Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 06, 2022 856volte

Albinea (RE): 37° Mimosa cross, festa per (almeno) 1075

I due vincitori I due vincitori Nerino Carri - Roberto Mandelli

CLASSIFICA GENERALE (pdf) - 6 marzo – Secondo l’Uisp era la 35^ edizione, secondo il comune di Albinea la 37^, ma poco importa (dipende se si dà un numero alle corse degli ultimi due anni, non svolte): è stato il primo grande evento dell’era post Covid, che ha richiamato più di mille appassionati da tutta la regione. Per forza: domenica scorsa c’era la maratona di Busseto, saltata; oggi c’era quella di Bologna, saltata; ecco perché (assenti giustificati i modenesi, impegnati dalle loro parti in una non competitiva, parimenti intitolata al fiore con odore di strinato; ma Giangi è venuto ad Albinea) ho visto i parmigiani, i torrilesi amici del Fanfo, alcuni mirandolesi ex sudditi di Libero, e qualche bolognese, oltre ovviamente ai padroni di casa reggiani: che, come erano i migliori a organizzare podismo ante-Covid, così mantengono il primato adesso che si ricomincia..

“Niente sarà più come prima”, secondo una frase fatta di questi mesi, che nella classifica dei luoghi comuni della nostra epoca ha uguagliato “Andrà tutto bene” [e si è visto!]; e infatti, l’iscrizione a questa gara è stata programmata a numero chiuso e fortemente raccomandata con preiscrizione che scadeva tre giorni prima. E i 250 pettorali della competitiva da 23 km (+450 D) sono andati a ruba; contingente aumentato, ma altri che lo desideravano non hanno trovato posto, e alla fine i classificati (secondo una prima graduatoria con qualche 'baco') sono 264. E si aggiungono 584 preregistrati per la non comp di 12 km e 185 per la 5 km; tanti, almeno, erano i preiscritti, ma questa mattina c’era una lunga fila per le nuove iscrizioni alle non competitive (partite in coda alla competitiva, con possibilità di dilazionare la partenza per i 45 minuti successivi, a patto di chiudere tutti i giochi entro mezzogiorno esatto).

Preiscrizione individuale e ritiro del pettorale individuale, previa esibizione del greenpass e consegna dell’autocertificazione (per quello che servono ste carte, io ho smaltito una delle autodichiarazioni che tenevo in auto per viaggiare nel 2020, in base a questo o quel DPCM dalla dubbia costituzionalità); anche sull’utilità sanitaria del greenpass ci sarebbe da ridire, ma tutti sanno che è stata solo una scusa per obbligare a vaccinarsi, e siccome vaccinarsi è un bene, venga pure l’inganno del greenpass (“e dall’inganno suo vita riceve”, scriveva Tasso). Non ho capito bene come funzionava con l’obbligo di mascherine: alla partenza: grosso modo direi che fossimo metà e metà (mascheratissimi tutti gli addetti). Mancava il ristoro finale, sostituito da un sacchetto con generi alimentari vari, più che sufficiente (con 2 euro cosa si può pretendere?).

Percorso bello, come tutti quanti in questa area reggiana pedemontana (penso a Scandiano, a Montecavolo, a Canossa e Quattro Castella): forse tra i più duri, data la lunghezza eccedente la classica maratonina,  i 450 metri di dislivello dichiarati (il mio Gps dice 22,850 +425) e i quasi 5 km sterrati nella salita verso il Parco dei Gessi di Borzano (alias parco del Vento o del Lupo), fino all’uscita di Cavazzone a poco meno di 500 m slm, e l’inizio della discesa verso Albinea, che però ci riserverà altre salitelle fino a quella dell’ultimo km dove sono appostati i fotografi Nerino (dotato di moglie irredentista del Donbass) e Domenico Petti.

Italo è al traguardo e aspetta fino agli ultimissimi (come, ovviamente, i giudici, e lo speaker Brighenti); Italo ha anche una giustificazione famigliare dato che tra le competitive aveva moglie e cognata (e figlio, ma quello va forte), che se la prendono un po’ comoda arrivando grosso modo nel tmax, più o meno insieme a Simona Neri (la quale mi segnala l’eccellenza del percorso e dell’organizzazione, salvo la segnalazione insufficiente a un bivio del km 19 dove rimaneva l’istinto di proseguire per lo stradone verso la chiesa, come si faceva in tempi antichi, invece di imboccare uno stradello più rustico indicato solo da una minifreccia sull’asfalto).

Il giro che poi abbiano fatto i partenti anticipati (ecco in vezzo pre-Covid di cui non sentivo la nostalgia), già per le strade almeno tre quarti d’ora prima del via, non lo so proprio: e il giorno che capiterà un incidente stradale, vedremo chi pagherà. Devo dire che, negli orari legali, il traffico era quasi assente (qualcosa in più nello stradone di discesa), e i pochi incroci sorvegliatissimi.

Venendo all’élite, hanno vinto Simone Corsini e Manuela Marcolini. Corsini (MDS), non ancora trentenne (con 2.27 alla maratona di Reggio 2021), era arrivato 5° nell’ultima edizione di Albinea del 2019, in 1.27:26, e oggi si è migliorato alla grande chiudendo in 1.20:53. A due minuti un altro habitué dei podi locali, Andrea Bergianti della Corradini Rubiera

La Marcolini (che sta per toccare il traguardo personale dei 40 anni), dello Sportinsieme, nel 2019 aveva vinto in 1.37:05, confermando la sua predilezione per questa gara della quale detiene anche il record, con 1.36:14 del 2017. Oggi le sono bastati 1.39:45 per sbaragliare la concorrenza, rappresentata da Evegenya Kovaleva (Sampolese) giunta a oltre due minuti.

Ecco il nostro resoconto dell'ultima edizione, nel 2019:http://podisti.net/index.php/cronache/item/3505-albinea-re-34-mimosa-cross.html

E quello della penultima, accorciata dalla neve nel 2018: http://podisti.net/index.php/cronache/item/860-albinea-siamo-goviani-il-sottozero-non-ci-ferma.html#!Albinea_2018_Morlini_Ferraboschi

 

Ripartendo da Albinea, è d’obbligo per noi più anziani un ideale saluto alla memoria di William Govi, che qui viveva (e se volevamo parlargli al telefono dovevamo chiamare solo tra le 17 – quando arrivava dalla fabbrica – e le 17,30, quando partiva per i suoi allenamenti) e su queste colline correva e a un certo punto inventò le maratone individuali autogestite. Chissà se il suo privatissimo e ordinatissimo museo della maratona sarà prima o poi a disposizione del pubblico.

Informazioni aggiuntive

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina