifestazione si è sempre caratterizzata per vivere la città dentro la città e la gara. La gara, col tempo e l’esperienza acquisita, ha raggiunto livelli qualitativi che non hanno nulla da invidiare alle principali major mondiali.
Nel corso di questo 2020, con il passare dei mesi, confidando che l’emergenza sanitaria mondiale COVID-19 potesse evolversi al meglio, abbiamo sempre continuato a promuovere e preparare la maratona di novembre e gli eventi collaterali, lavorando a stretto contatto con tutti i nostri stakeholder , seguendo i suggerimenti dettati dalle linee-guida federali e ministeriali, e quelli delle Pubbliche Amministrazioni locali.
A due mesi dalla data prevista per il nostro evento, valutato l’evolversi della situazione internazionale sanitaria e l’attuale status di incertezze, unitamente alle Autorità cittadine, prendiamo atto che vengono meno i nostri obiettivi: realizzare un evento internazionale con una importante partecipazione di atleti stranieri e italiani, per celebrare una festa sportiva nella città di Firenze nella totale sicurezza sanitaria per i nostri runners, per chi lavora alla realizzazione dell’evento stesso, per i volontari e per i cittadini che assistono e festeggiano con i maratoneti.
Pertanto comunichiamo ufficialmente, a malincuore, l’annullamento della 37^ edizione della Firenze Marathon di Domenica 29 novembre 2020.

Giancarlo Romiti, Presidente Firenze Marathon, dichiara che: “Il COVID 19 sembrava ridurre aggressività e lasciare spazi ad una possibile ripresa dei nostri eventi, ci siamo impegnati per allineare i regolamenti sportivi alle prerogative organizzative necessarie per eventi di maratona internazionale, continuando costantemente a seguire l’evolvere del contagio. Adesso non c’è più tempo; le condizioni e le prospettive non consentono di alimentare vane speranze ed a malincuore dobbiamo rinunciare alla Firenze Marathon 2020 e quindi siamo a darVi appuntamento al 28 novembre 2021 spostando, a partire da oggi, il nostro pensiero operativo per rendere ancora più bella ed importante la 37^ FIRENZE MARATHON 2021”

Sul sito www.firenzemarathon.it, alla pagina dedicata sotto la voce Iscrizioni, è consultabile l’informativa circa le modalità di gestione delle iscrizioni 2020 già effettuate, che in pratica potranno essere spostate in uno dei tre prossimi anni. Ecco il testo:

Essendo già iscritto, ti informiamo che potrai utilizzare la tua iscrizione per i prossimi 3 anni (2021-2022-2023), senza nessun costo aggiuntivo.
Richiedi il codice a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
Il voucher ti permetterà di iscriverti gratuitamente ad una delle 3 prossime edizioni :

  • 28 novembre 2021
  • 27 Novembre 2022
  • 26 Novembre 2023

 

I runners iscritti saranno comunque contattati personalmente dalla segreteria per la gestione del processo.

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Mercoledì, 09 Settembre 2020 22:21

Cross: cancellati i Campionati Europei 2020

E dopo le maratone anche il cross…

European Athletics ha comunicato la cancellazione degli Europei di cross 2020 che erano in programma a Dublino, in Irlanda, il prossimo 13 dicembre.

La situazione sanitaria, con la diffusione ancora in atto del virus covid 19, ha portato gli organizzatori ad annullare anche la rassegna continentale di corsa campestre, uno dei pochissimi eventi internazionali rimasti in calendario.

 “È stata una decisione difficile - spiega il presidente ad interim di EA Dobromir Karamarinov - so che gli atleti e l’intera comunità del nostro sport stavano aspettando questo evento, ma chiedo loro di non perdersi d’animo”.

 
What do you want to do ?
New mail

7 settembre - Una dopo l’altra: annullata anche la maratona di Valencia, in programma per il prossimo 6 dicembre.

Il comunicato definitivo è apparso oggi sulla pagina ufficiale della manifestazione, con gli organizzatori costrutti a rinunciare per l'emergenza sanitaria che non cessa; gli  organizzatori indicano poi la possibilità di recuperare interamente la quota di iscrizione, di spostarla al 2021, di donarla ottenendo un’iscrizione preferenziale per il 2021 o di partecipare alla gara virtuale ricevendo l’intero pacco gara.

Ecco il testo integrale:

“L’Organizzazione della Maratona Valencia Trinidad Alfonso EDP, formata da SD Correcaminos e il Comune di Valencia, ha purtroppo dovuto assumere la decisione di cancellare la 40^ edizione della corsa popolare prevista per il 6 dicembre. L’Organizzazione ha cercato di garantire la celebrazione dell’evento con la massima sicurezza, ma l’evoluzione della situazione sanitaria, del Covid-19 e l’incertezza del futuro più imminente ci obbliga a rinunciare a questo evento di 30.000 partecipanti desiderosi di correre in questo 2020.

Maratona Valencia ha sempre voluto assicurare le migliori garanzie per la celebrazione dell’evento, ma con un numero così elevato di partecipanti, accompagnatori, pubblico e volontari (oltre all’organizzazione) purtroppo non è possibile. Come nel caso della Mezza Maratona Trinidad Alfonso EDP cancellata qualche settimana fa, nei prossimi giorni ci metteremo in contatto con i corridori iscritti per iniziare il processo di gestione dell’iscrizione dal 15 settembre. Le opzioni proposte sono:

  1. Cambiare l’iscrizione e partecipare all’edizione del 2021 (5 dicembre 2021).
  2. Richiedere il rimborso del 100%del costo dell’iscrizione (ad eccezione del contributo solidale volontario destinato a Save The Children, ente solidale di quest’anno).
  3. Rinunciare all’importo dell’iscrizione e donarlo all’Organizzazione e ottenere un’iscrizione preferenziale nel primo prezzo del 2021.
  4. Partecipare in modo non presenziale al 40º Anniversario correndo la "4.0 Maratona Valencia" dove vuoi, ricevendo a casa la maglietta Luanvi, la medaglia di questa edizione e gli omaggi previsti (vi informeremo presto).

Tre mesi prima della data prevista dell’evento diamo inizio al processo di sospensione per poter offrire una risposta ai dubbi di tutti i partecipanti e non penalizzare coloro che avevano intenzione di programmare il viaggio e l’alloggio a València.

Continueremo a lavorare per garantire l’ottimo svolgimento della prossima edizione del 2021 sperando che i mesi venturi ci offrano una situazione più tranquilla e sicura rispetto a quella attuale. Sarà una meta difficile, ma ne sarà valsa la pena.

Paco Borao, direttore della gara e presidente di SD Correcaminos, afferma che “tre mesi è il tempo minimo da offrire ai corridori della Maratona di Valencia per annunciare la cancellazione dell’edizione 2020. I partecipanti potranno scegliere una delle opzioni disponibili, come nel caso della Mezza Maratona, e per di più avranno la possibilità di partecipare all’edizione virtuale 4.0 Maratona Valencia per accompagnarci in questo 40º anniversario. Ci siamo dovuti fermare, ma stiamo già lavorando affinché nel 2021 possiamo fare tutto ciò che ci è mancato quest’anno e persino qualcosina di più”.  

Pilar Bernabé, assessora allo Sport del Comune di Valencia, ha confermato che “abbiamo lavorato fino all’ultimo giorno cercando di migliorare le circostanze, per poter mantenere la gara che organizziamo sempre con entusiasmo, in particolare nel 2020 che coincide con il 40º anniversario, ma non è stato possibile e siamo consapevoli che è necessario cancellarla. Ma lo sport si basa su valori fondamentali come il superamento e adesso dobbiamo stare più uniti che mai per superare questa pandemia e nel 2021 torneremo con più forza”.
#ContinueremoACorrere”

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

6 Settembre - Ottimo rientro in gara per Eyob Faniel: a Lens, nella Francia del nord, il primatista italiano di maratona ha vinto la gara su strada di 10 chilometri “Route du Louvre” in 28:12, a soli 4 secondi dal  miglior tempo italiano di sempre sulla distanza, appartenente a Meucci con 28:08, lo scorso 12 gennaio a Siviglia.

Per il 27enne vicentino delle Fiamme Oro, allenato da Rero Pertile, è stato il rientro alle gare agonistiche dopo oltre sei mesi dall’ultima corsa, proprio quella maratona di Siviglia del 23 febbraio che gli valse il  primato italiano sulla distanza in 2h07:19.

Gara senza pacer e con partenze scaglionate a piccoli gruppi, indossando la mascherina alla partenza: Eyob la conduce quasi interamente in solitaria, prendendo il comando al terzo chilometro; il passaggio a metà distanza avviene in 14:20, ma al termine della seconda parte, pur meno impegnativa, ma con arrivo in leggera salita, si deve “accontentare" del successo e del primato personale (migliorato di nove secondi il 28:21 che gli era valso il primo posto all’ultima BOclassic di Bolzano, il 31 dicembre scorso), rimandando il record italiano.

“Sono comunque felice di essere tornato in gara dopo tanto tempo. Bello ripartire, ancora più bello con un buon risultato come questo. Non vedevo l’ora e quasi mi ero dimenticato le sensazioni, così intense, che si provano solo quando si indossa il pettorale e cresce l’adrenalina. Ho cercato di partire subito forte, perché sapevo di star bene. Però il tracciato nella prima metà era piuttosto impegnativo, con diversi saliscendi, e quando ho visto il crono intermedio non pensavo al record, ma solo a correre tranquillo. Poi invece nel percorso c’erano tratti pianeggianti e altri in lieve discesa. Allora mi sono detto che potevo provarci e sono riuscito a spingere fino alla fine, anche se non è bastato. Ho mancato di poco il record, ma va bene lo stesso e ritenterò la prossima volta”, le parole di Faniel (dal sito Fidal).

Secondo posto per il francese Yann Schrub in 29:26, terzo l’altro transalpino Mickael Gras in 29:43.

Tra le donne s’impone la keniana Susan Kipsang Jeptoo in 32:47 sull’ucraina (che vive a Roma) Sofiia Yaremchuk (Acsi Italia Atletica), seconda in 32:53, e sulla francese Julie Sylvain, terza in 35:42.

 
What do you want to do ?
New mail

3 Settembre - Pubblicate sul sito della FIDAL, Federazione Italiana di Atletica Leggera, le novità dei "protocolli"  per la ripresa delle attività.

In particolare in pista, le gare dagli 800 ai 5000 esclusi vedranno 12 partecipanti per serie; dai 5000 inclusi ai 10000, marcia compresa, 16 partecipanti per serie, magari suddivisi in due differenti linee di partenza.

Per quanto riguarda la strada, le partenze, con partecipanti che indossano la mascherina per i primi 500 metri, potranno permettere scaglioni fino a 500 atleti; la partenza del successivo scaglione potrà avvenire solo al termine della procedura di partenza del precedente; il distanziamento tra atleti è  portato ad almeno un metro. 

Ecco, più dettagliatamente, quanto scritto sul sito Fidal:  

IN PISTA

Alla luce dell’apertura degli sport di contatto e delle esperienze nel frattempo maturate con le competizioni di mezzofondo in varie modalità organizzate sul territorio nazionale, la FIDAL, relativamente al numero dei partecipanti, ha maturato la decisione di aggiornare le modalità di svolgimento delle gare in pista dagli 800 metri a crescere:

  • Dagli 800 metri e fino ai 5000 esclusi, n. 12 partecipanti per serie.
  • Dai 5000 inclusi ai 10.000, marcia compresa, n. 16 atleti per serie; ove possibile gli atleti dovranno partire suddivisi in due differenti linee di partenza come da Regola Tecnica 17.5.2 (ex Regola 163).


NON STADIA

Le modifiche apportate sono poche ma rilevanti, soprattutto perché richieste dai principali organizzatori di maratone italiane, e discusse con loro:

  • partenze con mascherina fino a 500 atleti per scaglione (erano 200);
  • partenze separate da adeguato intervallo temporale, al fine di mantenere le distanze tra gli atleti: uno scaglione non può partire prima che la procedura di partenza del precedente scaglione non sia ultimata (l’intervallo era genericamente di 5 minuti, non necessariamente adeguato a contesti spaziali differenti);
  • distanziamento tra atleti portato a 1 metro (come da normativa; era 1,5 metri prudenziale).

Tra le buone pratiche (non rientra tra gli obblighi): “Come ulteriore dispositivo di protezione dal contatto e in particolare in occasione di competizioni in cui sono prevedibili stagione fredda o meteo avverso, si può ipotizzare di fornire ai partecipanti mantellina impermeabile con cappuccio da indossare prima della partenza”.

Questo il link al documento intero del protocollo organizzativo "temporaneo" non stadia: 

http://www.fidal.it/upload/files/2020/L%27Italia%20torna%20a%20correre%20-%20disciplinare%203%20settembre.pdf

 

[F. M.] Non vorrei farmi prendere dall'entusiasmo, ma questo protocollo o linea guida o raccomandazione generale (o comunque lo si voglia chiamare) mi sembra il miglior documento fidaliano da marzo ad oggi. Avendo scorso tutto il testo, a parte le ovvie precauzioni di dire che eventuali disposizioni limitative delle autorità politiche-amministrative (cioè di un qualsiasi ras locale che non vuole grane) prevarranno su tutto, mi pare che siamo davanti a un notevole miglioramento rispetto alle prescrizioni vigenti, probabilmente suggerito dagli organizzatori di maratone o eventi di massa, eventi che così potrebbero aprirsi a un numero di partecipanti elevato (curiosa però la raccomandazione delle mantelline con cappuccio se fa brutto tempo! è un'idea di qualche virologo dell'ultima moda?).
Non lasciamoci cullare da eccessivo ottimismo, ma questo potrebbe sembrare anche un via libera a corse davvero di 'quantità': non vedo traccia di un numero massimo di partecipanti. Basta che gli scaglioni non superino i 500, e che uno scaglione parta dopo che il precedente è già andato via (ma non dice a che distanza di tempo: un minuto? tre? fossero anche cinque!), e la cosa si può fare. Ci sono evidenti compromessi con la realtà, come quando si raccomanda di mantenere in corsa una distanza di 5 metri in lunghezza (fronte-retro, per intenderci) tra gli atleti (già, perchè negli sport di contatto la mantieni?!): cosa impossibile, ma peraltro indicata solo a livello di raccomandazione, senza sanzioni per l'inadempienza. Direi che siamo un po' al livello della pantomima sul riempimento degli autobus scolastici: i medici vorrebbero il 50%, ma gli amministratori che non hanno i bus o gli autisti hanno insistito per arrivare all'80%: cosa che ovviamente metterà tutti a contatto con tutti, ma che si fa finta di ignorare, o nella speranza dello stellone italico, o in nome del bene superiore dell'aprire le scuole.
Dunque, se in un autobus omologato per 50 posti ce ne staranno 40, allo stesso modo, e anzi con migliori garanzie per la salute, in un rettilineo di partenza lungo mille metri e largo venti potranno ben stare cinquemila persone... Ma andiamo piano con l'ottimismo: è sempre in agguato qualche ordinanza contingibile ed urgente che smorzi gli entusiasmi. Salvo che, anche in questo caso, il ras locale non consideri che è meglio avere i ristoranti pieni che le strade vuote di podisti...

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

E’ il turno anche della Verona Marathon, costretta ad annullare definitivamente l’edizione 2020 e a rimandare al 2021.

Resta la virtuale “Run For The World”, per chi non vuol stare fermo e non si arrischia a correre nei Paesi dove invece si può, e quanto all'Italia restando sul chi vive in attesa di notizie da Venezia, Firenze, Reggio e Pisa che al momento sembrano tener duro.

Ecco, di seguito, il comunicato ufficiale degli organizzatori:  

"Con immensa tristezza la ASD Verona Marathon annuncia l’annullamento della prossima edizione della Verona Marathon prevista per il 15 novembre 2020. Gli sforzi compiuti nel tentativo di salvare la manifestazione non sono stati in grado di risolvere le imponenti problematiche organizzative insorte a seguito della pandemia da COVID19, a causa della quale disposizioni governative e protocolli FIDAL hanno disposto ordinanze anti-assembramento e protocolli di tracciamento dei partecipanti e di sanificazione.

Proprio la necessità di favorire il distanziamento sociale ed evitare assembramenti impedisce lo svolgimento di una manifestazione dal forte carattere internazionale e tra le più importanti d’Italia, un evento che riunisce ogni anno oltre 10mila partecipanti, numeri importanti ai quali vanno aggiunti centinaia di volontari e un pubblico composto da tante migliaia di persone, in particolare nelle vie del centro e nella maestosa piazza Bra sotto l’Arena. Verona Marathon ha da sempre voluto che questa manifestazione fosse partecipata da tutta la città e dai suoi cittadini, pertanto al momento le limitazioni dovute alla prevenzione della diffusione della pandemia porterebbero a snaturare l’evento nella sua migliore caratteristica, una festa per l’intera comunità. ASD Verona Marathon dà appuntamento all’edizione 2021 della maratona, e al 14 Febbraio 2021 per la Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon. 

Si informa che a tutti gli iscritti di qualsiasi distanza (Maratona – Cangrande Half – Last10km) verrà posticipata in automatico l’iscrizione per l’edizione del 21 novembre 2021.

RUN FOR THE WORLD – La macchina organizzativa di Verona Marathon non alza, però, definitivamente bandiera bianca e per questo 15 novembre rilancia aderendo al progetto Run For The World, un evento virtuale in condivisione mondiale al quale partecipare aderendo alla “New Virtual Event Platform” di Run For The World, ideato per permettere ai runner di tutto il mondo di sentirsi parte di una sola, stessa community.

Partecipare è semplice, basta registrarsi al sito di Run For The World ed iscriversi ad uno degli eventi virtuali, Verona Marathon (42km), Cangrande Half Marathon (21 km) e Last 10 km. Una volta completata l’attività bisognerà caricare i dati registrati tramite gps (manualmente o attraverso un server tipo Strava) ed aspettare a casa di ricevere in pochi giorni la medaglia di partecipazione, che sarà rossa per la Verona Marathon, viola per la Cangrande HM e arancio per la Last 10 km.

FARE DEL BENE – La partecipazione all’evento virtuale è anche una occasione per fare del bene, partecipando all’evento virtuale si potrà scegliere una Charity dalla lista e donare direttamente, entrare a far parte di un Charity Team insieme al quale si raccoglieranno fondi per la Charity scelta o persino partecipare gratuitamente ricevendo la partecipazione da parte di una Charity. Un piccolo aiuto concreto da parte di tanti per aiutare persone meno fortunate in un momento particolarmente difficile per i più deboli a causa della pandemia da COVID19.

E per chi raccoglie più fondi ci sarà una medaglia speciale: con 500 € una medaglia di bronzo, con 1000 € d’argento e con 1500 € quella d’oro, tutte riporteranno la stampa del logo dell’ente di beneficenza per cui hai corso.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

La prima edizione del Sicily Ultra Tour  si svolgerà dal 5 al 18 settembre 2020:  la gara podistica a tappe “più lunga ed affascinante d’Italia” come la definiscono gli organizzatori, partirà il 5 settembre alle ore 8.00 dal Parco Archeologico di Gela e precisamente dalle Mura Timoleontee, fortificazione di origine greca risalente a circa 2.400 anni fa, per concludersi dopo 14 tappe, un percorso di 970 km lungo la costa siciliana e l’attraversamento di 83 Comuni, sempre a Gela verso le ore 16.30 del 18 settembre  in Piazza Duomo,  dove si trova la Chiesa Madre.

Un percorso naturalistico e affascinante, in una regione bellissima come la Sicilia, come testimonia Antonio Tallarita, ingegnere ultramaratoneta ed ideatore dell’Evento.  

“L’idea del Sicily Ultra Tour nacque nel 1993 in occasione del primo anniversario della strage di Capaci, ma allora i tempi non erano maturi per questo tipo di evento che fu sostituito dalla  Staffetta ‘Gela- Palermo,  Podistica non stop contro la mafia’ di 223 km. Oggi ci sono tutte le condizioni per riprendere l’idea del giro della Sicilia di corsa  e  trasformarlo in un evento internazionale. Purtroppo la pandemia del coronavirus ha ridimensionato il numero di atleti partecipanti all’evento. Da Gela partiremo 4 atleti, altri si aggiungeranno lungo il percorso partecipando ad una o più tappe.  Questo evento vuole essere un momento di aggregazione sportiva per chi ama le gare di lunga durata con un viaggio nella storia e nella cultura siciliana. Il percorso di  970  km del Sicily Ultra Tour  è  stato suddiviso in 14 tappe della lunghezza  media di 70 km al giorno. Le tappe più brevi sono la quarta da Aci Castello a Taormina di 46,4  km,  525 m +D e la nona, la Trapani –Palermo di 48,3 km, 997 m +D.  Si tratta di due tappe importanti in quanto sono quelle che permettono un recupero fisico, sia per le fatiche dei giorni precedenti sia per le tappe successive.  La tappa  più lunga e dura è la sesta, da Villafranca Tirrena a  Capo d’Orlando, tappa di 83 km con un dislivello di 1.123 m +D, che sicuramente farà la differenza tra chi può completare il giro e chi no. Anche la settima e l’ottava sono di circa 80 km ma con un dislivello molto inferiore.  Il percorso è tutto su strada asfaltata e passa per il cuore di 83 paesi snodandosi quasi interamente lungo la costa siciliana, con tratti pianeggianti ma anche salite e discese lungo scogliere che si affacciano sul mare. Le 14 tappe, per dare continuità al giro, partono dallo stesso punto in cui finiscono le precedenti, con alcune che partono e chiudono all’interno di Parchi Archeologici come quello di Siracusa, l’Antico Teatro Greco di Taormina, il Parco Archeologico di Selinunte ed Eraclea Minoa, il passaggio dentro la Valle dei Templi di Agrigento ed il passaggio all’interno del Parco Archeologico di Gela o in paesini e borghi storici  incantevoli  come  Aci Castello, Capo d’Orlando, Cefalù,  Castellammare del Golfo, le saline di Trapani,  la tonnara di  Sciacca, vie ricche di palazzi barocchi  come quelli presenti a Modica e Noto, o ancora il Castello del Gattopardo  di Palma di Montechiaro e le spiagge  incantevoli con il mare  incontaminato di   Marina di Ragusa,  i posti di Montalbano e Camilleri”.

Per ulteriori informazioni è disponibile il sito www.sicilyultratour.it.

Sospeso per anomalie nel passaporto biologico (cioè variazioni dei parametri sanguigni che potrebbero essere correlate ad assunzione di sostanze, però finora non dimostrata) Ahmed Nasef, campione italiano di maratona nel 2016 e nel 2017. Ecco il comunicato NADO Italia:

La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare il sig. Ahmed Nasef (tesserato FIDAL) rilevato l’esito avverso risultante da passaporto biologico ai sensi dell’art. 22.1 delle Norme Sportive Antidoping.

Come si ricava dal sito Fidal, Ahmed Nasef è nato a Beni Mellal (Marocco) il 1° marzo 1975, vive a Monza dal 1999 ed è diventato cittadino italiano alla fine del 2014. Con l’atletica non ha iniziato nel suo paese di origine, ma solo nel 2001 seguendo il fratello Abdellah che si allenava nel Parco di Monza. Dopo aver perso il lavoro come imbianchino, dal 2008 si dedica soprattutto all’attività di runner: aveva avviato a Monza un negozio di articoli sportivi, che ha però dovuto chiudere per la crisi del coronavirus.
Ha corso una trentina di maratone, con un primato personale di 2h10:59 realizzato nel 2012 a Chongqing, in Cina, mentre ha ottenuto le vittorie più significative nella gara tedesca di Munster (2h12:22 nel 2012) e a Treviso (2h13:57 nel 2013). Il suo miglior risultato sulla mezza maratona è invece di 1h03:04, nel 2008 a Pordenone.

Come già detto, ha vinto il titolo italiano di maratona nel 2016 a Verbania in 2h20:47 e nel 2017 a Verona in 2h16:53, superando Eyob Faniel.


[F.M.] Si ritirò a Ravenna nel 2018, dove chi scrive pranzò con lui nel dopogara, ricavandone l'impressione di un bravo ragazzo, con moglie e due figli. Anche per questo, e sapendo che Nasef ha finora corso sotto lo sguardo del dottor Rodolfo Malberti (che anzi l'ha recentemente operato a un ginocchio), mi dichiaro assolutamente garantista fino a che non saranno provate le 'anomalie' (se fossero provate, naturalmente, sarà giusto che chi ha sbagliato paghi; ma da una info riservata risulta che i valori ematici 'irregolari' sarebbero comuni alla famiglia d'origine di Nasef). Ricordo bene come il calciatore Acerbi (ora nella Lazio e nella nazionale) fu sospeso alla vigilia di un Juventus-Sassuolo per sospetti del genere. Poi venne fuori che non era doping ma cancro (cosa che ovviamente non auguro a Nasef!): e anche nel mondo dell'atletica non sarebbe la prima volta che "cautelarmente" si sospende un innocente. La frase di rito è: "abbiamo fiducia nella giustizia".

 

 

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina