Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 01, 2021 Sebastiano Scuderi 794volte

Basterà “l’orgoglio” per “il riscatto”?

Basterà “l’orgoglio” per “il riscatto”? Roberto Mandelli

La FIDAL ha scelto di cambiare pagina, almeno così sembra: il Generale Parrinello ha probabilmente pagato la sua lunga permanenza al fianco di Alfio Giomi, non dava sufficienti garanzie di novità.

La prima votazione aveva visto Parrinello con 24.286 voti (41,17%), davanti a Mei 21.563 (36,56%) e Fabbricini 13.140 (22,27%), totale voti 58.989.

Al ballottaggio Mei è salito a 31.051 (53,6%) contro 26.917 di Parrinello (46,4%) totale voti 57.968, un migliaio di astenuti, quindi i fabbriciniani hanno votato in massa per Mei.

http://podisti.net/index.php/in-evidenza/item/6875-stefano-mei-e-nuovo-presidente-fidal.html

Ma se si va ad esaminare il nuovo Consiglio c’è da parlare di una vittoria di Pirro, infatti i “Volonterosi” di Parrinello hanno conquistato sette delle dodici poltrone: Sergio Baldo 24.581, Grazia Maria Vanni 22.745, Oscar Campari 22.396, Annarita Balzani 21.958, Sandro Del Naia 21.615 ai primi cinque posti dei dirigenti, poi i tre “Orgogliosi” di Mei: Alessio Piscini 19.879, Gianfranco Lucchi 18.920, Carlo Cantales 18.186. I Tecnici e gli Atleti hanno pareggiato, due “Volonterosi” Elisabetta Artuso 61 e Margherita Magnani 93, e due “Orgogliosi” Simone Cairoli 72 e Domenico Di Molfetta 82.

Totalmente assente la squadra di Fabbricini.

Facile prevedere un futuro incerto, se non tempestoso: le Olimpiadi da preparare nel migliore dei modi - ammesso che si disputino come stabilito -, le risorse sempre più ridotte, con la stagione su strada, quella che dà importanti introiti, che tarda a cominciare - per adesso ci si limita alle poche manifestazioni di interesse nazionale -, i minori introiti delle tasse di affiliazione e dei tesseramenti decisi dal precedente Consiglio Federale.
Tutte calamità che si sommano ai mali atavici, che rendono improcrastinabile una serie sostanziosa di riforme, a cominciare dal Gruppo Giudici Gare col progetto Advisor, una nuova generazione di cento giudici al passo coi tempi; corsi di formazione per i dirigenti; incentivazione delle Società  con rendimento qualitativo e quantitativo; progetto valore per gli atleti e progetto giovani con incentivazione Juniores e Promesse; percorso di specializzazione dei tecnici per lo sviluppo di cento tecnici di élite, i top trainers; incentivazione risorse umane con valorizzazione delle competenze; management by objectives per una migliore modulazione delle  retribuzioni. con la condivisione della progettualità e delle finalità federali col personale; particolare cura e attenzione a running e walking, chiave di volta della Federazione.

Tutti punti del programma “Orgoglio del riscatto” largamente condivisibili e che hanno convinto la maggioranza delle Società a votare Mei: ma quanto di tutto ciò sarà realizzabile, a prescindere dalla situazione congiunturale sfavorevole, se la maggioranza del Consiglio, che aveva aderito ad un altro programma, non si sentirà di votare a favore?
È questa la spada di Damocle che sarà difficile scansare.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina