Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

Martedì, 26 Marzo 2019 11:22

Putignano (BA) - 8^ 6 Ore di San Giuseppe

23 marzo - Terminata la tradizionale kermesse del Carnevale, Putignano è tornata a vestirsi a festa per la due giorni podistica, la 6 Ore il sabato e la Marcialonga l’indomani, entrambe dedicate a San Giuseppe.  

La 6 Ore si sviluppa sul centralissimo giro di 1264,7 metri, sostanzialmente piatto, ma con l’aggravio dell’antica pavimentazione, a chianche, che accresce la fatica. Di contro, è impossibile annoiarsi, non si è mai soli, indigeni e turisti “accompagnano” continuamente gli atleti, tante sono poi le attrazioni che l’organizzazione offre.

Già, l’organizzazione, a cura degli Amatori Putignano, storica società che festeggia il quarantennale della Marcialonga, una serie di eventi nazionali organizzati ed ospitati, una lunga seria tradizione, garanzia di qualità.

E anche la 6 Ore, giunta oramai all’ottava edizione, è notoriamente apprezzata dagli ultramaratoneti, ogni anno avvicina a questo particolare tipo di gara numerosi neofiti.

La garanzia la offre Vito Intini, vice presidente nazionale IUTA, fresco dell’essersi riappropriato del record della 24 ore sul tapis roulant, milioni di chilometri nelle sue gambe, ora la candidatura a Sindaco, che farebbe di Putignano la città più in movimento del mondo. 

Numero massimo di iscrizioni fissato a 250 atleti, davvero sfiorato con 242 iscritti, di cui 38 donne; tassa di iscrizione limitata a 40 euro per chi abbia rispettato il limite del 9 marzo, 50 successivamente (ulteriori sconti per gli iscritti IUTA).

Pacco gara contenente la polo commemorativa, oltre prodotti alimentari e altri gadget, più buoni per il pasta party per il pre e il post gara.

Poi la zona neutralizzazione, per cambiarsi, riposarsi, farsi curare e massaggiare, approfittare dei bagni chimici; bagno presente anche sul tracciato per ogni evenienza.

Numero di giri rilevati dal rilevamento elettronico tramite chip, i giudici Fidal calcoleranno le frazioni finali.

Alle 14,00 precise la partenza, cominciano i giri, incita tutti Paolo Liuzzi, lo speaker della strada pugliese, che si distingue ottimamente anche nelle gare di livello nazionale.

Si comincia correndo tutti, allo scoccare della prima ora in tanti rallentano, in pochi proseguono a ritmo pieno; allo scoccare della seconda ora si va ancora più lenti, tranne le solite eccezioni, e così sarà con il passare delle ore e dei minuti, salvo ritrovare miracolosamente le forze nel finale, quando si ha tra le mani l’adesivo da incollare sull’asfalto per permettere ai Giudici di calcolare la distanza residua.

Il giro presenta tre stazioni: la prima in zona cambio, con il ristoro che offre ogni genere di bevanda, dall’acqua alla coca cola, vari cibi solidi e la voce di speaker Paolo ad incitare e ad informare della distanza percorsa; la seconda, in pieno centro storico, “L’ultima cena”, così definita perché la anima con estrema verve, brio, effervescenza, Mino Barletta, autentico showman, ma nella vita di ogni giorno… marmista; la terza a base di alcolici, liquori e birra, con i due birraioli, con tanto di grembiule a forma di alto boccale a invitare ad andare a… tutta birra!

Usciti sul corso principale, la visione del Carro allegorico vincitore la 625^ edizione del Carnevale, il “Chi è senza peccato scagli la prima mela”, contro l’omofobia, realizzato dal maestro Deni Bianco, davvero bello, al di là della condivisione o meno del messaggio.

Ma, perdonatemi, devo tornare su Mino Barletta, sul suo particolare ristoro, ha passato ore ed ore ballando, accompagnando gli atleti, risollevandoli moralmente, infondendo gioia e serenità, raggiungendo il massimo dello spettacolo quando si è travestito da donna, quasi costringendo tutti gli atleti a fermarsi un attimo, strappando a tutti un ballo, un cinque, una risata, una toccata… Ottimi poi i dolcetti caserecci offerti, sul tavolo che quasi passava inosservato per le gag di Mino, mi sonno dovuto sacrificare a consumarne un po’…

E la popolazione locale ha accettato con estrema educazione l’invasione, ha tifato, incoraggiato, anche coinvolti dall’ottima apparecchiatura acustica che portava la voce dello speaker in ogni dove. Bella e caratteristica Putignano, in una giornata fredda, ma non freddissima, soprattutto per chi era in movimento.

La gara è vissuta sul dominio incontrastato in campo maschile di Maurizio Di Paolo (US Acli Marathon Chieti) e in quello femminile di Lorena Brusamento (GS Gabbi Bologna): non hanno rallentato un attimo e meritatamente hanno confermato il successo di un anno fa.

Di Paolo si è imposto con 75579,3 metri sul fortissimo Nicolangelo D’Avanzo (Bisceglie Running) risalito fino a 73774,6 e sul costante Fabrizio Samuele (Passologico Pescara), terzo con 71718,2. Sempre abile, Maurizio Termite (Sei Sport monopoli) è quarto con 70776,5 davanti all’indistruttibile Giuseppe Mangione (Barletta Sportiva), quinto con 70442,5.

Seguono Vincenzo Mirizzi (Amatori Putignano) con 70342,5; Fabio Amabrini (Passologico) con 68831,8; Savio Marco Acquaviva (Barletta Sportiva) con 67686,1; Domenico Valenzano (Amatori Putignano) con 67521,1; Antonio Candido (La Mandra Calimera) con 67472,1.

Al femminile vince Lorena con 67542,1metri sull’instancabile Erica Delfine (Amatori Putignano) con 62107,3 e sulla mitica Luisa Zecchino (Team Pianeta Sport Massafra) con 60842,6. Quarta Emma Delfine (Nadir on the road Putignano), con 60029,9; quinta la decisa Maria De Carlo (Athletic Team Palagiano), con 57798,5.

A seguire troviamo Grazia Antonietta Fina (Podistica Faggiano) con 57347,5 metri; Valentina Greco (Podistica Copertino) con 56161,8; Alessandra Liberati (Passologico) con 54750,1; Mariana Polignano (Amatori Putignano) con 53924,4; Adriana Valdevies (Podistica Faggiano) con 53414,4.

Da lodare tutti i partecipanti, per impegno e dedizione, compreso chi l’ha vissuta in maniera non estremamente agonistica, correndo e divertendosi, mettendo comunque chilometri nelle gambe.

Splendida la medaglia consegnata a ciascun finisher, che finalmente si è potuto rimettere in sesto con una buona doccia calda offerta dagli organizzatori, per proseguire con il pasta party, con delizie locali (orecchiette e rape, focaccia, mozzarelle, patate al forno, arance, crostata, acqua e vino).

E, come si fa nelle gare ben organizzate, sono cominciate sollecitamente le premiazioni, inizialmente con la consegna di targhe e riconoscimenti relativi all’attività IUTA 2018, sotto la regia di Vito Intini e Gianni De Robertis, consigliere nazionale IUTA.

Ed è il momento di entrare nel vivo della gara odierna, con riconoscimenti per i primi cinque uomini e le prime tre donne assolute, che oltre le medaglie, hanno ricevuto un ricco cesto di prodotti locali ed eco, con consegna affidata all’assessore allo sport, Delfine. Il trofeo Giovanni Chiapperino è stato consegnato dal figlio Lello ai due vincitori assoluti, Di Paolo e Brusamento. A seguire la consegna delle maglie di Campione Nazionale IUTA per i primi di ciascuna categoria, con relativo trofeo, a concludere la lunga ma bellissima manifestazione.

E’ il momento dei saluti, Vito Intini ha parlato di record di partecipanti per una 6 Ore italiana, alcuni partecipanti mi hanno detto che forse è la più bella in Italia, francamente posso solo affermare che vale la pena viverla e soprattutto correrla, ciascuno secondo le proprie possibilità, contro il logorio della vita moderna…

Era attesa la sentenza che finalmente è arrivata: Luisa Betti è stata squalificata per 18 mesi.  

Ecco il comunicato Nado Italia:

La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico della sig.ra Luisa Betti (tesserata FIDAL), visti gli artt. 2.1, 4.5.11 e 4.11.1 delle NSA, afferma la responsabilità della stessa in ordine all’addebito ascrittole e le infligge la squalifica di 18 mesi a decorrere dal 6 ottobre 2018 e con scadenza al 5 aprile 2020. Visto l’art. 10 NSA dispone l’invalidazione del risultato eventualmente conseguito in gara. Condanna la sig.ra Betti al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00.

Riporto anche il comunicato della sospensione per ricordare i fatti:

La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare la sig.ra Luisa Betti (tesserata FIDAL), riscontrata positiva alla sostanza Betametasone a seguito di un controllo disposto dalla NADO Italia al termine della Manifestazione “100 Km delle Alpi – Torino -Foglizzo “ svoltasi a Foglizzo il 6 ottobre 2018.

Riporto, ancora, quando dichiarato dalla Betti, su questo sito e anche sulla sua pagina Facebook quando arrivò la sospensione cautelare:

“Prima di iniziare ad accusare e a crocifiggermi… sappiate almeno bene come sono andate le cose. Io non ho nulla da nascondere e spiegherò tutto, anche perché prima del controllo anti-doping (alla 100 km delle Alpi in cui sono arrivata quinta, figuriamoci) ho subito dichiarato l'uso di un farmaco a base cortisonica che ho dovuto purtroppo assumere per motivi di salute a fine settembre (causa blefarite, una grave infiammazione delle palpebre di natura allergica), ma solo per una decina di giorni. Prima del controllo l'ho DICHIARATO ed ho mostrato anche il CERTIFICATO medico che mi ero fatta fare nell'eventualità di un controllo (non lo posto solo per motivi di privacy), ma evidentemente non è bastato. Proprio poche ore fa mi è giunta la brutta notizia di una sospensione cautelare (che NON equivale a una squalifica, ci tengo a sottolineare) e mi sono subito affrettata a contestarla e ad avvisare chi di competenza, compreso il mio medico di fiducia. Forse non avrei dovuto gareggiare in quei giorni, è vero… ma sinceramente non pensavo che la situazione potesse rivelarsi così grave. E poi con il certificato mi sentivo tutto sommato abbastanza sicura, ignorando o quasi tutta la storia della procedura TUE. Certamente è stata una imperdonabile leggerezza di valutazione che pagherò a caro prezzo come è giusto che sia, non mi sto affatto giustificando per quello… ma sono comunque tranquilla e soprattutto ho la coscienza più che pulita, e fiduciosa di riuscire a chiarire la faccenda. Ho tutte le prove e le documentazioni che testimoniano la mia buonafede e non vedo l'ora di poterle mostrare a chi di dovere. Chi mi conosce bene sa chi sono, sa da quanto tempo corro e soprattutto per quali MOTIVI corro. Motivi non certo legati a tempi e vittorie, anche perché altrimenti mi allenerei come si deve e non correrei così tante gare di fila. Confido quindi nell'intelligenza e nella sensibilità di ognuno di Voi. Se poi dovrò scontare una pena la sconterò, come è giusto che sia… del resto la leggerezza è stata mia e sono concorde con la frase "la Legge non ammette ignoranza". Se siete comunque Amici, come in cuor mio spero… mi crederete e mi starete magari vicini in questo difficile momento, senza crocifiggermi ne’ darmi addosso. Anche perchè come è accaduto a me, una semplice Amatrice che ha sempre corso per pura passione, può accadere a qualsiasi altro. Spero solo che serva come monito e insegnamento non solo a me, ma a tutti quanti. Per adesso non ho altro da aggiungere, anche perchè sono ancora abbastanza scossa e abbattuta. Grazie a tutti della comprensione”.

Ecco ora le parole della Betti appena pubblicate sul suo profilo Facebook: 

"Solo tre cose: 1) a breve uscirá anche la MIA verità, che ho già raccontato per filo e per segno a diversi giornalisti. Sono convinta che un medico che dichiara il falso per insabbiare le sue scorrettezze e le sue violazioni di protocollo vada denunciato e fatto radiare, e giuro che sarà quello che cercherò di fare fino a che sarò viva, per evitare che danneggi altri come ha danneggiato me. Se le regole valgono per tutti, allora devono valere anche per i medici che controllano. 2) Ho sempre detto la pura e semplice verità, ho sempre ammesso di aver sbagliato e che avrei accettato di buon grado qualsiasi pena, purchè giusta ed equa. Questa non lo è stata affatto, credetemi, poichè sono state dichiarate cose false, oltretutto da un MEDICO, e guarda caso i miei testimoni (Stefano Romano e Costanzo Michelangelo, i quali ringrazio immensamente per la disponibilità), che lo avrebbero smentito, non sono nemmeno stati ascoltati. NON intenzionalità dichiarata, come dichiarato era il farmaco al momento del controllo, eppure alla sottoscritta DICIOTTO mesi di squalifica quando ad altri per casi analoghi (e farmaco NON dichiarato) solo SEI: perdonatemi ma non mi sembra proprio "equità". 3) Ovviamente farò ricorso e denuncerò al tribunale giudiziario il cosiddetto individuo, quindi non finisce qui... anzi, è appena iniziata. 4) Chi mi odia può stare tranquillo/a, poichè annuncio già da adesso che non gareggerò più. MAI PIU'. Già deciso. Preferirei mozzarmi un braccio e ingoiarlo piuttosto che rimettere piede in questo ambiente. Cinque mesi d'inferno, due esaurimenti nervosi in quattro mesi (tre con quello di oggi) sono bastati e avanzati. Non ne vale proprio la pena, e adesso lo so. A me non è mai fregato niente dei tempi, dei podi, di vincere, ho sempre corso per motivi ben più profondi e chi mi conosce lo sa. Quindi alla fine posso correre anche per conto mio, oramai mi sono abituata. Ma almeno voglio andarmene a testa alta, facendo trionfare la verità. Mi consola solo il fatto che io, a differenza di altri, potrò sempre guardarmi allo specchio la mattina. Altri invece continueranno a strisciare come topi di fogna, protetti dai loro sponsors e dalle loro raccomandazioni. Se questo è un ambiente che premia e favorisce questi ultimi, allora mi spiace, ma non può fare per me. Sono stata bene in questi anni, ho conosciuto tante persone meravigliose che porterò sempre nel cuore...ma dopo questa vicenda per me estremamente traumatica, che mi ha fatta comunque crescere e migliorare, è un capitolo definitivamente chiuso. Saluti dal "Santo Spirito" di Roma, rimango qui almeno fino a domani, quindi chi vuole mi venga pure a trovare (non spaventatevi però se mi troverete in uno stato comatoso). Non voglio likes, infatti questo profilo domani sarà sparito (affrettatevi pertanto a leggere e a screennare). E ricordatevi sempre che..."la Legge NON è uguale per tutti", specie in Italia e specie in questo ambiente. Grazie di cuore a chi mi ha sempre sostenuta e ha sempre creduto in me".

[F. M.] Aspettiamo le prossime puntate, condite (si spera) da fatti credibili e non da proclami e accuse dalla quantità indefinita (le "tre cose" sono già diventate quattro). Per restare nei numeri e nel settore medico, tre "esaurimenti nervosi" in quattro mesi ci sembrano un po' tanti, se alla parola "esaurimento nervoso" attribuiamo il significato medico tradizionale (peraltro oggi in disuso, e poco fondato scientificamente, dato che i "nervi" non si possono "esaurire"), di uno stato cronico che imponeva mesi se non anni di cura. Non dubitando di quanto asserisce Luisa Betti, immaginiamo e speriamo per lei che sotto questo termine abbia voluto indicare delle "crisi di nervi", delle situazioni acute momentanee di stress e sofferenza mentale, recuperate e recuperabili in pochi giorni. Quanto al ristabilimento della verità, non è minacciando di perseguire altri a 361 gradi che si acquista credibilità. Avendo dato prova di garantismo fin dalla prima messa in stato d'accusa di L. B. (chissà se l'interessata se ne è accorta) ci offriamo tra quei "giornalisti" disposti ad ascoltarla "per filo e per segno". Al momento, sappiamo solo che a un nostro giornalista erano stati promessi documenti che non ha mai avuto.

 

17 marzo - Thomas Kiplagat Rono (Kenya) e Desi Jisa Mokonin (Bahrain) sono i vincitori della Seoul Marathon, evento IAAF Gold Label road race, in Corea del Sud.

Il 32enne Kiplagat si è imposto in 2h06:00, terza vittoria della sua carriera, migliorando nettamente il proprio personale stabilito nel 2014 alla Joongang Marathon, la maratona autunnale sempre di Seoul. Resiste viceversa il primato della gara, il 2h05:13 stabilito dal keniano Wilson Loyanae Erupe nel 2016.

Sotto le 2h e 7 minuti hanno tagliato il traguardo altri tre atleti: i connazionali Elisha Kipchirchir Rotich, secondo in 2h06:12 (migliorando anch’egli il pb finora di 2h07:32, stabilito lo scorso ottobre ad Eindhoven) e Mike Kiptum Boit, terzo in 2h06:24 (pb) e l’etiope Fikre Bekele in 2h06:27 (pb). Quinto posto ancora per un keniano, Robert Kiplimo Kipkemboi in 2h07:11. 

Tra le donne successo per la 21enne Mokonin, alla prima vittoria della carriera sulla distanza, in 2h23:45, a soli sei secondi dal personale stabilito ad Amsterdam lo scorso ottobre (lontanissimo i record della gara stabilito nel 2016 da Zhou Chunxia in 2h19:51). La Mokonin era arrivata settima nel mondiale di mezza maratona disputato a Valencia nell’ottobre 2018.

La etiope Hirut Tibebu, campionessa uscente, ha concluso in seconda posizione in 2h24:10, seguita dalla keniana Celestine Chepchirchir, terza in 2h24:49 (pb) e dall’altra etiope Zinash Mekonen, quarta in 2h25:44.

Classifiche:                       

Uomini

  1. Thomas Kiplagat Rono, KEN, 2:06:00
  2. Elisha Kipchirchir Rotich, KEN, 2:06:12
  3. Mike Kiptum Boit, KEN, 2:06:24
  4. Fikre Bekele Tefera, ETH, 2:06:27
  5. Robert Kiplimo Kipkemboi, KEN, 2:07:11
  6. Tariku Kinfu, ETH, 2:09:06
  7. Sammy Kitwara, KEN 2:09:52 

Donne 

  1. Desi Jisa Mokonin, BRN, 2:23:45
  2. Hirut Tibebu Damte, ETH, 2:24:10
  3. Celestine Chepchirchir, KEN, 2:24:49
  4. Zinash Mekonen Lema, ETH, 2:25:44
  5. Mercy Jerotich Kibarus, KEN, 2:27:20
  6. Ahn Seul-Ki, KOR, 2:26:28
  7. Merima Mohamed, BRN, 2:27:34

 

17 marzo - Doppietta keniana nella New Taipei City Wan Jin Shi Marathon (Taiwan), evento IAAF Silver Label road race, con successi di Mathew Kipsaat e Naomi Jepkogei Maiyo, che hanno stabilito anche i nuovi record della gara in campo maschile e femminile.

Kipsaat, dopo aver corso fino al 29° km 'nascosto' in un gruppo di quattro atleti, ha poi deciso di prendere decisamente l’iniziativa tagliando solitario il traguardo in 2h11:17, che migliora il precedente limite della corsa stabilito da William Chebon Chebor nel 2016 in 2h13:05 (Kipsaat ha invece un primato personale di 2h09:19 stabilito a Roma nel 2017).

Secondo e terzo, in un podio tutto keniano, Philip Cheruiyot Kangogo in 2h13:57 e Alex Chepkwik Saekwo, terzo in 2:15:18.

Tra le donne, la Maiyo, dopo essere passata nel gruppo di testa composto da 5 atlete alla mezza in 1h16:58, ha staccato le avversarie dal 35° km, aumentando sempre più il suo vantaggio, fino a tagliare il traguardo in 2h34:08, che migliora di 54” il precedente limite della corsa, ma non il suo limite personale (2h31:31 a Cape Town nel 2017).
Seconda è Meseret Sisay in 2h34:51 che precede Ednah Mukhwana, terza in 2h35:01.

 

Chiuse le iscrizioni per la 25^ edizione dell’Acea Maratona Internazionale di Roma, in programma il prossimo 7  aprile: è stata, infatti, raggiunta, ben prima della scadenza del termine fissato per il 25 marzo prossimo, quota 10000 richieste, l'obiettivo che si erano prefissi FIDAL e Roma Capitale, gli attuali organizzatori.  

Gli stessi organizzatori, però, vista la continua richiesta di partecipazione che si sta verificando in questi ultimi giorni, comunicano che, dal 26 marzo, gli eventuali pettorali non assegnati a causa del mancato pagamento saranno messi a disposizione per soddisfare le tante richieste.

Sul sito federale sono stati pubblicati i criteri di selezione per la rappresentativa che rappresenterà ai prossimi Campionati Mondiali di 24 Ore in programma ad Albi, in Francia, in calendario per sabato 26 e domenica 27 ottobre 2019, predisposti dalla Direzione Tecnica FIDAL, di concerto con IUTA (Associazione Italiana Ultramaratona e Trail).

Eccoli, riportati fedelmente:

Premesso che la formazione di una squadra completa, al femminile e al maschile, è subordinata alla possibilità di schierare Team sufficientemente competitivi, saranno iscritti alla gara individuale fino ad un massimo di 9 atleti/e gara. I 6 atleti M/F che andranno a comporre le squadre verranno definiti entro la data stabilita dalla IAU. Porteranno punteggio per la classifica a squadre i migliori 3 M/F delle squadre.

Le scelte degli/delle atleti/e verranno fatte in base a:

  1. 1° uomo e 1^ donna del Campionato Europeo IAU 24h 2018; Atleti preselezionati: Enrico Maggiola (242,391 km) e Francesca Innocenti (203,987 km);
  2. 1° uomo e 1^ donna del Campionato Italiano FIDAL individuale di 24 ore 2018 (Cesano Boscone 20/21 ottobre 2018), purché con almeno 225 km per gli uomini e con almeno 205 km per le donne; Atleti preselezionati: Tiziano Marchesi (244,248 km)
  3. 1° uomo e 1^ donna della gara di 24 ore del Campionato Italiano IUTA di Società 2018 (San Giovanni Lupatoto 22/23 settembre 2018), purché con almeno 225 km per gli uomini e con almeno 205 km per le donne; Atleti preselezionati: Matteo Ceroni (227,438 km);
  4. migliori prestazioni tecniche conseguite, nei 24 mesi precedenti la data di comunicazione delle convocazioni qui sotto riportata: in manifestazioni ufficiali sulla 24 ore, purché superiori a 230 km per gli uomini e a 210 km per le donne; oppure nei Campionati Europei e/o Mondiali purché superiori a 225 km per gli uomini e a 205 km per le donne; in caso di migliori prestazioni equivalenti (+/- 5 km), saranno preferiti gli atleti con le prestazioni conseguite nei 12 mesi precedenti e/o gli atleti che abbiano anche un ulteriore prestazione superiore a 220 km (per gli uomini) e a 200 km (per le donne), significativa della loro affidabilità;
  5. scelta tecnica, specie mirata alla valorizzazione di atleti di età inferiore ai 35 anni.
  6. prestazioni importanti su altre distanze: 12h (132 km uomini e 125 km donne); Spartathlon (28h uomini e 31h donne); Nove Colli Running (22h uomini e 25h donne)

La convocazione degli atleti sarà comunicata entro il giorno 22 Maggio 2019. La partecipazione alla manifestazione è subordinata alla verifica dello stato di salute dell’atleta e alla condivisione della programmazione tecnico-agonistica fra l’atleta convocato, il suo tecnico personale (laddove presente e tesserato) e la Direzione Tecnica. In particolar modo, gli atleti convocati dovranno concordare nel dettaglio con la Direzione Tecnica la partecipazione a manifestazioni agonistiche nel periodo che intercorre tra la comunicazione della convocazione e il Campionato Mondiale. In ogni caso, gli atleti non potranno portare a termine, dopo la convocazione, gare superiori alle 100 Miglia e partecipare ad altre gare di ultramaratona, condotte con ritmo medio di gara più veloce del 10% del ritmo gara del proprio personale della distanza percorsa.

17 marzo - Grandissima prestazione della keniana Vivian Cheruyiot che ha vinto la 29^ EDP Meia Maratona de Lisboa, evento IAAF Gold Label Race, in 1h06:34, migliorando il record della corsa – 1h08:22 stabilito dalla connazionale Rose Chelimo nel 2015 – e il proprio primato personale – 1h07:43 alla Great North Run di Newcastle nel 2018.

In una giornata climaticamente perfetta se non fosse stato per un fastidioso vento contrario, la 35enne campionessa olimpica sui 5000 nel 2016 ha distanziato le avversarie già dal 10° km avviandosi in solitaria verso il successo.

In preparazione per l‘imminente Maratona di Londra, dove l’anno scorso si affermò in 2h18:31, Cheruyiot ha mantenuto la promessa fatta venerdì in conferenza stampa di battere il proprio primato personale, dicendosi anzi rammaricata di essere stata rallentata dal vento, ma convinta di aver sostenuto un ottimo allenamento per Londra.

Secondo posto per la etiope Zeineba Yimer in 1h08:07 che precede la debuttante keniana Sandra Tuei Felis, terza in 1h08:14, seguita dalle connazionali Linet Masai (campionessa mondiale sui 10000 nel 2009), quarta in 1h08:51, e Caroline Chepkemoi, altra debuttante, quinta in 1h09:13. Splendido sprint per il sesto posto, con la svedese Meraf Bahta, anche lei al debutto, sesta sulla portoghese Sara Moreira, settima, ma entrambe in classifica con il crono di 1h12:09.  

In campo maschile, dove quattordici atleti hanno chiuso sotto i 61 minuti, vittoria per l’etiope Mosinet Geremew in 59:37, in una gara molto combattuta con 14 atleti nel gruppo di testa sino al 15° km.

Al 18° km è partita l’azione decisiva di Geremew che è andato a vincere sfiorando il proprio limite personale (59:11 nel 2014 a Nuova Dehli): l’etiope ha dichiarato a fine gara di non essere ancora nelle migliori condizioni di forma, pur sentendosi soddisfatto di questa gara, anche per lui un test per la Maratona di Londra.  

Secondo posto per l’etiope Berehanu Wendim Tsegu in 59:42, al debutto; terzo il keniano Isaac Temoi in 59:44, primato personale migliorato di quasi due minuti e mezzo. Quarto l’eritreo Abrar Osman in 59:47, a 32 secondi dal personale.

10600 i finisher.

Classifiche:

Uomini: 

1 Mosinet Geremew, ETH, 59:37

2 Berehanu Wendemu Tsegu, ETH, 59:42 PB

3 Isaac Kipsang Temoi, KEN, 59:44 PB

4 Abrar Osman, ERI, 59:47 PB

5 Kelvin Kiptum Cheruiyot, KEN, 59:54

6 Edwin Kiptoo, KEN, 59:58

7 John Loitang, KEN, 01:00:09 PB

8 Bernard Kimani, KEN, 01:00:11

9 Simon Cheprot, KEN, 01:00:12

10 Nicholas Kosimbei, KEN, 01:00:21 =PB

 

Donne:

1 Vivian Cheruiyot, KEN, 01:06:34

2 Zeineba Yimer, ETH, 01:08:07

3 Sandra Tuei Felis, KEN, 01:08:14

4 Linet Masai, KEN, 01:08:51

5 Caroline Chepkemoi, KEN, 01:09:13

6 Meraf Bahta, SWE, 01:12:09

7 Sara Moreira, POR, 01:12:09

8 Jéssica Augusto, POR, 01:13:07

9 Elena Loyo, ESP, 01:15:36

10 Monika Bytautiene, LTU, 01:16:01

 

Martedì, 19 Marzo 2019 22:14

Canosa di Puglia (BT) - 22^ Diomediade

17 marzo - Una giornata climaticamente perfetta, soleggiata ma non caldissima, l’ideale per correre, ha ospitato la 22^ edizione della Diomediade, gara nazionale di 10 km, che a Canosa di Puglia ha aperto l’edizione 2019 del Campionato regionale a tappe “Corripuglia”.

1070 gli iscritti Fidal alla gara competitiva, ai quali si sono aggiunti un centinaio di cosiddetti “liberi”; oltre 200 i partecipanti alla contemporanea “Corsa di Gio”, sulla distanza di tre chilometri, aperta a tutti, per ricordare lo studente liceale improvvisamente scomparso un anno fa, Giovanni Tomasi, canosino che amava lo sport, e diffondere il messaggio che “attraverso lo sport tutti sono inclusi”.   

La “Diomediade”, valida anche come Campionato regionale master individuale e di società sulla distanza dei 10 km, ha ricordato il grande Peppuccio Matarrese, atleta leale e positivo, con il quale ho condiviso numerose gare prima che un maledetto male lo portasse via ai suoi cari e ai suoi colleghi corridori.

Con il ritrovo fissato in pieno centro cittadino, in Piazza Vittorio Veneto, utilissimo il parcheggio predisposto in Piano San Giovanni – Area Mercatale, a due passi dalla Cattedrale, che ha permesso di risolvere agevolmente il problema di sistemare la vettura.

Presso la sede dell’Atletica Pro Canosa, in Via Muzio Scevola, distante circa 200 metri, il pagamento delle quote d’iscrizione e il ritiro dei pacchi gara, il tutto svolto in maniera rapida. Iscrizione fissata ad 8 euro, con uno destinato in beneficenza; pacchi gara contenenti la maglia tecnica celebrativa, un cuore blu ricamato all’uncinetto (per ricordare Giovanni), più alcuni integratori.

Per il Campionato Corripuglia 2019 restano in vigore pettorali e chip dello scorso anno; il rinnovo chip avviene all’esiguo costo di 2 euro, per l’intera stagione.  

Due soli euro pure il costo per l’iscrizione alla Corsa di Gio, ricevendo la maglia tecnica, che tutti indossano in questa marcia solidale ideata dalla dott.ssa Raffaella Dianora, con il patrocino della Fidal Puglia.

Alcuni bagni chimici risolvono l’annoso problema mattutino di tutti i podisti; si aggiungono la vetusta struttura fissa della villa e quella cittadina, più distante, nella speranza di evitare scene poco educate.

A presentare la manifestazione Paolo Liuzzi, sempre più componente essenziale delle gare di Corripuglia, autentico mitragliatore di parole, incitamenti, consigli e citazioni.

Bellissimo l’allestimento di Piazza Vittorio Veneto con la Cassarmonica interamente abbellita e colorata dai fiori; piante e banner degli sponsor vitalizzano la stessa Piazza, dove spiccano i palloncini bianco e blu di… Giovanni.

La giornata primaverile favorisce la voglia di correre, in breve gli atleti sono già pronti per muoversi e cominciano i tradizionali esercizi di risveglio muscolare.

Frattanto i soci organizzatori, sotto la diretta guida del presidente Tomaselli, definiscono gli ultimi tasselli; la Polizia locale, sotto l’occhio esperto del maresciallo Peppino Germninario, altro runner di lungo corso, provvede a mettere in sicurezza il percorso.

Con l’avvicinarsi dell’orario di partenza, previsto per le 9.30, i giudici invitano gli atleti a schierarsi in zona avvio, su Corso San Sabino; anche quest’anno il Campionato Corripuglia predispone una zona pole per gli atleti più veloci preventivamente selezionati dalla Commissione Master della Fidal Puglia e dotati di apposito bollino distintivo da applicare sul pettorale, per snellire le caotiche fasi iniziali e garantire sicurezza a tutti i partecipanti.

Sistemati perfettamente gli atleti dietro la linea di via, è Giacomo Leone, il presidente della Federazione Regionale, indimenticato maratoneta di livello mondiale, a sparare il colpo di pistola che libera i corridori e li conduce sulle strade di Canosa.

Dieci minuti dopo, ecco il via per la Corsa di Gio: partecipa anche il suddetto Giacomo Leone, manifestazione molto toccante, con famiglie e ragazzini, però per le prossime eventuali edizioni eviterei la sovrapposizione con gli atleti della competitiva, occorre studiare un tracciato alternativo.

Torniamo intanto alla competitiva, da subito è battaglia tra Gaeta, Quarato e Albanese: si comprende subito che il vincitore apparterrà a questo terzetto; in campo femminile appare invece netto il dominio di Francesca De Sanctis.

Il tracciato di Canosa non è mai piatto, è un continuo alternarsi di cambi di pendenza, e se le discese passano rapidamente, ben altra fatica occorre fare in salita; il problema è che, finita una, ne segue subito un’altra! Tracciato tecnico, duro, da uomini e donne “veri”, interamente bloccato al traffico, tranne in un punto, quando alcune auto forzano il blocco, pur prontamente fatte uscire dai Vigili. Ristoro con acqua a metà tracciato, numerosi gli spettatori presenti, anche se spesso non prodighi di incitamenti.    

Negli ultimi metri si risolve la gara: Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra), reduce dal successo nel 3000 in pista a Brindisi del sabato pomeriggio, è protagonista di un possente allungo che lo porta a tagliare per primo il traguardo in 32:38, con il mai domo Mino Albanese (Atletica Crispiano), reduce dalla nottata lavorativa in pizzeria, che conclude secondo a soli tre secondi, in 32:41. Più distante, avendo un po’ rallentato nel finale, Giuliano Gaeta (Montedoro Noci), carico di chilometri, terzo in 33:18, a completare il podio. Bravissimo, Francesco Milella (Pedone Riccardi Bisceglie) è quarto in 33:40, davanti all’esperto abruzzese Antonello Petri (Daunia Running San Severo), quinto in 34:04, e al più giovane compagno di squadra Silvio Furio, sesto in 34:09. Sempre combattivo ma dai modi pacifici e rilassati, Michele Uva (Free Runners Molfetta) è settimo in 34:35, a precedere il primo atleta della società organizzatrice, il buon Antonio Di Giulio, ottavo in 35:02, e il reattivo Raffaele Nanula (Atletica Trinitapoli), nono in 35:06. A seguire, due ottimi protagonisti della Daunia Running, Matteo Mimma, decimo in 35:15, e l’abruzzese Domenico Caporale, già tre titoli italiani SM55 – tra cross e indoor - in questo scorcio iniziale di stagione, undicesimo in 35:24.

La termolese Francesca De Sanctis (Atletica Casone Noceto) è protagonista di un ottimo assolo e va meritatamente a cogliere il successo in 40:21, mettendo fine – speriamo – alla sfortuna; secondo posto per Damy Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva), che chiude seconda a soli 16”, in 40:37, e forse non ha torto chi dice che dovrebbe credere di più nelle sue possibilità; terza, in gran ripresa, Miriana Parisi (Amatori Atletica Acquaviva) in 41:10. Quarta Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), apparsa oggi un po’ stanca, in 41:21; sempre generosa, Raffaella Filannino (Atletica Disfida di Barletta) è quinta in 41:59, seguita dalla capace Sonia Quattrocchi (Daunia Running), sesta in 42:10, e da una ritrovata Marilena Brudaglio (Assi Trani), settima in 42:24. Sempre brillante, Mara Lavarra (Amatori Putignano) è ottava in 43:12 a precedere l’onnipresente Francesca Riti (Montedoro Noci), nona in 43:46, l’abile Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano), decima in 44:01, e la combattiva Luana Piscopo (Dream Team Bari), undicesima in 44:20.

1009 i finisher: chiudono il sempre giulivo Eligio Lomuscio (Barletta Sportiva) in 1:36:15, e la caratterialmente fortissima Antonella Stani (Ikkos Atleti Taranto), in 1:39:56.

Un ristoro con frutta, crostatina, tarallini e acqua permette di ritrovare le forze; gli iscritti alla Corsa di Gio ottengono anche la speciale medaglia.  

Frattanto, quando ancora non hanno tagliato il traguardo gli ultimi, si comincia con la cerimonia di premiazione alla presenza del locale sindaco, Roberto Morra, del vice sindaco con delega allo sport, Francesco Sanluca, dell’assessore alle politiche sociali Francesca De Mitri, del presidente della Fidal Puglia, Giacomo Leone, del delegato CONI per la BAT, Riccardo Piccolo, del vice questore Raffaele Fiantanese e del consigliere della Regione Puglia, Francesco Ventola.  Si comincia con la consegna di una speciale targa “ecologica”, a impatto zero ambientale, consegnata alla zia del mai troppo compianto Giovanni, per passare al riconoscimento per i vari sponsor. Il memorial Peppuccio Matarrese se lo aggiudica Antonio Di Giulio, primo canosino al traguardo, che riceve la targa direttamente dalla moglie di Giovanni.  

Due estrazioni per biglietti di tribuna per il Golden Gala concludono definitivamente la gara solidale; si passa ora alla competitiva, partendo dai due vincitori Quarato e De Sanctis, tanti i premi per loro, occorre un aiuto per portarli via…

E si prosegue con i meritevoli delle varie categorie, estesi ai primi cinque per tutte: cesti, confezioni di bottiglie di vino e pianta per le donne premiano i più capaci.

Ultimo atto, la premiazione delle società per numero complessivo di arrivati; vince la Barletta Sportiva su Tommaso Assi Trani e Pro Canosa, con questi ultimi, che ospitalmente e sportivamente, si fanno da parte a favore della Maratoneti Andriesi.

Le classifiche di campione regionale di società indicano la Montedoro Noci vincente in campo maschile su Atletica Tommaso Assi Trani e Daunia Running San Severo; in campo femminile è campione la Atletica Monopoli su  Atletica Tommaso Assi Trani e Barletta Sportiva; la premiazione avverrà come sempre nell’ambito della festa finale del Corripuglia.

E’ davvero finita, ora occorre smontare e ripristinare ogni cosa alla normalità, il tutto con la certezza di aver fatto le cose per bene.

Campioni Regionali Master Pugliesi 10km:

SM35 - Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra)

SM40 – Daniele Donofrio (Daunia Running)

SM45 – Antonello Petrei (Daunia Running)

SM50 – Giuseppe Miglietti (Daunia Running)

SM55 – Domenico Caporale (Daunia Running)

SM60 – Giuseppe Lagrasta (Atletica Pro Canosa)

SM65 – Michele Gallo (Montedoro Noci)

SM70 – Antonio Peragine (Pedone Riccardi Bisceglie)   

SM75 – Nicola Vito Traversa (Pedone Riccardi Bisceglie)

SM80 – Vitantonio Lippolis (Montedoro Noci)

SM85 – Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto)

SF35 – Raffaella Filannino (Atletica Disfida di Barletta)

SF40 – Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva)

SF45 – Mara Lavarra (Amatori Putignano)

SF50 – Vittoria Elicio (Atletica Amatori Corato)

SF55 – Grazia De Corato (Atletica Pro Canosa)

SF60 – Alessandra Camassa (GPDM Lecce)

SF65 – Lina Taddeo (Marathon Massafra)

SF70 – Teresa Cicciarelli (Maratoneti Andriesi)

17 marzo - Sono la primatista mondiale di mezza maratona Joyciline Jepkosgei, e il sorprendente outsider etiope Belay Tilahun a vincere la United Airlines NYC Half, disputata in una giornata di bel tempo.  

Sul tracciato con partenza  da Brooklyn, passaggio dentro Manhattan per poi sfiorare l’East River, prima di onorare il  Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite e concludere in Central Park, la keniana Jepkosgei, pur soffrendo  nell'ultimo terzo di gara, si è imposta in 1h10:07 (sesto successo di una keniana in questo evento, il primo dal 2014), davanti alla connazionale Mary Wacera Ngugi, seconda in 1h11:07, e alla vincitrice uscente, l’etiope Buze Diriba, terza in 1h11:22. Quarta la statunitense Emma Bates in 1h11:13 davanti alla connazionale  Desiree Linden in 1h11:22, che ha fatto un test in vista della Boston Marathon, dove cercherà di bissare il successo di un anno fa.  Undicesima Edna Kiplagat in 1h13:18.

Tra gli uomini, a sorpresa, si impone il 24enne etiope Tilahun, vincitore dell’ultima Corrida di San Silvestro a San Paolo, in 1h02:10, raggiungendo e superando nel finale l’ eritreo Daniel Mesfin – che era stato in testa per quasi tutta la gara, secondo in 1h02:16. Terzo posto per il debuttante sulla distanza, lo statunitense di origine  keniana, argento olimpico e bronzo mondiale dei 5000 metri, Paul Chelimo, in  1h02:19. Quarto l’altro statunitense Jared Ward in 1h02:33, sul connazionale Noah Droddy in 1h02:39. Decimo il campione uscente Ben True in 1h02:56.

2459 i finisher, 1205 uomini e 12354 donne.

17 Marzo - “Buona la prima!”, recita il famoso detto, e decisamente buono è stato lo svolgimento della prima edizione della Maratona della Grecia Salentina, che è partita in Piazza del Sole a Calimera, per attraversare le vie cittadine per 5 chilometri, ripassare sul punto di avvio per poi attraversare Martano, Carpignano Salentino, Castrignano de’ Greci (con il passaggio della mezza) e Melpignano, fino a fare ritorno a Calimera, con l’arco di arrivo posto nei pressi della chiesa di San Brizio.  

Ad organizzare la Asd La Mandra, presieduta dal validissimo maratoneta Cristian Bergamo, in collaborazione con i comuni attraversati, con il patrocinio del CONI, della Fidal, della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, dell’Unione dei comuni della Grecìa Salentina, dell’Esercito italiano e dell’Università del Salento.

400 gli scritti, provenienti da tutta Italia, per 339 finisher (40 donne), che hanno attraversato una buona fetta della Grecia Salentina, affrontando il vento di scirocco, su di un percorso continuamente presidiato, inibito alle automobili, con ricchi ristori e paesaggisticamente spettacolare.

E’ Tito Tiberti, il 38enne bresciano tesserato per la Free-Zone, da sempre amico della Puglia, il primo vincitore di questa manifestazione in 2h29:10; precede Lorenzo Villa (Atletica Mds Panariagroup), secondo in 2h37:10, e Lorenzo Lotti (Corri Forrest), terzo in 2h39:02. Quarto Francesco Fagnani (Purosangue Athletics Club) in 2h41:44, quinto Antonio Margiotta (Tre Casali San Cesario) in 2h51:32.

Tra le donne s’impone Francesca Mele (Club Correre Galatina) in 3h02:51 su Pamela Greco (Saracenatletica Collepasso), seconda in 3h08:12, e Milena Grion (Tre Casali San Cesario), terza in 3h13:37. Quarta Claudia Vincenti (AT Running) in 3h19:20, quinta Patrizia Pricci (Running Team D’Angela Sport) in 3h27:22.

Toccante l’arrivo dell’ultimo atleta, Vito Carignani (Action Running Monteroni), uno dei simboli del podismo salentino, scortato da tutti gli atleti della società organizzatrice, al traguardo in 5h39:50.

La manifestazione era valida anche per l’assegnazione dei titoli di campione regionale pugliese master sulla distanza.

Soddisfatti tutti partecipanti; soddisfatto in particolare l’ideatore e realizzatore della manifestazione, Cristian Bergamo: “E’ stata una grande emozione e un avvenimento indimenticabile. I risultati raggiunti ci ripagano dei sacrifici e del grande sforzo compiuto per organizzare questa maratona e per questo ringrazio tutti coloro che hanno lavorato e contribuito alla realizzazione dell’evento”.

L’evento è stato presentato da Antonio Tau, l’ottimo speaker del Salento, sempre positivo.    

15 marzo - Incredibile prima edizione della Bahrain Night Half Marathon a Manama: grandi tempi per i primissimi ma organizzazione che ha lasciato a desiderare (come riporta il sito Letsrun), con auto sul percorso e partecipanti dal passo lento, che stavano finendo una gara breve, ma si sono ritrovati tra i top che effettuavano gli sprint finali della maratona. Deficitarie anche la promozione e la comunicazione dell’evento.

In campo maschile si afferma l’etiope Abadi Hadis, bronzo ai mondiali di cross 2017, in 59:42 (personale di 58:44 a Valencia nell’ottobre 2018 e a Ras Al Khaimah a febbraio 2019), sul connazionale, primatista etiope sulla distanza (58:33 a Valencia il 28/10/2018) Jemal Yimer Mekonnen, secondo in 59:45: ma bisogna sottolineare che a circa 100 metri dal traguardo Yimer ha lanciato lo sprint e superato Hadis per fermarsi a braccia alzate ad un arco intermedio, a 50 metri dalla linea di arrivo, convinto di aver vinto; normale il nuovo sorpasso di Hadis, che si è così aggiudicato la vittoria e soprattutto il primo premio di 100.000 contro i 25.000 del secondo andati a Yimer, che per un banale errore ha perso ben 75.000 dollari!

Terzo il keniano Bernard Ngeno in 59:47 (premio di 15.000 dollari), quarto l’altro etiope Fikadu Haftu in 59:49, quinto il primo atleta di casa, Dawid Fikadu in 1h00:01, sesto il keniano Morris Gachaga in 1h00:09, settimo ancora un etiope Getaneh Molla in 1h00:26.

Da evidenziare che il gruppo di testa formato da venti uomini è passato al 10 km in 29:07; al 15°, ridotto a nove atleti, con Hadis in testa, il passaggio è avvenuto in 43:15.

Tra le donne, vittoria, 100.000 dollari di premio e 10° crono all-time (migliore stagionale) per la keniana Briged Kosgei in 1h05:28 che precede la connazionale Ruth Chepngetich, seconda in 1h06:09 (25.000 dollari e 21° crono di sempre); terza la etiope Netsanet Gudeta in 1h06:49 (15.000 dollari di premio).
Quarta la keniana Caroline Kipkirui in 1h07:51, quinta la etiope Senbere Teferi in 1h08:32, sesta l’altra keniana Pauline Kamulu in 1h08:34, settima la etiope Meseret Belete in 1h08:48, ottava la prima atleta di casa, Shitaye Eshete in 1h08:49.

Il passaggio al 10km, con il gruppo formato da sei atlete, è avvenuto in 31:32; al 15°, passaggio in 47:19, quando il gruppo era già ridotto alle tre atlete che hanno composto il podio.  

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina