Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 22, 2023 819volte

Cartoline da Budapest - seconda puntata

RISULTATI E PROGRAMMA

Dopo il pezzo di lunedì e con cadenza casuale, proseguiamo con le impressioni a ruota libera dalla poltrona di casa, guardando i mondiali di Budapest. Grazie per le Vostre impressioni direttamente in calce a questo articolo o sulla pagina facebook di Podisti.net

Le catene dei velocisti: passa il tempo e malgrado gli sprinter si giochino medaglie e reputazione per pochi centesimi di secondo, molti di loro continuano a presentarsi sulla linea di partenza con gioielli ed altri oggetti che sembrano poco pratici, catene d'oro che aumentano il peso e diminuiscono l’aerodinamicità. Chi ci capisce è bravo.  

Cavallina storna: la Cavalli si gioca con dignità la sua finale dei 1500 dove evita il cucchiaio di legno e si migliora nuovamente. Super.

Dosso invisibile: no, non parliamo di un dosso stradale mal segnalato che ci rovina le sospensioni dell’auto, ma della povera Zaynab Dosso che eguaglia con 11”14 il record sui 100 metri della Levorato e non se la fila nessuno in prima pagina, nemmeno sui quotidiani sportivi. Alla faccia della parità di genere e della sensibilità per l’atletica.

Per Ayomide domani titoli a otto colonne? Record sui 400 ostacoli per la Folorunso che abbatte la barriera dei 54 secondi con 53”89. Subirà lo stesso trattamento della Dosso? Di sicuro non da Podisti.net: complimenti a lei e alla Dosso.

La Iapichino delude (?!?): perché a 21 anni e dopo aver già conquistato un argento europeo, arriva “solo” quinta ai mondiali. A  6 cm da una medaglia. Mamma Fiona sale sul podio iridato a 26 anni…

Tamberi immenso guascone, cancella i 3000 siepi: per lo stesso motivo per cui l’argento di Fabbri ha oscurato i 10000 metri donne, stasera la regia indugia su gara e festeggiamenti di un monumentale Tamberi. Ci saremmo accontentati del doppio riquadro mentre faceva il giro sulle tribune, troppo intelligente come scelta?

Bravi gli ottocentisti, male il nonnismo: Barontini e Tecuceanu spiegano come si corre una batteria mondiale, il giovane Francesco Pernici è il primo dei non qualificati per 13 centesimi, malgrado capisca bene cosa stia succedendo e lucidamente vada al comando per aumentare il ritmo e relativi tempi di ripescaggio. Comportamento più maturo di chi gli ha tagliato i capelli come un pellerossa solo perché era all’esordio in azzurro.

Medaglie subito: bella l’innovazione di consegnare nell’immediato dopogara le tre medaglie per foto di rito a caldo con la medaglia al petto.

Che invidia Faustino Pietro Alfaro: il rappresentante della Guinea Equatoriale chiude col personal best la sua batteria degli 800 metri, tempo 2’04”20. A saperlo prima, conosco diversa gente che avrebbe fatto carte false pur di ottenere la cittadinanza di questo stato africano e partecipare alla rassegna iridata.

Rodolfo Lollini - Redazione Podisti.net

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina