Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 28, 2018 Vittorio Camacci 1039volte

Ascoli Piceno – 2^ Maratona e Mezza di Ascoli

Il podio femminile di maratona Il podio femminile di maratona Foto Facebook

28 Ottobre - Dalla cittadina termale di Acquasanta Terme fino alla splendida città turrita di Ascoli Piceno attraverso l'antica Consolare Salaria, questo il percorso ricco di storia  della 2^ Maratona di Ascoli Piceno, gara di 42,195 chilometri, organizzata dalla Picchio Running a cui era anche abbinata una mezza maratona.

I circa 300 partecipanti, una settantina quelli nella Maratona e i restanti impegnati nella Mezza, non hanno potuto godere appieno, per via della giornata tipicamente autunnale con scrosci di pioggia, la bellezza di questa manifestazione che ha attraversato una delle zone più suggestive dell'entroterra ascolano, percorrendo tratti quasi sempre in discesa dai 400 m di Acquasanta terme ai 100 m di Ascoli Piceno.

Un percorso parzialmente chiuso al traffico, con partenza dalla cittadina termale di origine romana, sviluppatasi intorno ad un antica grotta termale. Il tracciato dopo aver attraversato l' abitato di Ponte D'Arli con il suo bel ponte romanico e successivamente quello di Mozzano, con le sue antiche sorgenti saline ha raggiunto il meraviglioso centro storico di Ascoli Piceno, entrando per Porta Romana, sfiorando l'antico Teatro Romano per arrivare a Piazza Arringo, dove era posizionato l'arrivo della Mezza, vinta nettamente dall' agrigentino Francesco Raia (1h14’11") davanti all'aquilano Luigi Federici (1h14'55") ed all'albense Luca Alberto Mincioni (1h17'35"). Tutto ascolano il podio femminile dove si è imposta la giovane interprete Cecilia Capriotti (1h24'25") sull'impiegata Ilaria Mancini (1h29'20") e sull'infermiera Alessandra Luzi (1h30'58").

Intanto,  i maratoneti proseguivano per Porta Maggiore, l'antica Via Aprutina, la zona industriale, Monticelli e Via Zeppelle per poi tornare in Piazza Arringo. Presentatosi al via da favorito, l' ultramaratoneta abruzzese Antonio Mario Fiadone ha preso il comando già dai primi chilometri ed aiutato dalla fresca mattinata ha raggiunto per primo Ascoli Piceno.

Imperterrito, il 42enne preparatore atletico originario di Rosello, nell'Alto Sangro, ha continuato la sua cavalcata solitaria bissando il successo dello scorso anno in 2h43'49", mentre alle sue spalle conquistava la piazza d'onore l' allievo di Denis Curzi, il sambenedettese Giammarco Scacchia (2h51'04") sul chietino Angelo Tracanna (2h57'03").

Solo quattro le donne in gara su questa distanza tra le quali ha primeggiato l' abruzzese Serena Marcucci in 3h34'09" davanti a Martina Folio (4h05'04") e sull' umbra Catia Comanducci (4h14'05").

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina