Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Dic 31, 2023 461volte

Modena chiude l’anno e i "Quartieri" a Saliceto Panaro

Modena chiude l’anno e i "Quartieri" a Saliceto Panaro R. Mandelli da originali di Italo Spina

31 dicembre 2023 – Correva il 31 dicembre 2010, e noi modenesi sgambettavamo a “Crevalcorre”, salvo i pochi fanatici andati a Calderara per la maratona con pranzo incorporato. (Il resto, alla fine). In questo cambio d'anno, Crevalcore promette gli ultimi botti per il giorno della Befana (“E ancora il mondo percorrerà - gli spazi di sempre - per mille secoli almeno…”,  poi come finiva l’ultimo verso?), e i modenesi si trovano per la quarta delle loro corse della mutua (detto nel senso più nobile del termine, come quattro settimane fa: https://podisti.net/index.php/cronache/item/11108-portile-inaugura-le-corse-di-quartiere-del-dicembre-modenese.html). Siamo in quella che una volta si chiamava Salséda Panèra e adesso è stata raggiunta dalla città: chiesa parrocchiale malinconicamente sbarrata, campo di calcio invaso dalle erbacce, e tiremm innanz.

Lasciamo ai giooovani stooorici di Paolo Mieli decidere se è la 43^ edizione delle camminate di quartiere (come troviamo scritto sull’elegante pettorale) o se è la 44^ come dice il calendario comunale. Atteniamoci all’iscrizione gratuita (inclusiva di pacco di pasta e buono sconto-spesa da 5 euro), al percorso collaudato da decenni, ogni Natale e Pasqua, alla chiusura al traffico garantita da uno stuolo di vigili, per distanze da 3 a 10 km; c’è perfino la nebbia che sfuma poeticamente l’infinita serie di capannoni industriali, non ci lascia vedere se in quella certa casa è ancora affissa la bandiera di Cuba, ma non induce in alcun modo a deflettere dalla canottiera nera il podista cui per scaldarsi basta la vicinanza femminile in gara, prima che la moglie alla tenda gli rimetta il guinzaglio. Né può mancare Italo che, dopo un po’ di desnòmm, ci regala alcuni dei suoi scatti ora confluiti nel collage di Mandelli.

L’occasione è buona per bilanci (a volte di un’annata, a volte di una vita) e preventivi, come quello di Nube Montecchi che invoglia alla maratona di Carrara dalle medaglie marmoree, o quello di Mastrolia con cui ci chiediamo quale delle podiste oggi in gara rimpiangerà l’imminente chiusura del Lovecraft in piazza stazione. Mohamed Moro, di cui porto all’esordio le scarpe appena acquistate, e che qui fa da chaperon a un numeroso gruppo di entusiaste atlete del suo clan (una delle quali ha esordito in maratona a Reggio con 3h30), annuncia che dalla Befana il suo negozio farà una liquidazione, e mi garantisce scarpe da trail a 80 euro.

I chilometri si snodano veloci (o lenti: non cambia niente, se è l’occasione per un saluto affettuoso a Vittorio da Campo Imperatore o a mamma Emilia da Sassuolo), ed ecco profilarsi lo Stradello Romano più o meno sorvegliato da Felice Romano (battutaccia: non facciamogli il saluto romano); sul rettilineo finale mi affianca Claudio Iotti, atleta e giudice reggiano che mi ha appena “giudicato” al castello di Casalgrande. Poi traguardo, tè caldo e spicchi di panettone (già largamente usufruiti da quel tal podista bolognese che parte all’alba in modo da non trovarsi sprovveduto di ristori e di fotografie), pasta e buono sconto, spumante e dolci supplementari alle tende più cameratesche. Dicembre, andiamo, è tempo di migrare. E come dicevamo all'inizio...
Correva il 31 dicembre 2010, e il sottoscritto, tornato a casa da “Crevalcorre”, a mezzogiorno fu raggiunto da una telefonata da Bologna: “è nato Paolino”. Fatta la doccia, corsi all’ospedale S. Orsola a vedere questo frugoletto dalla pelle paonazza. Adesso parto per Bologna a festeggiare il 13° compleanno: Paolo è un ragazzone che fa la terza media con tutti 10, gioca in porta con la fama di para-rigori, e in molti dicono che è il ritratto del nonno.

Buon anno a tutti voi, ma se permettete, doppio buon anno al mio Paolo.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina