Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 12, 2020 292volte

Maratona Wolfram: non capisco, ma mi adeguo

Maurizio Ferrini con Renzo Arbore, il conduttore del programma Maurizio Ferrini con Renzo Arbore, il conduttore del programma

Negli anni ottanta “Quelli della notte” è stato un programma televisivo di grande successo. Tra i molti comici lanciati dalla trasmissione, figurava anche Maurizio Ferrini. Esilarante nelle sue interpretazioni di un improbabile piazzista di pedalò oppure nei panni della signora Coriandoli. Uno dei suoi tormentoni era la frase: “non capisco, ma mi adeguo”.

Anche il sottoscritto ha deciso di prendere analoga posizione leggendo il pezzo del collega Annoscia che ci ha segnalato come “… la 17enne statunitense Tierney Wolfram che in una maratona personalizzata in California, con soli tre partecipanti, chiude in 2h31:49, stabilendo il nuovo record U19 americano” ed inoltre che “…Wolfram, studentessa presso l’Università del Nevada, ha corso insieme ai due suoi amici-colleghi universitari, Adam Sjolund e Carson Leavitt, che le hanno fatto da pacer, conducendola al record; per lei si tratta della terza maratona della carriera, con il 2h42:47 ai trial di febbraio ad Atlanta e l’incredibile 2h40:03 nel 2018, a soli 15 anni…”.

Le domande che mi vorrei porre sono le seguenti:

  • Da noi, se ricordo bene, una diciassettenne non può correre nemmeno una 10k. Negli USA a quanto pare si può correre addirittura una maratona a 15 anni (e non certo di nascosto). Quindi chi sta sbagliando e pure di grosso? “Incoscienti” negli States o “retrogradi” alla FIDAL?
  • Perché negli USA viene ratificato un record femminile in una gara mista, quando da qualche tempo la World Athletic, ancora quando si chiamava IAAF, considera solo le gare femminili? Nel caso in questione poi è stato chiaramente indicato che i due uomini erano delle lepri per la Wolfram. Quindi non una gara mista, ma un tentativo con due gregari maschi a consentirle di restare in scia, incoraggiarla e magari passarle anche la borraccia…

Come Ferrini, non capisco, ma mi adeguo.

Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.net

1 commento

  • Link al commento Maurizio Lorenzini Sabato, 14 Novembre 2020 19:59 inviato da Maurizio Lorenzini

    Anch'io non capisco, ma posso farci poco. Siamo esagerati noi in Italia con i nostri limiti e le nostre regole, in testa a tutte il certificato medico agonistico obbligatorio o quasi tutti i paesi del mondo dove all'atto dell'iscrizione firmi una liberatoria e poi corri anche una 100 km? Troppo lungo entrare qui nel merito. Certo che anche da noi corre una ragazzina di 8 anni (Sara Meloni, quella che secondo alcuni giornali avrebbe fatto il record del mondo sui 5 chilometri) che in base all'età avrebbe il limite di 1000 metri ed invece è già arrivata a 15 km; però resta al di fuori dei contesti agonistici "ufficiali". Non credo possa essere ratificato il record di questa ragazza, a livello internazionale. Da qualche anno in ambito femminile esiste un doppio record, quello ottenuto in gara di sole donne e quello in gara mista, quindi con gli uomini e tanto di pacer. Per curiosità quello “women only” appartiene a Mary Keitany (2:17:01), quello in gara mista a Brigid Kosgei (2:14:04)scrivi il tuo messaggio qui...

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina