Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 27, 2019 5758volte

Passatore: “troppo” più che una corsa normale

La Sustic vince mentre noi siamo al ristoro di Casaglia La Sustic vince mentre noi siamo al ristoro di Casaglia 100km Passatore

25 maggio - 3410 iscritti, 2668 arrivati: tornavo al Passatore dopo 14 anni (dichiaratamente per l’ultima volta come atleta: è bene chiudere da sé certi files prima che provveda madre Natura, e finché i nipotini guarderanno al nonno come a una persona da amare, non un fanatico da baraccone). Nel 2005 eravamo partiti in 1300 e arrivammo in 808: dunque il Passatore è triplicato, quasi esclusivamente per il tributo che gli concedono gli italiani (oltre il 95% degli iscritti), da tutto lo Stivale (frequentissimi in corsa gli accenti romaneschi, napoletani e veneti, oltre ai due ‘di casa’ tosco-romagnoli).

Arrivando in stazione di Firenze verso le 11,30, e poco dopo salendo sul bellissimo nuovo tram per le Cascine, la gente in tuta e scarpette era se non la maggioranza, quasi. I primi che incontro (vedere le foto 1 e 2 del servizio che l’insostituibile Mandelli ha assemblato e continuamente ritoccato) sono Marina  Mocellin, una ultramaratoneta bolognese adottiva che invecchiando va sempre più forte e ha da poco finito i 125 km della Via degli Dei; e Armando Rigolli, motore della Abbotts Way, e che pubblicizza la sua maratona-trail di Ferragosto (“ma guarda che non è mica uno scherzo, sono 2000 D+”).

Poi, nell’ottima sistemazione logistica delle Cascine, dove la fila di 200 metri per il ritiro pettorale (foto 3-4) è sbrigata in una ventina di minuti, appaiono uno dopo l’altro i supermaratoneti, dal presidente Paolo Gino alla first lady Laura Failli (che sportivamente ce le suonerà a tutti, per un 14.23 finale: la vedete in azione alla foto 22, quando eravamo ancora insieme, e le proiezioni davano un finale di 13 ore cui ovviamente non credevamo); e ancora (foto 6-10) dal primatista assoluto Piero Ancora al bombardiere Gemma (“chi mi arriva davanti non tr**”), da Fernando Gambelli (26° Passatore) a Roberto Trinelli, a Leo Manfrini (nei cui paraggi mi ritrovai  al Passatore 2002, e adesso ha giurato alla moglie che questo sarà il suo ultimo); c’è perfino Carla Gavazzeni appena guarita dalla frattura para-maratonica di Malta, nonché l’indiano Pandian, che sfoggia la maglietta delle 10 in 10 di Orta (foto 8), e solo dal mio stentato inglese apprende che può lasciare un cambio al passo della Colla.
E aveva spergiurato che non sarebbe più venuta, la siora Nadaìna Masiero, invece eccola qua: la sento dire al microfono che quando compirà 70 anni sarà più o meno il suo trentesimo (o quarantesimo?) Passatore; in gara correremo insieme qualche tratto (foto 15-18), ma da Borgo i suoi 40 chili (scarsi) avranno la prevalenza sui miei 76 abbondanti, e alla fine l’ordine d’arrivo la gratifica di un’ampia mezz’ora sul sottoscritto.

Intorno alle 14 ci mettiamo pian piano in movimento verso la partenza di piazza del Duomo, a piedi o col tram gratuito per gli iscritti (foto 11-12: ci sale anche uno dei 27 “Passo Capponi” tutti partiti e tutti arrivati, Andrea Apicella, che alla fine quasi mi raggiungerà); in pratica, occupiamo tutto la parte destra della piazza fino all’abside della chiesa, dove sono opportunamente collocate (già dentro il recinto) toilettes chimiche. Non ci hanno più voluto dalle parti di piazza della Repubblica, peccato per le Giubbe Rosse e ristoranti vicini, che non intascano i nostri eurini (ma se non volete che noi podisti lasciamo i rifiuti in giro, mettete dei cestini per i rifiuti: in piazza Duomo faccio fatica a trovarne uno!).

Temperatura tutto sommato gradevole, specie stando all’ombra; sappiamo che pioverà e molti partono già con l’impermeabile addosso. Partenza puntuale, sebbene chi sta in mezzo al gruppone come me aspetti 2 minuti e mezzo prima di passare sul rilevatore del chip (quando si introdurrà il real time come misura ufficiale?); e anche nel primo km dovremo spesso camminare o addirittura fermarci per la calca.

Il giro urbano è più bello di una volta: mi sembra di riconoscere piazza dell’Annunziata e piazza Savonarola, poi si sale a Fiesole; forse il chilometraggio è diminuito un poco, sebbene l’unico miracolo che non riuscirà agli organizzatori sarà quello di avvicinare Firenze a Faenza fino alla cifra tonda di 100 km. È vero che Google Maps indica un percorso pedonale di 99,9 km, ma si avrebbero se da Fiesole (oltretutto raggiunta senza giri viziosi) si prendesse la strada della Futa fino a San Piero a Sieve, donde poi a Borgo San Lorenzo e poi sempre sulla ex statale Faentina (magari, senza salire in cima a Ronta come invece ci tocca, vedi foto 48). Diversamente, col nostro percorso, i km sono 102; non cito il Gps che è approssimato e supera i 103, ma noto che i cartelli chilometrici della SP 302 sono sfalsati di 2 km fino alla Colla (cioè, per esempio, alla pietra miliare del km 38 corrisponde il km 40 ufficiale del Passatore), poi lo sfalsamento si riduce a un km (cioè il km 69 dell’Anas diventa “solo” 70 per i podisti), e negli ultimi dieci km, ogni nuova tabella è spostata qualche decina di metri in avanti, cioè ogni km diventa di 1050 o più, così da non superare in piazza del Popolo la cosiddetta “soglia psicologica” dei 100.

Miracoli impossibili a parte, l’organizzazione mi sembra migliorata: è vero che il divieto di accompagnamento in auto e di rifornimenti fuori settore è ampiamente trasgredito, e dal km 20 in poi respireremo sempre gas di scarico, col parossismo della Colla (si intravede dalla foto 49) dove sembra di essere sul Pordoi al passaggio del Giro d’Italia, o nei dintorni di viale Ceccarini la notte di Ferragosto; ma noto con piacere che si sta instaurando l’abitudine dell’accompagnamento in bici, non casual come una volta, ma con registrazione, numero di pettorale, ritratto dell’ “accompagnato”: foto 31-32). Le bici non fanno rumore e quando in discesa ti sfrecciano alle spalle ti danno qualche brivido, ma se non altro non inquinano e le loro lucine attenuano il buio della notte senza stelle (qualche volta ho l’impressione che molti ciclisti siano lì non tanto per seguire qualcuno, ma per farsi una biciclettata di 100 km in compagnia: capita di incontrare dieci ciclisti attorno a due podisti).

Mia moglie Daniela, che col Passatore ‘praticato’ ha smesso dopo raggiunta quota 10, vorrebbe tuffarsi nell’atmosfera rifacendo la strada in auto: le do appuntamento non prima del km 65 di Marradi, e solo in prossimità dei ristori (vedi foto da 55 a 59; mentre la foto 54 è della simpatica Ilaria Pozzi, che una settimana dopo la Nove Colli qui si limita a farci il tifo, spostandosi sulla sua auto dove fa bella mostra il regolamentare seggiolino per neonati, foto 36).

Altro mezzo di trasporto è quello che un figlioletto, forse di 4-5 anni, ha ‘scelto’ in compagnia del papà maratoneta: un comodo (per lui) baby-jogger, spinto con allegria nel piano (foto 25-27), con un po’ di fatica tra Borgo e la Colla, ma che poi, debitamente coperto per la pioggia che ha cominciato a cadere, mi sfreccia via dopo Casaglia, spinto da papà Marco Barbieri che lo condurrà a terminare sotto le 14 ore. Ancor più nature è la coppia che corre a piedi nudi (foto 19-24): di lui non leggo il pettorale, ma lei è una appariscente svedese, Sora Enge, che finirà in 16.45. Io che corro ‘ammortizzato’ (plantari sulle stesse scarpette che hanno assaporato l’acqua alta di Venezia), dalla seconda metà avrò una bella sfioppla sotto il piede destro (e l’unghione del sinistro che se ne va), più i quadricipiti delle cosce dalla consistenza del marmo. Che la via ‘giusta’ del podismo sia la loro?

Intanto, ai 920 metri della Colla di Casaglia (qualche km dopo un platonico e inutile, perché non controllato, cartello dei 42,195 m, che non dà ‘punti’ nemmeno al Club Supermarathon), un tendone iperaffollato (fonte delle poche proteste che sentirò durante l’intera giornata dagli atleti) conserva all’asciutto i nostri ricambi: il mio è proprio in fondo, prendo fiato una ventina di minuti sedendomi su un cartone di bottiglie. Quando esco, vi entra Sabrina Tricarico, decisamente infreddolita e un po’ meno pimpante del solito (finirà in 16 ore e mezzo, non lontano dalla Casalinga Disperata che corre in camuffa).

I ristori però sono un km sotto (direi che il primo sia ‘privato’, tant’è vero che ci trovo della birra e poco altro), poi in centro di Casaglia, dopo 5 km: dove finalmente appare il desideratissimo brodo, che da lì in avanti sarà il mio nutrimento principale. Ma per chi ha stomaco più tollerante, c’è di tutto come nella miglior tradizione, grosso modo ogni 4 km dalla partenza all’arrivo: panini e affettato, torte, uova sode (già tagliate a fettine: tenerle in mano è quasi impossibile!), limoni mele e banane, uvetta, acqua liscia e gassata, sali, tè, caffè, coca ecc.). Non trovo più quell’enorme ristoro allestito, un tempo, in un’area di servizio, già nella discesa; né per l’aria aleggia quell’odore di salsiccia grigliata di un tempo; in compenso direi che i ristori siano più frequenti, e omogenei, e insomma, quando dopo dieci ore cominci ad avere nausee, ogni volta puoi variare l’approvvigionamento senza danni.

Da Casaglia in poi, per noi che scolliniamo intorno alle 7 ore (un’ora in più del solito, per il sottoscritto… lasciamo perdere!), comincia una pioggerella che ad intermittenza ci accompagnerà fino a Marradi e poi, quasi impercettibile, al traguardo. Più o meno siamo quei 100 o 200 che si ritrovano (molti amici di Podisti.net degli anni antichi, scusa onorevole Cova se la mia memoria si arrugginisce), fanno insieme qualche mezzo chilometro, poi si salutano, ognuno a rincorrere  i suoi guai; o i suoi cespugli per fare pipì.

Ecco il piccolo grande carpigiano Antonino Caponetto, il più anziano in gara coi suoi 88 anni, e un miglior tempo di 9.10: qui un dolore al polpaccio lo rallenta (finirà verso le 15.30), ma non gli toglie la lucidità, da cui proviene una parola di disapprovazione verso il collega podista il quale, inveendo contro un’auto che intralcia, prorompe in una bestemmia. Il vecchio prof di religione non può tollerarlo; e a me viene in mente quando mio figlio, giovanissimo calciatore di serie C, disse a un avversario che aveva sbagliato uno stop e bestemmiava: “che colpa ne ha Dio, se sei un giocatore di m*?”.

A Marradi sono in scia della più volte elogiata mamma Emilia Neviani, presidentessa della Guglia di Sassuolo e reduce dalla 50 di Romagna: inesorabilmente, se ne va via col compagno di squadra Marco Vitelli e alla fine (foto 62-63) infliggerà 18 minuti al mio orgoglioso solipsismo (mai fatta una ultra in compagnia se non nella prima parte dell’UTMB 2007, all’esordio; ricorso ai pacer solo una volta alla maratona di Lucca quando sballarono i tempi: peggio per me). A proposito di compagnia: il mio partner di tanti trail a coppie, quell’Ideo Fantini che mi aveva tallonato due giorni prima nella cronoscalata al Bianello, va via prudente e chiuderà in 16.42. Emilia invece ha fretta di tornare a Sassuolo per spodestare il sindaco-professionista ("nel segreto delle urne Dio ti vede, Stalin no"), ci riesce e così vince due volte.
A Brisighella, ultima crudele salitina ("In Italia ci sono più salite o discese?", mi chiedeva il babbo aspirante farmacista: "Più salite, perché c'è la Salitina MA"), di nuovo in compagnia con Caponetto (che a scortarlo ha la figlia, anche nel ruolo di massaggiatrice); rapido rencontre con Daniela, con l'arrivederci al traguardo. 
Il cielo si schiarisce, al gracidare delle rane nel corso alto del Lamone si sostituisce il cinguettare degli uccellini e il quaquà delle ochette. Le gambe, indipendentemente dal cervello, provano a spingere, e in quei rari momenti che tocchi gli 8:30 a km ti sembra di volare… Ai meno 3, dove una volta la signora Ariel (già ultraottantenne nei primi Duemila) offriva le sue ciliegie sotto spirito, ora c’è un altro tavolino privato (ma le ciliegie solo sotto… banco), cui ci si ferma per nostalgia.

Un collega che più tardi mi raggiunge (ormai so come è l’andazzo: supero  chi cammina, ma chiunque corra va più forte di me) dice che dovremmo già essere all’ultimo km: gli modero l’entusiasmo, indicando il profilo dello striscione del meno 1, ancora avanti qualche centinaio di metri. Poi è la Piazza, un ‘falso’ traguardo cinquanta metri prima di quello vero, e finalmente l’apoteosi. Ci hanno tolto l’obbligo di salire sul palco a ricevere la medaglia (quest'anno, vagamente leonardesca); adesso è tutto rasoterra, compresa la consegna dei diplomi, dei piatti in ceramica per i pluripresenti, delle tre bottiglie di vino, un primo ristoro non abbondantissimo, che sarà poi duplicato nella palestra delle docce. Spola continua di pullmini, sovraccarichi (ma i vigili a quest’ora sono buoni), per la stazione e per il locale docce, a circa un km, molto confortevole e con acqua bella calda.

La logistica funziona egregiamente, c’è anche la spola avant-indré dei pullman dei ritirati (ne conto almeno 5 o 6), i nostri bagagli sono arrivati regolarmente: insomma, all’immortale Passatore c’è molto, anzi troppo di più delle cose che i podisti normali trovano nelle corse normali. C’è, insomma, la ‘perfetta letizia’ di cui parlava frate Francesco.

Cfr. http://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/4056-xlvii-100-km-del-passatore.html

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: F. Marri; D. Gianaroli; I. Pozzi; Comitato organizzatore
Fonte Classifica: Sdam

1 commento

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina